? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Atti dell'Amandolesio

Aldina Iudex viene nominata nei seguenti atti.

Atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto n.150 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

26 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice, che agisce anche a nome dei fratelli Giovanni e Marineto, dei quali è curatore, vende a Rainaldo Bulferio delfu Rainaldo Bulferio una pezza di terra, sita ad Pinetam, per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilascia quietanza. Dichiara di procedere alla vendita per pagare i debiti paterni, ed in particolare la dote della loro sorella, Aldina.

Ɑ Rainaldi Bulferii.
[Ego Obertus Iudex, nomine meo et lohannis et Marineti], fratrum meorum, quorum cu[rator sum, vendo, cedo et trado tibi Rainaldo Bulferio, filio] quondam Rainaldi Bulferii, peciam unam terre site ad Pinetam, cui coheret superius terra Conradi Speroni et Ottonis Roberti et heredum quondam Rainaldi Sardene, inferius litus maris, ab uno latere …[omissis]…
Actum in capitulo Vin[timilii, presentibus] testibus rogatis Guillelmo Calcia, Nicolao Barla, Antonio Dulbeco et F[ulcone Bel]lensegna. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVI[II, indictione XV, die] XXVI [februarii, inter] terciam et nonam.

Atto n°150
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.30 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, si dichiarano debitori verso la sorella Aldina della somma di 90 lire di genovini, residuo della di lei dote di 9O lire, e promettono di pagare, ciascuno in rate di 5 lire ogni anno, fino al saldo del debito.

[Ɑ Aldine, uxoris I]acobi de [Volta].
Die codem, hora, loco et presentibus. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, confitemur tibi Aldine, sorori nostre, debere dare pro dotibus tuis, que restant tibi ad solvendum, libras nonaginta denariorum ianuinorum, …[omissis]… iurantes insuper nos dicti Iohannes et Marinetus verbotenus esse maiores annorum decem et octo et ut supra dictum est, tactis corporaliter Sacris Scripturis, attendere, complere et observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire, renuntiantes beneficio minotis etatis et omni iuri. Et facimus omnia et singula supradicta consilio Sirnonis Buroni et Vassalli Capelleti, vicinorum nostrorum. Anno et indictione ut supra.

Atto n°30
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.219 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 aprile 1260, Ventimiglia.
Testamento di Aldina del fu Raimondo Giudice.

Die XXII aprilis, post sonum campanarum. + Ego Aldina, filia quondam Raimundi Iudicis, sane mentis, eger tamen corporis, timens iudicum Dei et ne decedam intestate, de bonis meis mobilibus et immobilibus talem facio dispositionem. In primis, si me contingerit de hac egretudine mori, iubeo corpus meum sepeliri apud ecclesiam Sancti Francischi Fratrum Minorum, cui ecclesie lego, pro sepultura mea, soldos viginti. Item ecclesie Sancte Marie, pro missis canendis, soldos viginti. || Item operi pont[is] Vintimilii soldos quinque. Item operi ecclesie Sancti [Mi]chaelis soldos quinque. Item confiteor me habuisse a Vivaldo Murro de non recto lucro soldos decem, quos volo eidem dari et restitui, et ultra omne id quod ab eo recipere debeam ultra libras quatuor[de]cim et soldos quindecim. Item volo et iubeo quod non petatur nec possit peti aliquid ab aliqua persona Oberto [Iu]dici, fratri meo, quod ab eo recipere deberem, set volo quod ei debeat remanere pro parte sua, hoc est pro suo tercio. [Rel]liquorum bonorum meorum mihi heredem instituo Iacobum virum meum. Et hec est mea ultima voluntas que, si non valet iure testamenti, saltem iure codicilli vel alterius ultime voluntatis obtineat fimitatem. Actum in castro Collis Vintimilii, presetibus testibus rogatis Nicolao Vicecomite, Ianono calegario, Guillelmo de Vultabio, Iacobo de Recho, Lanfranco Malocello, Enrico Guercio, Lanfranco de Langasco et Guillelmo barberio de Clavaro. Anno et indictione ut supra.

Atto n°219
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.267 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

5 luglio 1260, Ventimiglia.
Aldina, moglie di Iacopo de Volta, figlia di Raimondo Giudice, sana di corpo e di mente, dichiara nullo il suo precedente testamento, rogato il 22 aprile 1260.

Ɑ Aldine de Volta.
Die V iulii, ante vesperas. In presencia testium subscriptorum, ego Aldina, uxor Iacobi de Volta, sana corpore atque mente, casso, irrito et evacuo atque revoco testamentum et omnem ultimam voluntatem scriptum et scriptam manu Iohannis de Mandolexio, notaii subscripti, …[omissis]… voluntatis. Actum in castro Collis Vintimilii, presentibus testibus Grisia, Enrico de Recho, Gaialdo iudice de Rapallo, qui ditavit hunc instrumentum, et dictis consiliatoribus. Anno et indictione supra.

Atto n°267
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262