? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Atti dell'Amandolesio

Raimondo Iudex viene nominato nei seguenti atti.

Atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto n.131 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

7 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, Guglielmo Calcia, che agisce a nome dei minori Giovanni e Marineto, fratelli di Oberto, dei quali è curatore, ed i medesimi Giovanni e Marineto mettono in comune i loro beni ereditari, mobili ed immobili.

Ɑ Oberti Iudicis et fratrum suorum.
Nos Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, et Guillelmus Calcia, curator Iohannis et Marineti, fratrum dicti Oberti, nomine ipsorum minorum, et nos dicti Iohannes et Marinetus, auctoritate dicti Guilielmi, curatoris nostri, adeomunicamus inter nos vicissim et comune seu comunia habere volumus simul omnia bona patema et materna, …[omissis]… Pro pena et predietis omnibus et singulis observandis et attendendis universa bona nostra, habita et habenda, unus alteri stipulanti ad invicem pigneri obligat, iurando insuper nos predicti Iohannes et Marinetus, auctorietate et in presentia predicti nostri curatoris, tactis corporaliter Sanctis Dei Evvangeliis, ut supra dietum est attendere, compiere et observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire, sub predieta pena.
Actum in capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, presentibus testibus rogatis Ottone Roberto, [Capa Bo]nifacio et Raimundo Bonosegnorio notario. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione [quinta deci]ma, die VII februarii, ante terciam.

Atto n°131
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.137 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

15 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice ed i suoi fratelli, Giovanili e Marineto, i quali agiscono alla presenza e con il consenso del loro curatore Guglielmo Calcia, addivengono ad una divisione dei beni di loro pertinenza, compresi quelli a loro pervenuti per eredità materna e paterna.

Ɑ Oberti Iudicis et suoruin fratrum.
Nos Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, et Iohannes et Marinetus, fratres dicti Oberti, auctoritate Guillelmi Calcie, curatoris nostri, presentis et consentientis, confitemur ad invicem inter nos celebrasse divisionem omnium bonorum nostrorum paternorum et maternorum, tam mobilium quam immobilium, et omnium aliorum bonorum nobis aliqua occasione pertinentium. In qua divisione michi Oberto obvenit in parte libre decem ianuinorum, quas recipere debemus et recipimus annuatim pro feudo a comuni Ianue sive in ipso comuni. Item obvenit michi in parte tercia ars unius vinee posite ad Pinetam, cui coheret superius via, inferius litus maris, ab uno latere terra Guillelmi Marosi et ab alio latere terra tui Marineti, fratris mei, sicut terminata est. …[omissis]… Item tercia pars molendini siti in Pascherio, cum 'eius pertinenciis et cum tercia parte unius orti positi in Pascherio, cui orto coheret superius terra Guillelmi barberii, inferius terra Guillelmi Marosi et ab uno latere terra tui Iohannis, fratris mei, sicut terminata est. …[omissis]… Confitemur insuper nos predicti Oberrus, Iohannes et Marinetus habere comune simul extimationem cuiusdam domus site subtus castrum Roche Vintimilii, dirupte per comune Ianue et extimate per ipsum comune in libris trescentis denariorum ianuinorum, et casale unum situm ad Sanctum Nicolaum, cum alio casali sito subtus castrum Roche Vintimilii. …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis Ardiçone Iudice, Capa Bonifacio et Iacobo Valloria. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XV februarii, inter vesperas et completorium. Factum est pro dicto Oberto.

Atto n°137
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.138 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

15 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice rilascia quietanza ai fratelli Giovanni e Marineto per la somma di 95 lire di genovini, dovutagli per sentenza di Bartolomeo Ferrario, giudice di Ventimiglia.

Ɑ Iohannis [Iudicis et] Marineti.
Eodem die, hora, loco et presentibus. [Ego] Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, confiteor me habuisse et recepisse a [vobis Iohanni et M]arineto, fratribus meis, auctoritate Guillelmi Calcie, vestri curatoris, integram solu[tionem et satisfactio]nem de libris nonaginta …[omissis]… Pro pena et predictis omnibus] et singulis observandis universa [bona mea, habita et habenda, vobis pigneri obligo]

Atto n°138
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.140 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

16 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice, tutore di Raimondeta del fu Ottone Canossi, a nome della medesima, e Catelina, vedova dello stesso Ottone, vendono a Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo Bulferio una pezza di terra situata ad Pinetam per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza. La vendita viene effettuata per fare fronte ai debiti che Raimondeta deve pagare sull'eredità paterna.

Ɑ Rainaldi Bulferii.
Nos Obertus Iudex, tutor, ut dico, Raimundete, filie quondam Ottonis Canossi, nomine ipsius minoris, et Catelina, uxor quondam dicti Ottonis, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi Bulferii, peciam unam terre site ad Pinetam, cui coheret superius terra heredum quondam Nicolai Miloti, inferius litus maris, ab uno latere terra Rainaldini Bulferii et Nicole de Tabia et ab alio terra heredum quondam Raimundi Iudicis, sive alie sint coherencie, …[omissis]… Et specialiter ego dicta Catelina abrenuntio legi iulie de fondo dotali, iuri ypothecarum et senatus consulto velleiano, quarum beneficio me confiteor non ignorare, faciens predieta consilio Raimundi Iudicis et Guillelmi baraterii, quos meos propinquos et consiliatores in hoc casu eligo et appello. …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Conrado de Podio Rainaldo, Oberto Barbaxora et predictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione quinta decima, die XVI februarii, inter nonam et vesperas.

Atto n°140
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.154 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<1-4 marzo 1258>, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, curatore dei fratelli Giovanni e Marineto, a nome dei quali agisce, cede per un periodo di diciotto anni, ad medium plantum, ai fratelli Anselmo e Manuele Ventura una pezza di terra, sita in Vallecrosia, con l'obbligo di piantarvi alberi di fico per sette annti e contro il corrispettivo della quarta parte dei prodotti ricavati dalla terra, che Anselmo e Manuele dovranno consegnare ogni anno, a proprie spese, nella casa di Ventimiglia di Oberto, Giovanni e Marineto. Al termine dei diciotto anni la terra verrà divisa a metà, rimanendo ad Oberto, a nome dei fratelli, la parte che egli sceglierà. Se Anselmo e Manuele vorranno vendere la loro parte, Oberto avrà diritto di opzione per 20 soldi in meno sul prezzo di acquisto da parte di altri.

Ɑ Carta medii planti.
Ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis et curator Iohannis et Marineti, fratrum meorum, ut patet per [quamdam publicam scripturam, scriptam in cartulario comunis Vintimilii per manum lui Iohannis de Mandolexio, notarii subscripti], die XXVI fe[bruarii proxime preteriti], nomine ipsorum minorum, do et cedo vobis Anselmo Venture et Manueli Venture, fratribus, …[omissis]…
Actum in capitulo [Vintimilii, presentibus testibus rogatis]tu et Ugone Feda. Anno d[ominice] …[omissis]… Facta est pro dictis Anselmo et Manueli. Facta est pro dicto [Oberto].

Atto n 154
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.229 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

10 settembre 1258, Ventimiglia.
Ottone Giudice del fu Oberto Giudice ratifica la vendita di tutti i suoi beni, mobili ed immobili, e di tutti i diritti, che gli competevano sui beni paterni e materni in Ventimiglia, a Genova e nei rispettivi distretti, che Raimondo Giudice del fu Pietro Giudice ha effettuato, a suo nome, ad Oberto Giudice per la somma di 200 lire di genovini, di cui rilascia quietanza a Raimondo medesimo.

Ɑ Oberti Iudici[s].
Ego Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ratifico et approbo venditionem quam tu Raimundus Iudex, filius quondam Petri Iudicis, nomine meo, fecisti Oberto Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis, de omnibus bonis meis mobilibus et immobilibus et de omnibus iuribus, rationibus et actionibus, utilibus et directis, realibus et personalibus, mixtis et rei persecutoriis, …[omissis]… per instrumentum inde factum manu Oberti, confitendo de dictis libris ducentis integram rationem et solutionem habuisse et recepisse a te dicto Raimundo, renuntians exceptioni non numerate pecunie scu recepte rationis, doli mali et condizioni sine causa, promittens tibi dicto Raimundo de dieta venditione et mandatione et de dietis libris ducentis seu occasione ipsarum …[omissis]…
Actum in civitate Vintimilii, in domo disti Raimundi, presentibus testibus convocatis Iacobo de Volta, presbitero Ugone Melagino, Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi, Guillelmo Iudice et Nivelono de Diano iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die decima septembris, post nonam.

Atto n°229
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.230 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

10 settembre 1258, Ventimiglia.
Convenzione fra Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, da una parte, ed Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, dall'altra, per cui Oberto promette che tutti i diritti sui beni paterni e materni che competono ad Ottone in Ventimiglia, a Genova e nei rispettivi distretti siano salvi per il medesimo Ottone ed i suoi eredi.

Ɑ Ottonis Iudici[s].
Die eodem, hora, loco et testibus. In presente testium subscriptorum talis conventio et pactum celebratum fuit inter Ottonem Iudicem, filium quondam Oberti Iudicis, ex una parte, et Obertum Iudicem, filium quondam Raimundi Iudicis, ex altera, videlicet quod dictus Obertus vult et promittit per stipulationem …[omissis]… sint salva et illesa dieto Ottoni et suis heredibus, sine contradietione dicti Oberti et suorum heredum, nec ea iura seu actiones, quas dictus Otto habet in dietis bonis, diminuet neque ledet dietus Obertus aliqua occasione, sub obligatione et ipotheca omnium bonorum suorum, habitorum et habendorum.

Atto n°230
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.29 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, concedono alla sorella Aldina una pezza di terra, tenuta a fichi, viti e altre colture arboree, situata ad Sanctum Stephanum, del valore di 60 lire di genovini, come parte della sua dote, ammontante in totale a 150 lire.

Ɑ Aldine, uxoris Iacobi de Volta.
Die xxiiii februarii, ante nonam. Nos Obertus ludex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, damus, cedimus et tradimus tibi Aldine, sorori nostre, peciam unam terre, arborate vitium, ficuum et aliarum arborum, positam ad Sanctum Stephantim, cui coberet superius terra heredum quondam Ugonis Sagonensis et terra Verdane Trentamodie, inferius via publica, ab uno latere terra dicte Verdane et ab alio latere terra Conradi de Podio Rainaldo et eius fratris, pro dotibus tuis, que sunt libre centum quinquagints ianuinorum, in solutum ipsarum pro libris sexaginta ianuinorum, …[omissis]… iuri. Et facimus onmia et singula supradicta consilio Simonis Buroni et Vassalli Capelleti, vicinorum nostrorum. Actum in castro Collis Vintimilii, presentibus testibus rogatis Pascalino de Flacono, Guillelmo magistro assie de Sancto Matheo, Oberto Nigro porterio et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°29
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.30 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, si dichiarano debitori verso la sorella Aldina della somma di 90 lire di genovini, residuo della di lei dote di 9O lire, e promettono di pagare, ciascuno in rate di 5 lire ogni anno, fino al saldo del debito.

[Ɑ Aldine, uxoris I]acobi de [Volta].
Die codem, hora, loco et presentibus. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, confitemur tibi Aldine, sorori nostre, debere dare pro dotibus tuis, que restant tibi ad solvendum, libras nonaginta denariorum ianuinorum, …[omissis]… iurantes insuper nos dicti Iohannes et Marinetus verbotenus esse maiores annorum decem et octo et ut supra dictum est, tactis corporaliter Sacris Scripturis, attendere, complere et observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire, renuntiantes beneficio minotis etatis et omni iuri. Et facimus omnia et singula supradicta consilio Sirnonis Buroni et Vassalli Capelleti, vicinorum nostrorum. Anno et indictione ut supra.

Atto n°30
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.31 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, vendono a Guglielmo Enrico, per una metà, e ad Ardizzono Giudice e Guglielmo Giudice, per l'altra metà, un mulino, pro indiviso, con due ruote, situato in Pascherio, cum omnibus suis aquaticiis sive aqueductibus, per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza. Dichiarano di procedere alla vendita per pagare i debiti di Ottone Giudice.

[Ɑ Guillelmi Henrici], Ardi[çoni et Guillelmi Iu]dicum.
Die eodem, post nonam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Guillelmo Henrico, ementi pro medietate, et Ardiçono Iudici et Guillelmo Iudici, pro alia medietate, …[omissis]… vestrum Ardiçoni et Guillelmi Iudicis et ab alio molendinum Guillelmi Dulbeci, sive alic sint coherencie, ad habendum, …[omissis]… ultra. Possessionem quoque et dominium dicti molendini cum suis pertinenciis vobis tradidisse confitemur, constituentes nos ...[omissis]

Atto n°31
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.63 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

9 giugno 1259, Ventimiglia.
Raimondo Curlo del fu Ugo Curlo ingiunge ad Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice di compiere e far compiere per lui gli atti dovutigli entro otto giorni dacché ne sia richiesto, come da documento del 10 maggio 1259.

Die viiii iunii, ante terciam. In presentia testium subscriptorum, Raimundus Curlus, filius quondam Ugonis Curli, denuntiavit Obetto Iudici, filio quondam Raimundi Iudids, quod ipse debeat …[omissis]… Mathei de Predono notarii, millesimo CCLVIIII, …[omissis]… compilavi. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Raimundo Bonosegnorio notario, Ottone Roberto et Guillelmo Curlo maiore. Anno et indictione ut supra. ...[omissis]

Atto n°63
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.65 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

13 giugno 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, insieme con le rispettive mogli, Alasina e Franceschina, e con il fratello Giovanni, vendono a Iacopo de Volta e a sua moglie Audina una pezza di terra, coltivata a fichi e viti, sita nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Pineta, per il prezzo di 45 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

Ɑ I[acobi de Volta].
Die xiii iunii, inter nonam et vesperas. Nos Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, et Alasina, iugales, et Iohannes, frater Oberti, et Marinetus, filius quondam dicti Rairnundi, et Francischina, iugales, quilibet nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Iacobo de Volta et Audine, iugalibus, peciam unam terre, …[omissis]… iurantes insuper nos dicti Iohannes, Marinetus et Francischina ut supta dictum est attendere, complete et observare et contra in aliquo non venire, facientes nos predicti Iohannes, Marinetus, Francischina et Alasina consilio hec omnia Guillelmi Enrici et Ingeti Buroni, vicinorum nostrorum. Et confitemur nos omnes esse maicres, abrenuntiantes nos dicte Alasina et Francischina iuri ypothecatum, …[omissis]… po[s]semus. Actum in civitate Vintimilii, in domo qua habitat dictus Obertus, presentibus testibus rogatis [I]ohanne clerico de Rochabruna et dictis consiliatoribus. Anno et indictione [ut supra].

Atto n°65
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.68 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 giugno 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, da una parte, e Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Raimondo Giudice e Guglielmo Giudice le questioni fra loro vertenti in occasione della successione del fu Oberto Giudice, padre di Ottone e nonno di Oberto, Giovanni e Marineto, in occasione della successione del fu Obertino Giudice, fratello di Ottone e zio dei predetti Oberto, Giovanni e Marineto e in occasione della dote della defunta madre di Ottone, nonna di Oberto, Giovanni e Marineto.

Ɑ Oberti Iudicis et fratrum, ex una parte, et Ottonis Iudicis, ex altera.
Die XIIII iunii, ante terciam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, frates et filii quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ex altera, compromittimus in vobis, Raimundum Iudicem et Guillelmum Iudicem, presentes, de omni lite et controversia que inter nos vertitur vel verti posset occasione successionis Oberti Iudicis quondam, patris mei dicti Ottonis et avi nostrorum dicti Oberti et fratrum et occasione successionis Obertini quondam Iudicis, fratris mei dicti Ottonis et nostrorum predictorum Oberti et fratrum, et occasione dotium quondam mei Ottonis et avie nostrorum predictorum Oberti et fratrum …[omissis]… iurantes insuper [n]os dicti Iohannes et Marinetus, tactis corporaliter Sacris Scripturis, ut supra dictum est attendere, complete observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire facientes hec omnia consilio Mau[ri] de Mauris et Conradi Mauri …[omissis]… Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis Guillielmo fornario, Guillelmo Rafa, Iohanne Fornario, Oberto Sagonensi, Raimundo Audeberto et Guillelmo Curio maiore. Anno et indictione ut supra.

Atto n°68
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.73 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

27 giugno 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice di Ventimiglia, nominano Guglielmo Enrico loro procuratore perché li difenda nella causa che Margherita, moglie di Ottone Giudice di Ventimiglia, intende muovere contro di loro in Genova.

Die XXVII iunii, ante nonarn. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, facimus, constituimus et ordinamus Guillelmum Enricum, absentem, nostrum certum nuncium et procuratorem ad agendum, defendendum nobis et nostro nomine in causam vel causas quam vel quas contra nos movet seu movere intendit Margarita, uxor Ottonis Iudicis de Vintimilio, in Ianua, si de iure ibidem ei debemus respondere …[omissis]… condempnatus. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus domino Guillelmo Rubeo, iudice comunis eiusdem, Guillelmo Rafa et Guillelmo Maroso. Anno et indictione ut supra.

Atto n°73
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.75 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

1° luglio 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice di Ventimiglia del fu Raimondo Giudice nomina Guglielmo Calcia suo procuratore per la riscossione delle 80 lire di genovini che deve avere dal defunto Giraudo Travaca o sui beni del medesimo.

Ɑ Guillelmi Calcie.
Die prima iulii, post nonam. Ego Obertus Iudex de Vintimilio, filius quondam Raimundi Iudicis, facio, constituo et ordino te Guillelmum Calciam, presentem et recipientem, …[omissis]… satisdatione. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Rubaldo Raimundo, Vultabino de Vintimilio, Iohanne Bastono et Vatacio de Rapallo. Anno et indictione ut supra.

Atto n°75
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.88 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

5 agosto 1259, Ventimiglia.
Iacopo de Volta presenta a Giovanni Giudice del fu Raimondo Giudice una lettera dell'arcivescovo di Genova che gli intima di presentarsi al proprio cospetto per la questione relativa all'annullamento del suo matrimonio con Lorenzina del fu Oberto de Volta. Iacopo dichiara di non essere tenuto a presentarsi in Genova avendo contratto matrimonio in Ventimiglia ed essendo la moglie costretta a seguire il foro del marito.

Ɑ Laurencine, filie quondam Bertholoti de Volta.
Die V augusti, post nonam. Iacobus de Volta obtulit sive representavit Iohanni Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis, litteras, infrascriptas, sigillatas sigillo cere viridis, cuius sigilli superscriptio talis erat: «Sigillum curie archiepiscopi Ianuensis»; in medio dicti sigilli erat ymago episcopalis tenens in manibus pastoralem. Tenor dictarum litterarum talis erat: «Magister Henricus, vicarius domini archiepiscopi Ianuensis, discreto viro Iohanni Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, salutem et omnem bonum. Ex parte Laurencine, filie quondam Oberti de Volta, …[omissis]… inter comune Ianue et comun[e] Vintimilii. Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Guillelmo Enrico, Raimundo Iudice et Guillelmo Iudice. Anno et indictione ut supra.

Atto n°88
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.121 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

7 novembre 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice dichiara di aver ricevuto in mutuo da Vivaldo Murro la somma di 19 lire di genovini, che s'impegna a restituire entro quattro mesi.

Ɑ Vivaldi Murri.
Die VII novembris, post nonam. Ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, confiteor me habuisse et recepisse mutuo, gratis et amore a te Vivaldo Murro libras decem et novem denariorum ianuinorum, …[omissis]… obligo. Actum in castro Collis Vintimilii, presentibus testibus Ingeto Burono, Iacobo de Volta et Iacobo de Recho. Anno et indictione ut supra.

Atto n°121
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.153 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

6 gennaio 1260, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, vendono a Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo una pezza di terra, in parte coltivata a fichi e in parte lasciata a prato, situata nel territorio di Ventimiglia, in Vallebona, per il prezzo di 23 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

Ɑ R[ainaidi] Bulferii.
Die VI ianuarii, post vesperas. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, quilibet nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi, peciam unam terre, partim …[omissis]… iuri de principali primo conveniendo epistule divi Adriani, beneficio nove constitutionis de duobus reis debendi et omni iuri, alter pro altero ad invicem de omnibus supradictis nos constituentes, iurantes insuper nos dicti Iohannes et Marinetus omnia et singula supradicta, ut supta dictum est, attendere, complere et observare et in aliquo non contravenire, et confitemur esse maiores annorum viginti, facientes omnia et singula supradicta consilio Guillelmi Enrici et Rainaldini Bulferii, filii quondam Raimundi, vicinorum et propinquorum nostrorum. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis et rogatis Fulcone Samore et dictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis et indictione ut supra.

Atto n°153
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.156 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 dicembre 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice diffida Ottone Giudice dal procedere, a nome della moglie Margherita, alla stima delle terre del fu Oberto Giudice. Ottone risponde che dette terre erano di proprietà di detto Oberto Giudice, che gli eredi del medesimo ne furono in possesso e che egli ricevette l'ordine di procedere alla stima da parte del capitano del popolo in Genova.

Die XXVIIII decembris, circa vesperas. In presentia testium subscriptorum, Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, dixit et prot[estatus] fuit Ottoni Iudici quod ipse, nomine uxoris sue Margarite, non debeat se extimare in [...] terrarum venditanim, que fuerunt quondam Oberti Iudicis, sicut pronunciatum est per arbi[t]ros Guillelmum [...] Ottonem Bonebellam et dominum Iacobum de Burgaro cum eis. Qui Otto [I]udex …[omissis]… respondit quod dicte terre, in qui[bu]s erat extimatus nomine dicte Margarite, sunt et fuerunt quondam dicti Oberti Iudicis et ipsas heredes ipsius tenuerunt et possiderunt, et quod in ipsis se dicto nomine extimaret habuit in mandatis a domino capitaneo populi in Ianua. Actum ante vineam Pinete que fuit Raimundi quondam Iudicis, presentibus testibus Guillelmo Francisco, Fulcone Gançerra et Pascale Clerico. Anno et indictione ut supra.

Atto n°156
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.176 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

27 gennaio 1260, Ventimiglia.
Giovanni de Volta, che agisce a nome di Elia, vedova di Raimondo Sasso, da una parte, e Raimondo Giudice, tutore di Guglielmino del fu Raimondo Saonese, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice la questione fra loro vertente per la somma di 40 lire di genovini rectamata da Elia.

[Die XX]CII ianuarii, post nonam. [Ego] Iohannes de Volta, ex una parte, et Raimundus Iudex, tutor Guillelmini, filii quondam Raimundi Sagonensis, [tutor] ipsius minoris, ex altera, compromittimus et generale compromissum facimus in te Obertum Iudicem, filium Rai[mundi] quondam Iudids, tamquam in arbitrum, arbitratorem et amicabilem compositorem, a nobis sponte electum …[omissis]… obligamus. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus domino Guillelmino Rubeo, iudice dicti comunis, Aldebrando executore et Guidone Priore. Anno et inctictione ut supra.

Atto n°176
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.177 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 gennaio 1260, Ventimiglia.
Giovanni Giudice del fu Raimondo Giudice vende al fratello Oberto tutte le terre e tutti i diritti che possiede nel territorio di Ventimiglia, pro indiviso con lo stesso Oberto e con il fratello Marineto, per il prezzo complessivo di 200 lire di genovini, di cui rilascia quietanza.

Die XXVIIII ianuarii, ante vesperas. Ego Iohannes Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, vendo, cedo et trado vel quasi tibi Oberto Iudici, fratri meo, [omnes terras] et omnia iura, rationes et actiones, reales et personales, utiles et directas, mixtas et rei persecutorias, que [et] quas visus sum habere in territorio Vintimilii, pro indiviso tecum et Marineto, fratre nostro, tam in inmobilibus quam in mobilibus, et specialiter in terris et possessionibus subscriptis, agregatis et non agregatis, cultis [et in] cultis: videlicet in valle Vervoni, a molendino de Podio Rainaido …[omissis]… videlicet soldos quadraginta ianuinorum annuatim. Item omnia [iura que] pervenire possent vel pervenerint aliqua occasione in districtu Vintimilii et in Ianua occasione successionis patris nostri quondam Raimundi Iudicis et matris nostre quondam Sibilie et avi nostri quondam Oberti Iudicis et amite nostre Iacobe, filie dicti Oberti, ad habendum, tenendum, possidendum et de cetero quicquid volueris iure proprietatio et titulo [em]ptionis faciendum, …[omissis]… obligo. Confiteor me esse maiorem annorum viginti duorum, iurans insuper, corporaliter tactis Sacris Scripturis, ut supra dictum est attendere, complere et observare et non contravenire, faciens omnia consilio Ardiçonis Iudicis et Guiranni Tende, propinquorum et vicinorum meorum. Actum in domo Manfredi de Langasco, qua habitat dictus Obertus, presentibus testibus rogatis Fulcone Vienna et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra. D Millesimo CCLXI, indictione tercia, die XXI ianuarii, post terciam in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Raimundo Iudice, Iliono Conrado et Iohanne Cavugio notario, cassata voluntate parcium.

Atto n°177
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.182 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

4 febbraio 1260, Ventimiglia.
Oberto Giadice del fu Raimondo Giudice, arbitro nella qustione vertente fra Giovanni de Volta, che agisce a nome di Elia, vedova di Raimondo Sasso, da una parte, e Raimondo Giudice, tutore di Guglielmino del fu Raimondo Saonese, che agisce a nome del minore, dall'altra, sentenzia che Raimondo Giudice paghi a Giovanni la somma di 6 lire di genovini e che Giovanni non rechi più molestia a Raimondo o a Guglielmino.

Ɑ Iohannis de Volta et Raimundi Iudicis.
Die IIII februarii, ante vesperas. Super questions que vertitur seu verti sperabatur in[ter] Iohannem de Volta, ex [u]na parte, et Raimundum Iudicem, tutorem Guillelmini, filii quondam Raimundi Sagonensis, nomine [ip]sius minoris, ex altera, super peticione tali: …[omissis]… ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, arbiter super dicta questions a dictis partibus sponte electus, ut in compromisso inde facto manus Iohannis de Mandolexio, notarii subscripti, die XXVIII ianuarii proxime preteriti continetur, …[omissis]… nomine dicti Willelmini, [nec] ipse Guillelminus, occasione predicta nec aliqua alia occasione hucusque acta, deinceps non debeat ipsi petere aliquid nec ipsum [I]ohannem seu aliquam aliam personam pro eo molestare. Et sic iubeo a dictis partibus inviolabiliter observari, sub dicta pena. [Actum in] ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus presbitero Ottone, Guiranno Tenda et Seestro clerico. Anno et indictione [ut] supra.
Ɑ Facta est pro dicto Raimundo. S. quisque s. II.

Atto n°182
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.219 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 aprile 1260, Ventimiglia.
Testamento di Aldina del fu Raimondo Giudice.

Die XXII aprilis, post sonum campanarum. + Ego Aldina, filia quondam Raimundi Iudicis, sane mentis, eger tamen corporis, timens iudicum Dei et ne decedam intestate, de bonis meis mobilibus et immobilibus talem facio dispositionem. In primis, si me contingerit de hac egretudine mori, iubeo corpus meum sepeliri apud ecclesiam Sancti Francischi Fratrum Minorum, cui ecclesie lego, pro sepultura mea, soldos viginti. Item ecclesie Sancte Marie, pro missis canendis, soldos viginti. || Item operi pont[is] Vintimilii soldos quinque. Item operi ecclesie Sancti [Mi]chaelis soldos quinque. Item confiteor me habuisse a Vivaldo Murro de non recto lucro soldos decem, quos volo eidem dari et restitui, et ultra omne id quod ab eo recipere debeam ultra libras quatuor[de]cim et soldos quindecim. Item volo et iubeo quod non petatur nec possit peti aliquid ab aliqua persona Oberto [Iu]dici, fratri meo, quod ab eo recipere deberem, set volo quod ei debeat remanere pro parte sua, hoc est pro suo tercio. [Rel]liquorum bonorum meorum mihi heredem instituo Iacobum virum meum. Et hec est mea ultima voluntas que, si non valet iure testamenti, saltem iure codicilli vel alterius ultime voluntatis obtineat fimitatem. Actum in castro Collis Vintimilii, presetibus testibus rogatis Nicolao Vicecomite, Ianono calegario, Guillelmo de Vultabio, Iacobo de Recho, Lanfranco Malocello, Enrico Guercio, Lanfranco de Langasco et Guillelmo barberio de Clavaro. Anno et indictione ut supra.

Atto n°219
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.238 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

6 maggio 1260, Ventimiglia.
Corradino de Castro del fu Fulchino, anche a nome dei fratelli, dei quali è procuratore, cede ad Oberto Giudice del defunto Raimondo Giudice di Ventimiglia tutti i diritti che gli competono sui beni del defunto Guglielmo Saonese del fu Guglielmo Saonese, in ragione della somma di 6 lire di genovini, che il detto Guglielmo, insieme a Rubaldo Balbo, doveva versare a Fulchino.

Ɑ Oberti Iud[icis]
Die VI madii, ante nonam. Ego Conradinus de Castro, filius quondam Fulchini, nomine meo et nomine fratrum meorum quorum sum procurator, ut dico, do, cedo et trado tibi Oberti Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, et in te omnia iura et actiones que et quas habeo, cum dictis fratribus meis …[omissis]… iuri. Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Rainaldo Bulferio mai[ori] et Marsiliensi. Anno et indictione ut supra.

Atto n°238
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.272 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

23 luglio 1260, Ventimiglia.
I coniugi Ottone Giudice del fu Oberto Giudice e Margherita, confermando a Fulcone Raimondo di Seborga la vendita di una pezza di terra, sita nel territorio di Ventimiglia, in podio Oculi, ubi dicitur Crispus, fattagli da Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, rimettono al medesimo Fulcone ogni diritto a loro competente sulla terra suddetta per la somma di 10 lire di genovini, annullando lo strumento di cessione della terra, fatta da Fulcone a Ottone il precedente 24 febbraio.

Die XXIII iulii, post terciam. Nos Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, et Margarita iugales, confirmantes et approbantes v[endi]tionem quam tibi Fulconi Raimundo de Seburc[a]ro fecit Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, scriptam [ma]nu quondam Dogue notarii, cuiusdam pecie terre, çerbe et culte, posite, in territorio Vintmilii, in podio Oculi, ubi [dicitur] Crispus, cui coheret …[omissis]… ego dicta Margarita consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Oberti Iudicis et Guillelmi Enrici, vicinorum et propinquorum meorum, abrenuntians iuri ypothecarum, senatus consulto velleiano et omni iuri. Actum in civitate Vintimilii, in domo quondam Ugonis Marnelli, presentibus testibus rogatis Guilielmo Calcia, Albino de Seburc[a]ro et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supta.

Atto n°272
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.289 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

1° settembre 1260, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, per i due terzi, da una parte, e Marineto, suo fratello, per un terzo, dall'altra, dividono fra loro i beni mobili e immobili che furono di proprietà dei loro genitori e del nonno e tutti gli altri beni cbe possiedono in comune.

Ɑ Oberti Iudicis et Marineti.
Die prima septembris, circa terciam. Divisionem ad invicem fecerunt inter s[e] Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, pro duabus partibus, ex una parte, et Marinetus, eius frater, ex altera, [pro] alia tercia parte, de bonis mobilibus et immobilibus parentum suorum, videlicet patris et matris eorum, et avi, et aliorum bonorum suorum que simul comunia habebant. In primis de possessionibus venit in parte dicto Marineto pecia una terre posite in valle Vervoni, …[omissis]… ab uno latere fossatus Vallis Bone et ab alio latere via qua tenditur ad domum que fuit quondam dicti Raimundi Iudicis. Item tercia pars casalium …[omissis]… ultra fossatum Vervonis usque in Banchi, versus mare, et versus Podium Rainaldum, que fuerunt quondam Oberti Iudicis, avi corum. Item una pecia terre posite …[omissis]… ut supra attendere, complete et [obser]vare et non revocare, sub dicta pena, dans dictus Obertus dicto Marineto, et concedens omnia iura que habet vel habere possit [de] parte que venit dicto Marineto et dictus Matinetus dicto Oberto similiter, faciens dictus Marinetus predicta consilio Otto[nis] Iudicis et Willelmi Dulbeci, vicinorum suorum, quos suos propinquos in hoc casu, eigit et appellat, confitens se maiorem annis XVIII. [In]super nos Adalasina, uxor dicti Oberti, et Francischina, uxor predicti Marineti, ratificantes et aprobantes dictam divisionem, facimus [finem] et refutacionem omnimodamque remissionem pro dictis partibus …[omissis]… et voluntate dictorum virorum nostrorum et consilio Ottonis Iudicis et Willelmi Dulbeci, vicinonim nostrorum, q[uos] nostros propinquos in hoc casu eligimus et appellamus, renuntiantes iuri ypothecarum, senatus consulto velleiano, legi iulie et omni iuri. Actum in civitate [Vintimilii], presentibus testibus presbitero Ugone Melagino et dictis consiliatoribus, sub capitulo Vintimilii, et Willelmo Enrico atque Petro Bertera.
Ɑ F[ac]ta est pro dicto Oberto.

Atto n°289
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.304 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 ottobre 1260, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, da una parte, e Guglielmo Rubaldo, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Guglielmo Calcia e Corrado di Perinaldo tutte le questioni fra loro vertenti.

Die XXVIIII octubris, ante nonam. Nos Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Guillelmus Rubaldus, ex altera, compromittim[us] et generale compromissum facimus in te Guillelmum Calciam, presentem, et Conradum de Podio Rainaldo, absentem, de omni lite et controversia que simul habemus vel habere possemus vel etiam habuissemus usque in hanc diem ali[qua] occasione, …[omissis]… perseveret. Et pro his observandis universa bona nostra habita et habenda unus alteri ad invicem pigneri obligamus. Actum in portario Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Guillelmo Paerno, Ottone Alamano et Raimundo Rebufato. Anno et indictione ut supra.

Atto n°304
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.323 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

5 dicembre 1260, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice nomina Lanfranco Bulbonino de Turca e Iacopo de Volta suoi procuratori perché difendano lui e i suoi beni contro Vivaldo Murro.

Die V decembris, ante nonam. Ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, facio, constituo et ordino Lanfrancum Bulboninum de Turca et Iacobum [de] Volta, absentes, meos certos nuncios et procuratores, quemlibet eorum in solidum, …[omissis]… meorum. Actum in porta ecclesie Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Guillelmo Enrico et [Con]rado Mauro. Anno et indictione ut supra.

Atto n°323
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.345 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 gennaio 1261, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Gudice, da una parte, e Giovanni Giudice, suo fratello, dall'altra, dividono fra loro i beni mobili e immobili che furono di proprietà dei loro genitori, del nonno e della zia Iacopa e tutti gli altri beni che possiedono in comune.

Oberti et Iohannis Iudicis.
Die XXI ianuarii, ante nonam. Divisionem fecerunt ad invicem inter se Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Iohannes Iudex, eius frater, ex altera, de bonis mobilibus et inmobilibus parentum suorum, videlicet patris et matris eorum, et avi et amite sue, domine Iacobe, et aliorum bonorum suorum que simul comunia habebant. In primis, …[omissis]… ego dictus Iohannes hec omnia et singula supradicta consilio Raimundi Iudicis et Guiranni Tende, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos eligo et appello, et confiteor me maiorem esse annorum viginti. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Iliono Conrado, Guillelmo Arnaldo et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°345
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.346 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 gennaio 1261, Ventimiglia.
Giovanni Giudice del fu Raimondo Giudice vende al fratello Oberto Giudice la metà di un orto situato in Pascherio, che i due fratelli possedevano pro indiviso, per il prezzo di 30 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Die eodem, hora, loco et testibus. Ego Iohannes Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis vendo, cedo et trado tibi Oberto Iudici, fratri meo, meam medietatem orti positi in Pascherio, quam tecum habebam comune pro indiviso, cui toti coberet superius ortus Marineti, frattis nostri, inferius ortus Ugonis Calcie, ab uno latere via et ab alio latere ortus Guiranni Tende, …[omissis]… et singula supracticta consilio Raimundi Iudicis et Guiranni Tende, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello. Actum, in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Iliono Conrado, Guillelmo Arnaldo et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°346
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.380 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

17 maggio 1261, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice di Ventimiglia dichiara di aver ricevuto da Lanfranco Bulbonino, a nome della propria moglie Adalasina, la somma di 150 lire di genovini per la dote della medesima e di averle fatto donazione di 100 lire a titolo di antefatto: per la dote suddetta cede ad Adalasina, per il sostentamento della medesima, dei suoi e di esso Oberto, diversi beni mobili e immobili del valore complessivo di 120 lire.

Ɑ Alasine, uxoris Oberti Iudicis.
Die XVII madii, post terciam. Ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, confiteor me habuisse et recepisse a Lanfranco Bulbonino, ab[s]enti, nomine Adalasine, uxoris mee, pro dotibus sive patrimonio suo, libras centum quinquaginta ianuinorum et ei feci donationem librarum centum propter nupcias sive nomine antefacti, sicut constat per instrumentum inde factum manu Iacobi de Castelleto notarii, millesimo CCL, indictione VIII, die XXV octobris, inter nonam et vesperas; …[omissis]… plures pecias terre contiguas positas in territorio Vintimilii, in Vervono, que fuerunt quondam domini Oberti Iudicis, quibus omnibus coheret superius via, inferius vallonus Sancti Feliani, ab uno latere terra Guillelmi Calcie et ab alio latere terra Marineti et Iohannis Iudicis. Item totum mobile …[omissis]… eligo et appello. Actum in domo Manfredis de Langasco, quam habitant dicti iugales, in Vintimilio, presentibus testibus [rogatis] Guillelmo Dulbeco et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°380
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262