? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Atti dell'Amandolesio

Raimondo Iudex viene nominato nei seguenti atti.

Atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto n.31 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

3 agosto 1257, Ventimiglia.
Oberto Saonese s'impegna verso Raimondo Giudice ad amministrare i beni mobili ed immobili del proprio nipote Guglielmino del fu Raimondo Saonese, di cui Raimondo Giudice è tutore ed al quale egli à stato affiancato da Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia.

Ɑ Raimundi Iudicis.
Ego Obertus Sagonensis confiteor tibi Raimundo Iudici me, voluntate tua et mandato, administrare et gerere hinc inde omnia bona mobilia et immobilia Guillelmini, filii quondam Raimundi Saonensis, fratris mei, cuius tutor es, et ego modo adiunetus tibi per dominum Bartholomeum Ferrarium, iudicem comunis Vintimilii, promittens tibi dicta bona omnia mobilia et immobilia utiliter gerere et tacere et te conservare indempnem hinc inde ab ipsa administratione quam gerere tenebaris …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Guillelmo Paerno et Ottone Bellaver. Anno Domini millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XIIII, die III augusti, inter nonam et vesperas.

Atto n°31
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.37 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

18 agosto 1257, Ventimiglia.
Mario Alvernia nomina un procuratore per la riscossione della somma di 40 soldi di genovini da Pagano di Pinasca.

Ɑ Procurationis.
Ego Marinus Alvemia …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus Raimundo Iudice, Conrado Guarachio et Bartholoto de Sancto Donato. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XIIII, die XVIII augusti, inter terciam et nonam.

Atto n°37
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.43 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

25 agosto 1257, Ventimiglia.
Lanfranchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, ed alcuni consiglieri, esplicitamente elencati, a nome del Comune, nominano Guglielmo Enrico ed Ottone Bonebella loro procuratori per la cura degli interessi del Comune stesso.

Ɑ Carta comunis Vintimili, sindacatus.
Nos Lafranchinus Pignolus, potestas civitatis Vintimilii, auctoritate et voluntate et beneplacito consiliariorum infrascriptorum, vel maioris partis, ad consilium comunis Vintimilii in capitulo ciusdem comunis per campanam et vocem preconis more solito congregatorum, nomine nostro, dictorum consiliariorum et comunis Vintimilii ac universitatis ipsius, et nos dicti et infrascripti consiliarii, nomine et vice nostro et dicti comunis atque universitatis ipsius, facimus, constituimus, ordinamus et creamus vos Guillelmum Henricum et Ottonem Bonebellam, ambos simul presentes et recipientes, nomine disti comunis et universitatis, generales sindicos, …[omissis]… Nomina predictorum consiliariorum, qui interfuerunt predicto consilio, sunt hec: Obertus Iudex, Guillelmus Calcia, Ardiçonus Iudex, Rainaldus Bulfelius, Imbertus Capa, Guillelmus Bonebella, Obertus Gengana, Obertus Sagonensis, Ilionus Conradus, Maurus de Mauris, Otto Robertus, Fulco Curlus, Guillelminus Curlus, Manuel Stallanellus, Obertus Magullus, Otto Bulferius, Fulco de Castel, Raimundus Gengana, Guillelmus Dulbecus, Iacobinus Valloria, Iacobus Prior, Obertinus Peregrin[us, Rai]mundus Gangerra, Guillelmus Franciscus, Raimundus Audebertus, Raimundus Rebufatus, Raimundus Iud[ex], …[omissis]… Sardena, Guillelmus Tortella, Nicola de Tabia, Ugo Bonanatus, Guillelmus Rustigus, Cunradus …[omissis]… [N]icola Dulbecus, Guillelmus …[omissis]… fius et predicti sindici.
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus t[estibus A]braino et Raviolo, [executoribu]s, et Bartoloto de Sancto Donato, notario. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione [XI]III, [die] XXV, augusti, ante terciam.

Atto n°43
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.70 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<9-12 ottobre 1257, Ventimiglia>.
Facio Giovanni dichiara di avere ricevuto una certa somma in pagamento della dote della moglie Verdilia Albina.

[Ɑ Verdilie] Albine, dotium.
Ego Facius Iohannes confiteor habuisse et re[cepisse, et in veritate habui] et recepi, nomine [dotis, a] te Verdilia Albina, uxore mea, libras quinqu …[omissis]… Unde et p[ro quibus omnibus supradictis attendendis et observandis universa] bona mea, habita et haben[d]a, [tibi pigneri obligo.
Actum]
…[omissis]… Guillelmi Henrici …[omissis]… et Raimundo Iudice …[omissis]…

Atto n°70
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.75 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

23 ottobre 1257, Ventimiglia.
Iacopa, vedova di Gugliemo Guercio, vende a Vivaldo Capello la terza parte di una pezza di terra, in parte tenuta a fichi e viti ed in parte incolta, sita a Nervia, per una certa somma di lire, di cui rilascia quietanza.

Ɑ Vivaldi Capelli.
Ego Iacoba, uxor quondam Willelmi Guercii, vendo, cedo et trado tibi Vivaldo Capello terciam partem unius pecie terre, partim arborate ficuum et vitium et partim vacue, pro indiviso tecum, que posita est [ad] Nerviam, …[omissis]… et sorte et dupla evictione et ad sic observandum universa et singula supradicta omnia bona mea, habita et habenda, tibi pigneri obligo, renuntians legi iulie, senatus consulto velleiano et omni iuri legis et capituli quo me contra predieta tueri possem, faciens hee omnia consilio Guillelmi Marosi et Raimundi Iudicis, quos meos propinquos et consiliatores in hoe casu eligo et appello.
Actum in civitate Vintimilii, in domo dicti Raimundi Iudicis, presentibus testibus rogatis Abraino esecutore et predictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indicitione XIIII, die XXIII octubris, inter nonam et vesperas.

Atto n°75
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.82 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 ottobre 1257, Ventimiglia.
Azzone, vescovo di Ventimiglia, secondo il mandato di frate Rufino, penitenziario e cappellano del papa, assolve Bartolomeo Ferrario, cittadino genovese e giudice del comune di Ventimiglia, dalla scomunica in cui è incorso per la cattura e la detenzione di Iacopo, clerico e canonico di Ventimiglia, che era accusato di avere ferito gravemente Raimonda Bonebella, sorella di Guglielmo Bonebella.

Ɑ Bartholomei Ferrarii.
Nos Ago, Dei gratia episcopus Vintimilii, auctoritate nobis concessa a fratre Rufino, domini pape penitenciario et capellano, absolvimus et absolutum pronunciamus te Bartholomeum Ferrarium, civem Ianue et comunis Vintimilii iudicem, ab excomunicatione, si quam incurristi, occasione captionis et detentionis quam fecisti vel fieri fecisti …[omissis]…
Actum in palacio domini episcopi, presentibus testibus Oberto Iudice, Willelmo Enrico et Raimundo Iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XV, die XXVIIII octubris, inter nonam et vesperas.

Atto n°82
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.83 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 ottobre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, giura di osservare i mandati di Azzone, vescovo di Ventimiglia, in merito alla questione relativa a Iacopo clerico, canonico di Ventimiglia.

Ɑ Domini Açonis, episcopi Vintimilii.
Die eodem, hora, loco et presentibus. Dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, iuravit et promisit observare mandata domini Agonis, Dei gratia episcopi Vintimilii, …[omissis]… quod dicebatur dietum Iacobum intrasse domum Willelmi Bonebelle et ibi sororem suam graviter vulnerasse.
Pro quo iudice fideiussor Raimundus Iudex.

Atto n°83
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.97 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<15-25 novembre 1257, Ventimiglia>.
Milano executor, da una parte, e Gaudioso Pastel, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Raimondo Buonsignore notaio e di Raimondo Giudice le questioni tra loro vertenti fino a quella data, con specifico riferimento alla questione riguardante il lodo conseguito da Milano contro Gaudioso in occasione di un incendio.

Ɑ Compromissum.
Nos Milanus executor, ex una parte, et Gaudiosus Pastel, ex altera, cornpromittimus in vos Raimundum Bonumsegnorium notarium et Raimundum Iudicem tamquam in arbitros, arbitratores, amicabiles compositores, largas potestates et comunes amicos a nobis electos de omnibus litibus, controversiis seu discordiis quas, usque in hodiernum diem, inter nos habuissemus, …[omissis]…
Actum in ecclesia …[omissis]… et domino Rainaldo …[omissis]… inter nonam et vesperas.

Atto n°97
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.112 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

16 gennaio 1258, Ventimiglia.
Desiderato Visconte, gabelliere di Ventimiglia, su mandato del capitano del popolo e del podestà di Genova, ingiunge ai consiglieri del comune di Ventimiglia di non trattenere né fare trattenere il sale che egli ha nella gabella di Ventimiglia e che dichiara di avere già venduto.

Ɑ Desideratis Vicecomitis.
[In presente testium subscriptorum, Desideratus Vicecomes] cabellotus Vintimilii, denunciavit hominibus infrascriptis, …[omissis]… Guillelmus Curlus, …[omissis]… Guillelmus Bonebella, …[omissis]… Fulco Curlus, Obertus Gengana, Iacobus Valloria, Guillelmus Henricus, Guillelmus Marosus, Maurus de Mauris, Otto Robertus, Obertus Magullus, Willelmus Paernus, Oto Navarrus, Raimundus Gengana, lohannes Bonsegnorius, Oto Bulferius, Gandus Nasus, Iacobus Prior, Raimundus Audebertus, Raimundus Rebufatus, Guillemus Franciscus, Guillelmus Curlus Boetus, Guillelmus Bellaver, Obertus Peregrina, Balduinus Bursa, Willelmus Dulbecus, Raimundus Iudex, Guido Prior, Nicolaus Barla, Nicolaus de Tabia, Willelmus Sardena, Fulco de Castel, Rubaldus Galiana, Conradus Nata, Guillelmus Turtella et Ugo Bonanatus.
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus Bartholomeo Ferrario, iudice comunis eiusdem, et Bartholoto de Sancto Donato notario. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XVI ianuarii, ante terciam.

Atto n°112
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.116 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<15-23 gennaio 1258, Ventimiglia.>
Oberto Giudice, Raimondo Giudice, Ardizzono Giudice, Guglielmo Giudice e Guglielmo Enrico nominano loro procuratori Iacopo de Volta e Ianella Avvocato.

Ɑ Oberti Iudicis de Vintimilio.
[Nos Ober]tus Iudex, Raimundus [Iu]d[ex], Ardiçonus Iudex, Guillelmus Iudex et Guillelmus Henricus, quilibet …[omissis]… vel plures se in solidum obligaverint quod quisque …[omissis]… te Iacobum de Volta, presentem, et Ianellam Advocatum …[omissis]…
Actum in …[omissis]… et [O]berto Lupo de Sancto …[omissis]…

Atto n°116
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.139 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

16 febbraio 1258, Ventimiglia.
Rainaldino Bulferio del fu Raimondo Bulferio riceve in mutuo da Lanfianchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, la somma di 20 lire di genovini, che promette di restituire entro la successiva festa di San Michele.

Ɑ Lafrachini Pignoli.
Ego Rainaldinus Bulferius, filius quondam Raimundi Bulferii, confiteor me habuisse et recepisse mutuo gratis et amore a te Lanfranchino Pignolo, potestate Vintimilii, libras viginti denariorum ianuinorum, renuntians exceptioni non numerate vel non recepte pecunie; …[omissis]…
Actum in portario Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus rogatis Oberto Iudice, Guillelmo Iudice et Raimundo Iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione XV, die XVI februarii, ante terciam.

Atto n°139
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.177 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 marzo 1258, Ventimiglia.
Catelina, vedova di Ottone Canossi, vende ad Oberto Gaia di Bordighera una pezza di terra sita nel territorio di Ventimiglia, in località Vallebona, per il prezzo di 5 lire e 10 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ɑ Oberti Gaie de Burdigueta.
Ego Catelina, uxor quondam Ottonis Canossi, vendo, cedo et trado tibi Oberto Gaie de Burdigueta peciam unam terre site in territorio Vintimilii, ubi dicitur Vallis Bona, cui coheret superius terra Oberti Iudicis et fratrum suorum, inferius fossatus de Valle Bona, ab uno latere terra dicti Oberti Iudicis et suorum fratrum et ab alio latere terra Conradi Speroni, ad habendum, tenendum, possidendum et de cetero quicquid volueris iure proprietario et titulo emptionis faciendum, …[omissis]… abrenuntians iuri ypothecarum, senatus consulto velleiano, legi iulie de prediis et omni iuri, faciens hec omnia consilio Oberti Iudicis et Ubaldi de Valle Bona, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello.
Actum in civitate Vintimilii, in domo Raimundi Iudicis, presentibus testibus rogatis lohanne Iudice et dictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo oetavo, indictione XV, die XXI marcii, ante nonam.

Atto n°177
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.185 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

27 marzo 1258, Ventimiglia.
Corrado Nata del fu Buonsignore Nata rilascia quietanza al suocero Corrado Audeberto ed ai di lui figli della somma di 70 lire di genovini (ivi comprese la somma di 30 lire in contanti ed una vigna, sita in Orignana, del valore di 25 lire), costituente la dote della moglie Raimonda.

Ɑ Conradi Audeberti.
Ego Conradus Nata, filius quondam Bonisegnorii Nate, confiteor habuisse et recepisse a te Conrado Audeberto, socero meo, et filiis tuis, quamvis absentibus, integram solutionem et satisfationem de libris septuanginta ianuinorum pro dote Raimunde, uxoris mee et filie tue, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Guillelmo Henrico, Raimundo Iudice et Vivaldo Murro. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XXVII marcii, ante …[omissis]…

Atto n°185
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.207 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

19 maggio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, nominato curatore dei fratelli Giovannino e Marineto da Guglielmo di Voltaggio, vicegerente di Lanfranchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, cede ad laborandum per un periodo di sei anni a Guglielmo Lorenzo tutte le terre che i minori posseggono in Vallecrosia, fatta eccezione per quelle già cedute ad plantandum, dietro la corresponsione annuale della quarta parte delle biade e della metà dei fichi, che Guglielmo dovrà consegnare, a sue spese, nella casa di Ventimiglia dei minori.

Ɑ Oberti Iudicis et Willelmi Laurencii.
+ Ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, curator datus Iohannino et Marineto, fratribus meis, per dominum Guillelmum de Vultabio, gerentem vicem domini Lanfranchini Pignoli, potestatis tunc Vintimilii, ut patet per quandam publicam scripturam scriptam in cartulario comunis Vintimilii per manum tui lohannis, notarii subscripti, die XXVI februarii proxime preferiti, nomine ipsorum minorum, do, cedo et trado tibi Guillelmo Laurencio …[omissis]…
Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus convocatis Ardiçono Iudice, Richermo Laurencio et Oddone Macario. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XVIIII madii, inter terciam et nonam. Factum est pro dicto Oberto.

Atto n°207
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.4 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 agosto 1257, Ventimiglia.
Oberto Giudice, tutore assegnato da Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, ad Aidelina del fu Giovanni Converso, fa redigere l'inventario dei beni del defunto.

Ego Obertus Iudex, tutor hodie datus per dominum Bartholomeum Ferrarium, iudicem comunis Vintimilii, Aideline, filie quondam Iohannis Conversi, volens apprehendere tutelam ipsius cum beneficio inventarii, antequam aliquid attingam de bonis inventis in ipsa tutela vel me intromittam, in presente supradicti iudicis et notariorum infrascriptorum, videlicet Bartholoti de Sancto Donato et Raimundi Bonisegnorii, atque testium subscriptorum fidedignorum et ydoneam substanciam possidencium, premisso venerabili si[gno crucis] ac manu propria impresso, de bonis predictis, inventis in eadem tutela, inventarium seu reper[torium] facere inchoavi. Primo in ipsa tutela inveni domun unam positam in Burgo, cui coheret superius et inferius via publica, ab uno latere domus Rubei Marchexani [et] ab alio latere domus Guillelmi Alinerii. Item recepi a Raimundo Iudice quos hab …[omissis]… denariis libras …[omissis]… or ianuinorum. Spacium superius relictum est [ut], si quid memorie occurrerit, pariter conscribatur. Actum in capitulo Vintimilii. Inceptum est anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indietione quarta decima, die XXI augusti, inter nonam et vesperas, presentibus testibus Guillelmo Calcia, Bernardo de Gavio et Laurencio Peregrino.

Atto n°IV
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.5 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

27 agosto 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che Simona, moglie di Guglielmo Turtella, riceva in pagamento della sua dote, anunontante alla somma di 45 lire di genovini, una serie di beni mobili ed immobili, stimati dai publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Simone, uxoris Willelmi Turtelle. In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Simona, uxor Guillelmi Turtelle, habeat, teneat et quiete possideat iure proprietatis et titulo pro soluto, pro parte suarum dotium, que dotes sunt libre XLV ianuinorum, ut patet per publicum instrumentum inde factum manu Raimundi Bonisegnorii notarii in MCCLII, indictione X, die XVII intrante februario, sine contradictione disti Cunradi, viri sui, omniumque personarum pro eo, terras et res infrascriptas. …[omissis]… Forma cuius extimi talis est: Guillelmus Iudex, Raimundus Gengana [et Raimun]dus Aventurerius, publici extimatores comunis Vintimilii, de mandato vel di …[omissis]… Item, in eodem loco, terciam partem cuiusdam casalis, pro indiviso cum predictis, cui coheret superius et inferius Rocha, a lateribus Raimundus Iudex et Obertus Bonifacius, pro libra I. Item culcitram unam cum cossino, pro soldis XXV. …[omissis]… Computatis in predictis rebus expensis extimatorum et laudis ad rationem de duobus tria, secundum formam capituli, que sunt super totum soldi XVII et denarii VI. Quare prefatus iudex, recepta relazione predictorum extimatorum et volens cuilibet de suo iure providere, laudavit, statuit et decrevit ut supra. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus Rainaldo Bulferio, Iohanne Fomario notario, Guillelmo de Vultabio et Bartholoto scriba. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XIIII, die XXVII augusti, ante terciam.

Atto n°V
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.6 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

6 settembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che sia assegnata a Desiderato Visconte, in pagamento di un suo credito nei confronti dei coniugi Guglielmo Scolabote e Raimonda, una terra tenuta a fichi, viti ed altre colture arboree, sita in Camporosso, ubi dicitur Ruvora, stimata dai publici extimatores del comune di Ventimiglia.

[Ɑ Lau]s Desiderati [Vic]ecomitis. In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Desideratus Vicecomes habeat, …[omissis]… Qui iudex, admissa eius rogatione et …[omissis]… [misit in scriptis] Guillelmo Iudici, Raimundo Gençane et Raimundo [Aventurerio, publicis extimato]ribus comunis Vintimilii, ut in bonis dictorum iugalium …[omissis]… et nomine dicti Guillelmi, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus Raimundo Bonosegnorio notario, Bartholoto sciiba et Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi Bulferii. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quarta decima, die sexta septembris, inter nonam et vesperas.

Atto n°VI
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.53 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 settembre 1249, Damiata.
Ottone del fu Oberto Giudice nomina Raimondo Giudice suo procuratore per i beni mobili ed immobili che gli perverranno in eredità dal padre.

Atto n°liii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum I:
Inserto nel documento n. 115.

Atto n.75 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

15 luglio 1257.
Raimondo Giudice nomina un procuratore.
Notaio Giovanni Fornario.

Atto n°lxxv
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum I:
Notizia nel documento n. 26.

Atto n.25 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 febbraio 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice cede a Raimondo Giudice una pezza di terra, in parte incolta e in parte tenuta a viti, fichi e altre colture arboree, sita ubi dicitur Rivoira, in cambio di una pezza di terra incolta, sita in Felegueto.

[Ɑ Gui]llelmi Calcie et [Guillel]mi, Iudicis. Die xxii februarii, ante terciam. Cambium et permutationem fecerunt ad invicem inter se Guillielmus Iudex, ex una parte, et Raimundus Iudex, ex altera, videlicet quod dictus Guillelmus dedit et cessit dicto Raimundo peciam unam terre, partim vacue et partim arborate ficuum, vitium et aliarum arborum, …[omissis]… Actum in portario ecclesie Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus convocatis Guillelmo Calda, presbitero Ugope Melagino et Obertino filio Ottonis ludicis. Anno et indictione ut supra.
Ɑ Factum est pro cticto Guillelmo.

Atto n°25
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.68 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 giugno 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, da una parte, e Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Raimondo Giudice e Guglielmo Giudice le questioni fra loro vertenti in occasione della successione del fu Oberto Giudice, padre di Ottone e nonno di Oberto, Giovanni e Marineto, in occasione della successione del fu Obertino Giudice, fratello di Ottone e zio dei predetti Oberto, Giovanni e Marineto e in occasione della dote della defunta madre di Ottone, nonna di Oberto, Giovanni e Marineto.

Ɑ Oberti Iudicis et fratrum, ex una parte, et Ottonis Iudicis, ex altera.
Die XIIII iunii, ante terciam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, frates et filii quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ex altera, compromittimus in vobis, Raimundum Iudicem et Guillelmum Iudicem, presentes, de omni lite et controversia que inter nos vertitur vel verti posset occasione successionis Oberti Iudicis quondam, patris mei dicti Ottonis et avi nostrorum dicti Oberti et fratrum et occasione successionis Obertini quondam Iudicis, fratris mei dicti Ottonis et nostrorum predictorum Oberti et fratrum, et occasione dotium quondam mei Ottonis et avie nostrorum predictorum Oberti et fratrum …[omissis]… iurantes insuper [n]os dicti Iohannes et Marinetus, tactis corporaliter Sacris Scripturis, ut supra dictum est attendere, complete observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire facientes hec omnia consilio Mau[ri] de Mauris et Conradi Mauri …[omissis]… Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis Guillielmo fornario, Guillelmo Rafa, Iohanne Fornario, Oberto Sagonensi, Raimundo Audeberto et Guillelmo Curio maiore. Anno et indictione ut supra.

Atto n°68
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.80 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

12 luglio 1259, Ventimiglia.
Raimondo Giudice di Ventimiglia nomina Ianella Avvocato suo procuratore affinché possa richiedere le 10 mine di orzo, o l'equivalente del loro valore, dovutegli dal defunto Giraudo Travaca.

Ɑ Ianelle Advocati.
Die XII iulii, post vesperas. Ego Raimundus Iudex de Vintimilio facio, constituo et ordino Ianellam Advocatum, absentem, meum certum nuncium et procuratorem ad petendum et recipiendum in bonis et de bonis quondam Giraudi Travache minas decem ordei vel extimationem ipsarum, …[omissis]… meorum. De dictis minis decem ordei constat per quamdam apodisiam in cartulario comunis Vintimilii per manum Ugonis Botarii notarii, currente millesimo CCXLIIII, die XI marcii. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Raimundo Bonosegnorio notario et Ugone Calcia. Anno et indictione ut supra.

Atto n°80
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.88 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

5 agosto 1259, Ventimiglia.
Iacopo de Volta presenta a Giovanni Giudice del fu Raimondo Giudice una lettera dell'arcivescovo di Genova che gli intima di presentarsi al proprio cospetto per la questione relativa all'annullamento del suo matrimonio con Lorenzina del fu Oberto de Volta. Iacopo dichiara di non essere tenuto a presentarsi in Genova avendo contratto matrimonio in Ventimiglia ed essendo la moglie costretta a seguire il foro del marito.

Ɑ Laurencine, filie quondam Bertholoti de Volta.
Die V augusti, post nonam. Iacobus de Volta obtulit sive representavit Iohanni Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis, litteras, infrascriptas, sigillatas sigillo cere viridis, cuius sigilli superscriptio talis erat: «Sigillum curie archiepiscopi Ianuensis»; in medio dicti sigilli erat ymago episcopalis tenens in manibus pastoralem. Tenor dictarum litterarum talis erat: «Magister Henricus, vicarius domini archiepiscopi Ianuensis, discreto viro Iohanni Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, salutem et omnem bonum. Ex parte Laurencine, filie quondam Oberti de Volta, …[omissis]… inter comune Ianue et comun[e] Vintimilii. Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Guillelmo Enrico, Raimundo Iudice et Guillelmo Iudice. Anno et indictione ut supra.

Atto n°88
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.123 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

5 novembre 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Calcia, Iacopo Valloria, Raimondo Giudice e Guglielmo Arzeleto maior dichiarano di aver ricevuto in mutuo da Lanfranco Bulbonino de Turcha la somma di 10 lire di genovini, che s'impegnano a restituire entro il prossimo Natale.

[Die] V novembris, post vesperas. [Nos] Guillelmus Calcia, Iacobus Valloria, Raimundus Iudex et Guillelmus Arçeletus maior, quisqe [nostrum] pro rata, confitemur habuisse et recepisse mutuo, gratis et amore a te Lanfranco Bulbonino [de T]urcha libras decem denariorum ianuinorum, …[omissis]… iusto Dei impedimento aut licencia tui forsitan remaneret. Actum [in] ecclesia Sancte Marie de Vintimilio.

Atto n°123
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.130 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

12 novembre 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Calcia dichiara che Iacopo Valloria e Raimondo Giudice si sono obbligati con lui e con Guglielmo Arzeleto a pagare entro un determinato tempo la somma di 10 lire di genovini a Lanfranco Bulbonino e promette di serbarli indenni dall'obbligo assunto.

Iacobi Vallorie et Raimundi Iudicis.
Die XII novembris, ante nonam. Ego Guillelmus Calcia confiteor vobis Iacobo Vallorie et Raimundo Iudici quod, meis precibus et voluntate atque meo facto, vos una mecum et Guillelmo Arçeleto …[omissis]… pacto. Pro pena et predictis omnibus attendendis universa bona mea habita et habenda vobis pigneri obligo. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus to Oberto Iudice, Nicolao Barla et Iacobo de Recho. Anno et indictione ut supra. S.d.v. Factum est pro dicto [Ia]co[bo].

Atto n°130
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.176 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

27 gennaio 1260, Ventimiglia.
Giovanni de Volta, che agisce a nome di Elia, vedova di Raimondo Sasso, da una parte, e Raimondo Giudice, tutore di Guglielmino del fu Raimondo Saonese, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice la questione fra loro vertente per la somma di 40 lire di genovini rectamata da Elia.

[Die XX]CII ianuarii, post nonam. [Ego] Iohannes de Volta, ex una parte, et Raimundus Iudex, tutor Guillelmini, filii quondam Raimundi Sagonensis, [tutor] ipsius minoris, ex altera, compromittimus et generale compromissum facimus in te Obertum Iudicem, filium Rai[mundi] quondam Iudids, tamquam in arbitrum, arbitratorem et amicabilem compositorem, a nobis sponte electum …[omissis]… obligamus. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus domino Guillelmino Rubeo, iudice dicti comunis, Aldebrando executore et Guidone Priore. Anno et inctictione ut supra.

Atto n°176
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.177 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 gennaio 1260, Ventimiglia.
Giovanni Giudice del fu Raimondo Giudice vende al fratello Oberto tutte le terre e tutti i diritti che possiede nel territorio di Ventimiglia, pro indiviso con lo stesso Oberto e con il fratello Marineto, per il prezzo complessivo di 200 lire di genovini, di cui rilascia quietanza.

Die XXVIIII ianuarii, ante vesperas. Ego Iohannes Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, vendo, cedo et trado vel quasi tibi Oberto Iudici, fratri meo, [omnes terras] et omnia iura, rationes et actiones, reales et personales, utiles et directas, mixtas et rei persecutorias, que [et] quas visus sum habere in territorio Vintimilii, pro indiviso tecum et Marineto, fratre nostro, tam in inmobilibus quam in mobilibus, et specialiter in terris et possessionibus subscriptis, agregatis et non agregatis, cultis [et in] cultis: videlicet in valle Vervoni, a molendino de Podio Rainaido …[omissis]… videlicet soldos quadraginta ianuinorum annuatim. Item omnia [iura que] pervenire possent vel pervenerint aliqua occasione in districtu Vintimilii et in Ianua occasione successionis patris nostri quondam Raimundi Iudicis et matris nostre quondam Sibilie et avi nostri quondam Oberti Iudicis et amite nostre Iacobe, filie dicti Oberti, ad habendum, tenendum, possidendum et de cetero quicquid volueris iure proprietatio et titulo [em]ptionis faciendum, …[omissis]… obligo. Confiteor me esse maiorem annorum viginti duorum, iurans insuper, corporaliter tactis Sacris Scripturis, ut supra dictum est attendere, complere et observare et non contravenire, faciens omnia consilio Ardiçonis Iudicis et Guiranni Tende, propinquorum et vicinorum meorum. Actum in domo Manfredi de Langasco, qua habitat dictus Obertus, presentibus testibus rogatis Fulcone Vienna et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra. D Millesimo CCLXI, indictione tercia, die XXI ianuarii, post terciam in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Raimundo Iudice, Iliono Conrado et Iohanne Cavugio notario, cassata voluntate parcium.

Atto n°177
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.182 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

4 febbraio 1260, Ventimiglia.
Oberto Giadice del fu Raimondo Giudice, arbitro nella qustione vertente fra Giovanni de Volta, che agisce a nome di Elia, vedova di Raimondo Sasso, da una parte, e Raimondo Giudice, tutore di Guglielmino del fu Raimondo Saonese, che agisce a nome del minore, dall'altra, sentenzia che Raimondo Giudice paghi a Giovanni la somma di 6 lire di genovini e che Giovanni non rechi più molestia a Raimondo o a Guglielmino.

Ɑ Iohannis de Volta et Raimundi Iudicis.
Die IIII februarii, ante vesperas. Super questions que vertitur seu verti sperabatur in[ter] Iohannem de Volta, ex [u]na parte, et Raimundum Iudicem, tutorem Guillelmini, filii quondam Raimundi Sagonensis, nomine [ip]sius minoris, ex altera, super peticione tali: …[omissis]… ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, arbiter super dicta questions a dictis partibus sponte electus, ut in compromisso inde facto manus Iohannis de Mandolexio, notarii subscripti, die XXVIII ianuarii proxime preteriti continetur, …[omissis]… nomine dicti Willelmini, [nec] ipse Guillelminus, occasione predicta nec aliqua alia occasione hucusque acta, deinceps non debeat ipsi petere aliquid nec ipsum [I]ohannem seu aliquam aliam personam pro eo molestare. Et sic iubeo a dictis partibus inviolabiliter observari, sub dicta pena. [Actum in] ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus presbitero Ottone, Guiranno Tenda et Seestro clerico. Anno et indictione [ut] supra.
Ɑ Facta est pro dicto Raimundo. S. quisque s. II.

Atto n°182
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.186 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

10 febbraio 1260, Ventimiglia.
Raimondo Giudice, tutore di Gaglielmino del fu Raimondo Saonese, a nome del minore, concede in locazione per due anni, a partire dalla prossima quaresima, ad Iliono Curlo una casa, situata nella città di Ventimiglia, in carrubio Merçarie, dietro corresponsione di 3 lire e 10 soldi di genovini, che egli dichiara di aver percepito e versato a Giovanni de Volta, creditore di Guglielmino. Raimondo si impegna inoltre a consegnare al medesimo Iliono, entro la festa di San Michele, 5 mezzarole e mezza di mosto al prezzo di 9 soldi alla mezzarola, che egli ugualmente dichiara di aver riscosso e versato a Giovanni de Volta.

[Ɑ Ilionis Curli]
Die X februarii, ante terciam. Ego Raimundus Iudex, tutor Guillemini, filii quondam Raimundi Sagonensis, nomine ipsius minoris, loco et titulo locationis concedo [tibi] Iliono Curlo domum unam, postam in civitate Vintimilii, in carrubio Merçarie, cui coheret superius via, inferius [domu]s Petri de Podio Rainaido, ab uno latere domus Oberti Sagonensis et ab alio latere domus Conradi de Podio Rainaldo [et eius] fratris, …[omissis]… decretum. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Petro de Clavica [n]otario, Guillelmo Paerno, Iacobo Valloria et Guillelmo ferrario. Anno et indictione ut supra.

Atto n°186
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.197 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

28 febbraio 1260, Ventimiglia.
Raimondo Giudice, tutore di Guglielmino del fu Raimondo Saonese, da una parte, e i fratelli Ottone Sicardo e Raimondo, dall'altra, dividono fra loro una pezza di terra, coltivata a fichi, sita nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Monscucu.

Ɑ Ottonis et Raimundi Sicardi, fratrum, et Guillelmi Sagonensis.
Die XXVIII februarii, ante terciam. Divisionem inter se fecerunt Raimundus Iudex, tutor Guillelmini, filii quondam Raimundi Sagonensis, ex una parte, et Otto Sicardus et Raimundus, eius frater, ex altera, cuiusdam pecie terre iacentis in territorio Vintimilii, ubi dicitur Monscucu, arborate ficuum, cui toti coheret superius terra dictorum Ottonis et Raimundi, inferius terra Bruni de Valle Bona et terra de Venturis, ab uno latere, versus mare, terra dictorum Ventutorum et ab alio latere, versus montaneas, terra dictorum Ottonis et Raimundi; in qua pecia terre …[omissis]… obligaverunt. Ad hec nos Guillelmus Rubeus, iu[dex comunis] Vintimilii, cognoscentes predictam divisionem fore [ad] utilitatem dicti minoris, nostram interponimus auctoritatem pariter et decre[tum. Actum] in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Guillelmo Enrico, Raimundo Curlo, Ottone Bulferio et Guillelmo Rafa. [Anno et in]dictione ut supra.
Ɑ Facta est pro dictis fratribus. S. [s.] I.

Atto n°197
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.207 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 marzo 1260, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice dichiara di aver avuto da Raimondo Curlo l'atto relativo alla somma di 100 lire di genovini, che il Curlo gli doveva consegnare entro il precedente 1° marzo.

Ɑ Raimun[di] Curli.
Die XIIII marcii, post nonam. Ego Obertus Iudex, filius quondam Raim[un]di Iudicis, confiteor tibi [R]aimundo Curlo habuisse et recepisse a te instrumentum illud librarum centum quod mi[hi] dare et consigna[re] tenebaris usque ad halendas marcii proxime preteritas, ut per instrumentum inde factum manu M[at]hei de Predono, cu[rrente] millesimo CCLVIIII, indictione prima, die X madii, inter nonam et vesperas; …[omissis]… meorum. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Petro de Clavica notario, Oberto Vitale et Aldebrando executore. Anno et indictione ut supra.

Atto n°207
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.278 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

31 luglio 1260, Ventimiglia.
Giovanni de Volta dichiara di aver ricevuto da Raimondo Giudice, tutore di Guglielmino del fu Raimondo Saonese, che agisce a nome del minore, la somma di 8 lire di genovini a saldo di quanto gli era dovuto dallo stesso Guglielmino per una causa deferita all'arbitrato di Oberto Giudice.

Die ultima iulii, ante vesperas. Ego Iohannes de Volta confiteor me habuisse et recepisse a te Raimundo Iudice, tutore Guillellmi[ni, filii] quondam Raimundi Sagonensis, nomine ipsius minoris, libras octo denariorum ianuinorum, quas sentenciavit Obertus Iu[dex] te mihi debere solvere …[omissis]… meorum. Actum in civitate Vintimilii, ante domum qua habitat Manfredus de Cru[ceferrea], presentibus testibus Raimundo Audeberto et Raimundo Rebufato. Anno et indictione ut supra.

Atto n°278
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.297 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

25 ottobre 1260, Ventimiglia.
I coniugi Raimondo Giudice e Alasina vendono ad Ingeto Burono una casa, situata nella città di Ventimiglia, in Curritorio, per il prezzo di 13 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

[Ɑ Inge]ti Bu[roni].
Die XXV Octubris, ante terciam. Nos Raimundus Iudex et Alasina iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Ingeto Burono domum nostram quam visi sumus habere in civitate Vintimilii, in Curritorio, cui coberet superius et inferius carrubium …[omissis]… debendi. Et specialiter ego dicta Alasina abrenuntio iuri ypothecatum, senatus consulto velleiano, legi iulie de fondo dotali et legi dicenti: "Si qua mulier in aliquo crediti instrumento consenciat proprio viro aut scribat propriam substantiam aut se ipsam obligatam faciat, quod ipsa non tenetur nisi manifeste probetur ipsam pecuniam fore versam in utilitatem ipsius mulieris", faciens hec omnia consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Willelmi Dulbeci et Petri Dulbeci, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello. [Ac]tum in dicta domo, presentibus testibus presbitero Ugone Melagino, Petro Lamberto et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra. [M]CCLXII, die XX octubris, cassata est voluntate partium, in presentia Gilii Capelleti, Enrici Guerci et Lanfranci [de] Langasco, quia restituta est, ut tenebatur.

Atto n°297
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.298 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

25 ottobre 1260, Ventimiglia.
Burono promette di restituire ai coniugi Raimondo Giudice e Alasina la casa da essi vendutagli e il relativo atto, di cui al documento precedente, in qualsiasi momento essi, entro un anno, gli verseranno la somma di 13 lire di genovini, prezzo della casa medesima.

Ɑ Raimundi Iudicis.
Die eodem, hora, loco et testibus. Ego Ingetus Buronus promitto et convenio vobis Raimundo Iudici et Alasine iugalibus stipulantibus reddere et restituere vobis domum unam, quam mihi, interque vestrum in solidum, hodie vendidistis, et cartam illius venditionis similiter, scriptam manu Iohannis de Mandolexio, notarii subscripti, …[omissis]… obligo. Dicta domus posita est in civitate Vintimilii, in Curritorio, cui coheret superius et inferius carrubium, ab uno latere domus Iacobi Gençane et ab alio latere domus heredum quondam Ugonis Marnelli. Actum ut supra. D MCCLXII, die XX octubris, cassata est, quia restituta.

Atto n°298
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.345 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 gennaio 1261, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Gudice, da una parte, e Giovanni Giudice, suo fratello, dall'altra, dividono fra loro i beni mobili e immobili che furono di proprietà dei loro genitori, del nonno e della zia Iacopa e tutti gli altri beni che possiedono in comune.

Oberti et Iohannis Iudicis.
Die XXI ianuarii, ante nonam. Divisionem fecerunt ad invicem inter se Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Iohannes Iudex, eius frater, ex altera, de bonis mobilibus et inmobilibus parentum suorum, videlicet patris et matris eorum, et avi et amite sue, domine Iacobe, et aliorum bonorum suorum que simul comunia habebant. In primis, …[omissis]… ego dictus Iohannes hec omnia et singula supradicta consilio Raimundi Iudicis et Guiranni Tende, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos eligo et appello, et confiteor me maiorem esse annorum viginti. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Iliono Conrado, Guillelmo Arnaldo et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°345
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.354 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 marzo 1261, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice, Guglielmo Enrico, Raimondo Giudice, Rainaldino Bulferio del fu Raimondo e Guglielmo Arzeleto maior dichiarano di aver ricevuto da Iacopo di Recco 8 cantari di carni salate e 7 rotoli di carni nostratarum, per cui promettono di pagare, entro la prossima festa di San Martino, la somma di 16 lire e 3 soldi di genovini.

Ɑ Iacobi [de] Recho.
Die XXI marcii, ante terciam. Nos Guillelmus Iudex, Guillelmus Enricus, Raimundus Iudex, Rainaldinus Bulferius filius quondam Raimundi et Guillelmus Arçeletus maior, quisque nostrum in solidum, confitemur habuisse et recepisse a te Iacobo de Recho cantaria octo carnium salitarum et rotolos septem nostratarum, renuntiantes exceptioni non traditarum carnium et non habitarum et omni alii exceptioni nobis competenti et competiture; …[omissis]… possemus. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Iohanne Fornario notario, Fulcone Gançerra, Guillelmo Paerno et Gaialdo de Monteleone iudice, qui ditavit presens instrumentum. Anno et indictione ut supra. D MCCLXII, die XXII octu[bris], cassum voluntate partium, quia satisfac[tum] dicto Iacobo, presentibus Oberto Iudice [et ...]

Atto n°354
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.400 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

31 luglio 1261, Ventimiglia.
Oberto Giudice di Ventimiglia promette a Bonifacio Piperi, che riceve a nome di Giovannino e Antonino, figli del fu Guglielmo de Cruce, di fare sì che Ermegina, figlia del detto fu Guglielmo e futura moglie di Ughetto, figlio del fu Raimondo Carlo Viridis di Ventimiglia, quando raggiungerà l'eta di 15 anni e potrà impegnarsi, e Ughetto, quando ugualmente raggiungerà l'età necessaria per impegnarsi, rimetteranno ai predetti Giovannino e Antonino tutto quanto Ermegina potrebbe richiedere loro, particolarmente in occasione della somma di 80 lire di genovini, che doveva far parte delle 200 lire da assegnarsi per sua dote, e che Ermegina cederà ad esso Bonifacio Piperi, a nome di Giovannino e Antonino, i diritti a lei spettanti per le predette 80 lire.

Bonifacii Piperis.
Die ultima iulii, ante vesperas. Ego Obertus Iudex de Vintimilio promitto et convenio tibi Bonifacio Piperi, recipienti nomine Iohannini et Antonini, filiorum quondam Guillelmi de Cruce, me facturum [et] curaturum ita quod Ermegina, filia dicti quondam Willelmi, sponsa et uxor futura Ugueti, filii quondam Raimundi Curli Viridis de Vintimilio, cum ipsa pervenerit ad etatem annorum quindecim vel ad eam etatem quod se obligare possit, et dictus Uguetus, cum pervenerit similiter ad etatem quod se obligare possit, facient finem et remissionem dictis Iohannino et Antonino de omni et toto eo quod ab ipsis dicta Ermegina petere potest, et specialiter occasione librarum octuaginta ianuinorum que remanserunt ex illis libris ducentis ianuinorum que conservari et converti debebani in dotem dicte Ermegine, secundum formam cuiusdam instrumenti facti manu Guillielmi Vegii notarii, …[omissis]… obligo. Actum in civitate Vintimilii, in terracia Willelmi Paerni, presentibus testibus Guillelmo Bonavia de Portu notario, Oberto Gençana, Guillelmo Curio maiore, Raimundo Iudice et Raimundo Curio. Anno et indictione ut supra.

Atto n°400
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262