25 giugno 1960 1960-vivente vivente
  Martina Franca

Cosa si sa: Famiglia

Nato a Brescia il 25 giugno 1960, Dario de Judicibus trascorre i primi anni di vita passando da una città all'altra al seguito del padre, militare di carriera. La sua è una famiglia medio-borghese: il padre, Danilo, è militare di carriera nell'Arma dell'Aeronautica, la madre, Maria Teresa, è professoressa di Scienze Naturali. Sebbene di origine pugliese, ogni membro della famiglia è nato in una città diversa, inclusi i nonni. Questa caratteristica e i continui spostamenti portano Dario a non sentirsi legato ad alcuna città ma a considerarsi semplicemente italiano, anzi, europeo, dato che negli anni successivi viaggia moltissimo, sia per studio che per lavoro e turismo. Dario sente cioè di appartenere alla cultura europea, in contrapposizione con quella americana che, pur conoscendo bene, avendo anche vissuto negli Stati Uniti, non condivide.

Nel 1989 sposa Silvia De Giorgis e nel 1995 Dario e Silvia hanno una bellissima bambina: Isabella. Nel 1998 i due coniugi si separano e Dario sperimenta, con sua sorpresa, il grave problema della discriminazione dei padri nelle cause di affidamento dei minori in caso di separazione e divorzio.

Dal 1998 al 2004 Dario si impegna moltissimo per passare quanto più tempo possibile con la figlia e continuare comunque a svolgere il suo ruolo di genitore nonostante i forti vincoli imposti dall'affidamento esclusivo alla moglie. L'obiettivo è soprattutto quello di mantenere la figlia serena dopo un evento che per lei è stato decisamente traumatico. In sei anni, la continua e assidua presenza del padre, riesce a far sì che Isabella cresca comunque in un clima di bigenitorialità, nonostante gli ostacoli spesso frapposti dalla madre.

È di questo periodo la fondazione da parte di Dario de Judicibus del movimento Padri ad Ore, a supporto delle associazioni di genitori separati nella battaglia per far passare in Parlamento una riforma di legge basata sull'affidamento condiviso.

Nel 2004 Dario e Silvia divorziano, ma la questione dell'affidamento resta ancora in sospeso e lo rimane fino alla maggiore età della figlia. Nel frattempo Dario si impegna attivamente nel promuovere la riforma della legge sull'affido condiviso entrata in discussione alla camera nel marzo 2005. Dal 1999 Dario ha una nuova compagna, Laura, che ha conosciuto a Salzburg durante l'ultima eclissi totale di sole, l'11 agosto del 1999, appunto. E poi dicono che le eclissi portano sfortuna...

Dario da piccolo
Dario da piccolo

Cosa si sa: Studi

Dopo aver passato i primi anni di vita ogni anno in una città diversa, nei primi anni Settanta Dario si trasferisce a Roma dove frequenta prima le medie e poi il liceo scientifico presso l'Istituto Massimiliano Massimo all'EUR dove prende la maturità con il massimo dei voti nel 1978.

Negli anni dal 1980 al 1984 partecipa come membro dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare a vari esperimenti di ricerca nel campo della Fisica delle Particelle Elementari, prima presso il CERN di Ginevra (Svizzera), poi presso i laboratori di SLAC a Stanford (California), DESY ad Amburgo (Germania) e il centro di calcolo del CNUCE a Pisa. Nel 1984 si laurea, magna cum laude, presso l'Università degli Studi di Firenze, Dipartimento di Fisica di Arcetri, con una tesi sull'analisi spettroscopica dei decadimenti radiativi della particella Upsilon (2S).

Crystal Ball
La Crystal Ball

Cosa si sa: Leva

Nel 1984 vince il concorso per entrare come Allievo Ufficiale in Artiglieria. Nel gennaio del 1985 arriva alla Scuola di Artiglieria di Bracciano, dove frequenta il 118° Corso Allievi Ufficiali di Complemento (AUC). A giugno viene promosso Sottotenente e inizia la sua leva come Ufficiale di Artiglieria, nella specialità semovente.

Come Ufficiale Specialista Topografo di Grande Unità partecipa con i suoi uomini a molte esercitazioni, sia nel Lazio che in Sardegna. Effettua anche vari voli di ricognizione in elicottero ed alcune esercitazioni di orientamento nel cuore della Sardegna. Sempre in quel periodo gli viene richiesto di investigare su un incidente, purtroppo mortale, che aveva visto coinvolto un bersagliere di stanza a Fasano. Per tale attività riceve un encomio ufficiale da parte del Comandante della Scuola.

Si congeda dall'Arma dell'Artiglieria nel giugno del 1986.

Artiglieria Semovente
Artiglieria Semovente

Cosa si sa: Lavoro

Nel 1986 entra in IBM presso il Laboratorio di Sviluppo Software di Roma, dove svolge inizialmente attività di disegno e sviluppo di programmi per la gestione di reti e sistemi su varie piattaforme e ambienti operativi (MVS/TSO, VM/CMS, OS/400, OS/2). In seguito assume diverse responsabilità nel campo degli aspetti ergonomici delle interfacce utente, nel campo delle metodologie di disegno e sviluppo orientato agli oggetti, e infine in quello del riutilizzo del codice. In quello stesso periodo si reca frequentemente presso i laboratori americani dell'IBM Corporation a Palo Alto (CA), Rochester (MI), Boca Raton (FL) e Austin (TX).

Nel 1991 segue alcuni corsi di specializzazione nelle metodologie di Problem Solving and Decision Taking e nel 1993 fonda nel Laboratorio il primo gruppo per lo sviluppo di Parti Riutilizzabili dell'IBM, il Reuse Shop. Quello stesso anno diventa membro del Reuse Technology Support Center, un'organizzazione internazionale dell'IBM Corporation il cui obiettivo è studiare e promuovere nell'azienda il riutilizzo del software.

Nel 1995 diventa inoltre Patent Manager, ovvero promuove lo sviluppo di idee brevettabili prodotte nel Laboratorio per conto dell'Intellectual Property dell'IBM Corporation. Quello stesso anno diventa membro del RNSL Technical Advisory Committee e partecipa alla definizione del nuovo processo di sviluppo delle applicazioni software.

Passato in IBM Global Services nel 1997, prima come specialista Tivoli, poi come responsabile delle Offering SM&NS, svolge attività di ingaggio e consulenza presso alcuni clienti. Passa quindi nel Marketing dove rimane fino al 1998, quando viene chiamato a fornire consulenza alla PSS come esperto di Skills Management.

Quello stesso anno diviene responsabile del sistema di gestione della conoscenza (Intellectual Capital Management) per l'EMEA South per conto della Global Services, carica che occupa fino al 1999. Durante questo periodo promuove con successo l'ICM prima in Italia e Spagna, quindi in Portogallo, Grecia e Israele, e infine in Turchia, portando la South Region al secondo posto nell'utilizzo dell'ICM dopo la North.

Nel frattempo entra nell'EMEA Knowledge Management Consulting Group e inizia un'attività di consulenza presso vari clienti appartenenti a diversi settori industriali sia in Italia che all'estero. Partecipa inoltre come relatore a diverse conferenze e scrive alcuni articoli sull'argomento su varie riviste.

La sua carriera come consulente inizia nel 2000, prima nella Business Consulting Services della IBM, quindi nella struttura denominata Sistemi Produttivi Territoriali. Nel 2007 passa infine al Software Group dove tuttora lavora come Managing Consultant in Business Strategy, Knowledge Management e Social Networking, e come Industry Solutions SSR nel settore delle piccole e medie imprese.

Diventa inoltre il titolare dell'isola dell'IBM Italia su Second Life dove è conosciuto come Eadoin Welles.

Nel 2014 decide di lasciare la IBM perché non ritiene che esistano più i presupposti per rimanere in un'azienda profondamente cambiata, soprattutto nei rapporti fra dirigenza e collaboratori. Consapevole che in Italia esistono poche possibilità di essere assunto a 54 in un'altra azienda, nonostante il ricco curriculum, decide di fondare una società assieme ad altre persone e così, nel 2014 dalle ceneri della vecchia NUCT, una scuola di cinema e televisione, nasce la Roma Film.

Diventato presidente della Roma Film, Dario si impegna per far crescere la nuova accademia di cinema e televisione, situata all'interno dei Cinecittà Studios, ovvero la Roma Film Academy.


Logo IBM Logo RFA

Brevetto US05874962
Brevetto US05874962

Cosa si sa: Scritti

Dario de Judicibus ha sempre amato scrivere. Fin da ragazzo ha passato molto tempo scrivendo soprattutto poesie e racconti, tuttora inediti. A partire dal 1991 ha iniziato a collaborare con riviste e case editrici pubblicando oltre 200 articoli e tre libri.

Nel 1991, infatti, inizia una proficua collaborazione con la rivista MC Microcomputer, sulla quale scrive fino al 1994 oltre 40 articoli, in prevalenza relativi alla programmazione in C su Amiga.

Nel 1996 inizia a collaborare con la rivista Internet News per una serie di articoli sul TCP/IP. Da lì inizia una fruttuosa collaborazione che lo porta a scrivere oltre 150 articoli in sette anni su svariati argomenti relativi al mondo Internet: protocolli di rete, architetture, linguaggi e prodotti hardware e software.

Nel 1999 pubblica un primo libro con la casa editrice Tecniche Nuove sui protocolli principali del TCP/IP: "TCP/IP in pillole", ISBN 88-481-1441-5.

Nel 2000 inizia una collaborazione anche con e-Business News, proprio nel campo della gestione della conoscenza, e pubblica un secondo libro relativo all'architettura XML: "Imparare XML in 6 ore", ISBN 88-481-1098-3. Nel gennaio 2003 viene pubblicato il suo primo libro non legato all'informatica, un trattato di pedagogia sul rapporto fra genitori e figli, pubblicato dalla casa editrice Armenia: "Le 10 Regole dei Buoni Genitori", ISBN 88-344-1505-1, seguito nel 2005 da un secondo volume intitolato "Le 10 Regole Per Vivere Sereni", ISBN 88-344-1803-4 che verrà distribuito a luglio.

A questi scritti si aggiungo alcuni articoli pubblicati su alcuni quotidiani, come l'Avvenire e il Golfo, e su alcune riviste specializzate, come IGED e Logistica Management. Poi, nel 2004, fonda il blog «L'Indipendente», al quale collaborano vari autori, fra cui alcuni giornalisti e pubblicisti.

Nel 2006 pubblica il suo primo romanzo con la casa editrice Armenia: "La Lama Nera", ISBN 88-344-1882-4. Inizia così la sua attività di scrittore di narrativa. Nel 2007 pubblica un racconto ambientato nell'universo virtuale «Second Life» intitolato «Fino alla fine dell'eternità», che decide di distribuire gratuitamente in rete sotto licenza Creative Commons 3.0. Quindi, nel 2008, un altro racconto, questa volta pubblicato nell'antologia «GialloScacchi — Racconti di sangue e di mistero» da parte della casa editrice Ediscere, ISBN 88-88928-33-2, con il titolo «Scacco matto all'assassino», un poliziesco dedicato al mondo degli scacchi.

In seguito inizia una collaborazione con l'associazione culturale «I Doni delle Muse», con la quale pubblica due romanzi di fantasy per ragazzi, facenti parte della saga «La Sorgente dei Mondi», e alcuni racconti in varie antologie. Nel frattempo firma un contratto di pubblicazione della trilogia della Lama Nera con la casa editrice Delos Digital con la quale poi pubblica anche alcuni romanzi di fantascienza e tre saggi nella collana «I Coriandoli».

Il logo del primo sito
Il logo del primo sito

Cosa si sa: Interessi

Dario de Judicibus ha innumerevoli interessi. Ha praticato molti sport, fra cui l'atletica, il tennis, il windsurf, il tennis da tavolo, il tiro con l'arco e soprattutto le arti marziali: judo, karate shoto kan, karate wadu ryu, aikido, kung-fu tang lang, commando krav maga e scherma storica.

Ha gareggiato, come agonista, sia in varie competizioni di tiro con l'arco, sia nei campionati regionali di Toscana di karate, dove si è piazzato per due anni di seguito rispettivamente secondo e primo della sua categoria (sotto i 70 chili). Recentemente ha conseguito l'attestato per il volo su ultraleggeri. Tuttora è agonista HEMA (Historical European Martial Arts), ovvero gareggia in tornei di scherma storica per conto dell'Accademia Romana d'Armi (ARA).

Per quanto riguarda le attività non sportive, fin da ragazzo si è occupato soprattutto di filatelia e di fotografia. Quest'ultima passione lo ha accompagnato negli ultimi trent'anni fino a portarlo ad organizzare nel 1999, assieme ad altri appassionati(1), la prima mostra itinerante italiana IAF@IAF, dal nome del gruppo di discussione it.arti.fotografia, poi riproposta nel 2000.

Altri interessi sono la musica (suona la chitarra, il flauto dolce e i bongo), la grafica (soprattutto al computer), la lettura (ha una biblioteca con oltre 5000 volumi) e la scrittura (ha scritto vari libri e articoli). La sua passione sono i libri di fantascienza e di narrativa fantastica. Gli piace molto visitare altri paesi e ha una buona conoscenza dell'inglese scritto e parlato. Per oltre dodici anni ha partecipato come giocatore e come master in un gioco di ruolo denominato Uno Sguardo nel Buio.

Appassionato di matematica e di psicologia, si interessa di informatica fin da ragazzo. Conosce molti sistemi operativi e parecchi linguaggi di programmazione. Recentemente ha sviluppato un programma gratuito per la visualizzazione di dizionari scaricabili dalla rete. Dario è infatti il membro italiano del Dictionary Team, un gruppo di volontari che sviluppano e diffondono gratuitamente in rete dizionari bilingui.

Al'inizio del 2008 dirige il primo musical live mai realizzato in Second Life: «Odissea the Musical» dei fratelli Marco e Massimo Grieco. La produzione dello spettacolo richiede 6 mesi di lavoro e oltre 50 persone, inclusi i cantanti del musical reale e gli attori che muovono gli avatar. Qualche mese dopo partecipa come responsabile degli effetti speciali, a una seconda produzione, sempre in Second Life e sempre live, ovvero «Draculea nel sangue e nell'amore».

Ha sempre avuto un grande interesse per la cucina, gli piace molto preparare la pasta all'uovo e sa fare un ottimo tiramisù. Inutile dire che gli piace moltissimo anche mangiare.

(1) Nel 1999 il comitato organizzatore era composto da Filippo M. Caroti, Dario de Judicibus, Agostino Maiello, Giandomenico "Giando" Marini, Nicola Prisco e Gloria Fondacaro; quello selezionatore da Rino Giardiello, Fredi Marcarini, Giuseppe Tosi, Michele Vacchiano e Alessandra Verdecchia. Nel 2000 il comitato organizzatore era composto da Agostino Maiello, Andrea Ranalli, Claudio Valerio, Christian Bernieri, Dario de Judicibus, Giandomenico Marini e Gloria Fondacaro; quello selezionatore era formato da Elisabetta Salviati, Rino Giardiello, Giancarlo Marcocchi, Enrico Ricciardi e Michele Vacchiano.

Aikido
Aikido

Cosa si sa: Politica

Profondamente liberale e laico, Dario de Judicibus inizia ad occuparsi di politica nel dicembre 2000 quando partecipa, assieme ad altri(1), alle prime elezioni via Internet di una parte del Comitato di Coordinamento dei Radicali con una lista, i «Radicali per le Libertà», di ispirazione liberale e liberista.

In seguito alla separazione, Dario viene a conoscenza di tutta una serie di problemi che vedono coinvolti i genitori separati, soprattutto i padri: la discriminazione sessista, che vede molti giudici privare i padri del loro ruolo di genitori e che li rende di fatto padri ad ore, l'affidamento esclusivo, che trasforma i figli in orfani di padre vivente, il comportamento spesso discutibile delle Sezioni Famiglia di molti Tribunali dei Minori, che agiscono spesso in modo affrettato e superficiale, il terribile problema delle sottrazioni internazionali di minori.

Tutto ciò lo porta a fondare prima il movimento Padri ad Ore, nel 2001, e poi a partecipare nel 2003 alla fondazione della Federazione Nazionale per la Bigenitorialità (Fe.N.Bi.). Collabora inoltre con Crescere Insieme, con le Associazioni Genitori per la Riforma e con altrea ssociazioni di genitori separati. Viene anche intervistato da numerosi giornalisti e pubblica un articolo sulla riforma sul quotidiano Avvenire.

In questo periodo organizza, grazie al valido supporto di Daniele Capezzone, del Movimento Radicale, una serie di dibattiti sul tema "affidamento" che vengono trasmessi da Radio Radicale.

Nel 2004 si interessa al progetto di Vittorio Sgarbi del Partito della Bellezza, ma poi inizia una collaborazione più attiva con Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali, che continua tuttora.

Nel 2005 diventa Delegato Nazionale della Fe.N.Bi. per i Testimonial e rafforza la sua collaborazione con l'associazione «Crescere Insieme». Con la calendarizzazione in Aula della riforma, viene spesso intervistato da varie emittenti radiofoniche e a marzo anche da SKY TG24.

Nel 2018 entra nel nuovo partito pan-europeo Volt, del quale prende la tessera.

(1) Il promotore della lista era Marco Faraci, i candidati erano Nicola Caporaso, Andrea Costantini, Luca Critelli, Dario de Judicibus, Alessio Di Carlo, Antonio Grippo, Giovanni Nicodemo, Oliviero Noventa, Giovanni Smiraglia, Matteo Spinelli e Alessandro Tapparini.


Radicali per le Libertà
Radicali per le Libertà

Volt
Volt

Infanzia

1960
1960
1964
1964

Studi

Primo Liceo Scientifico Sezione B - Anno Scolastico 1973-74
Primo Liceo Scientifico Sezione B - Anno Scolastico 1973-74
Primo Liceo Scientifico Sezione B - Anno Scolastico 197?-7?
Primo Liceo Scientifico Sezione B - Anno Scolastico 197?-7?
Primo Liceo Scientifico Sezione B - Anno Scolastico 197?-7?
Primo Liceo Scientifico Sezione B - Anno Scolastico 197?-7?

Leva

Allievo Ufficiale di Complemento
Allievo Ufficiale di Complemento
Sottotenente
Sottotenente
Sul campo: esercitazioni di tiro
Sul campo: esercitazioni di tiro
Sul campo: rilevamenti topografici
Sul campo: rilevamenti topografici

IBM

Novedrate - Corso IBM Mark 4
Novedrate - Corso IBM Mark 4

Sport

Rafting
Rafting
Tiro con l’arco
Tiro con l’arco
Corrida portoghese (senza ferimento del toro)
Corrida portoghese (senza ferimento del toro)
Tennis
Tennis
Volo su ultraleggeri
Volo su ultraleggeri
Pattinaggio a rotelle
Pattinaggio a rotelle
Trekking a cavallo
Trekking a cavallo
Bocce
Bocce
Croquet
Croquet
Vela (deriva)
Vela (deriva)
Vela (cabotaggio)
Vela (cabotaggio)
Biliardo
Biliardo
Windsurf
Windsurf
Aikido
Aikido
Karate
Karate
Kung Fu Tang Lang
Kung Fu Tang Lang
Immersione in apnea
Immersione in apnea
Commando Krav Maga
Commando Krav Maga
Parapendio
Parapendio
Ping pong
Ping pong
Scherma storica (HEMA)
Scherma storica (HEMA)
Pattinaggio su ghiaccio
Pattinaggio su ghiaccio
River Surfing
River Surfing
Canoa
Canoa

Varie

Vicolo Stretto
Vicolo Stretto
Deserto
Deserto
Italia
Italia
Islanda
Islanda
Stonehenge
Stonehenge