? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Atti dell'Amandolesio

Ardizzone Iudex viene nominato nei seguenti atti.

Atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto n.17 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

31 maggio 1257, Ventimiglia.
Estimo sui beni di Guglielmo Maroso nel territorio di Ventimiglia a favore di Tommaso Burbalie.

[Ɑ Gui]llelrmi Marosi [et T]home Burbalie.
Im presencia infrascriptorum testium, Guill[elmus] …[omissis]… Volens igitur suis rogaminibus intendere quemadmodum quilibet notarius publicus hoc facere tenetur, ut supra scripsi et im publicam formam posui, presentibus testibus convocatis Ardiçono Iudice, Rainaldino Bulferio, Guillelmo Iudice et Ottone Navarro.
Actum in Vintimiilio, ante domum predictam dicti Marosi. Millesimo et indictione ut supra, die ultima madii. Et duo instrumenta unius tenoris ambe partes rogaverunt fieri, cuilibet partium unum.
Ɑ Ambo sunt facta.

Atto n°17
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.43 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

25 agosto 1257, Ventimiglia.
Lanfranchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, ed alcuni consiglieri, esplicitamente elencati, a nome del Comune, nominano Guglielmo Enrico ed Ottone Bonebella loro procuratori per la cura degli interessi del Comune stesso.

Ɑ Carta comunis Vintimili, sindacatus.
Nos Lafranchinus Pignolus, potestas civitatis Vintimilii, auctoritate et voluntate et beneplacito consiliariorum infrascriptorum, vel maioris partis, ad consilium comunis Vintimilii in capitulo ciusdem comunis per campanam et vocem preconis more solito congregatorum, nomine nostro, dictorum consiliariorum et comunis Vintimilii ac universitatis ipsius, et nos dicti et infrascripti consiliarii, nomine et vice nostro et dicti comunis atque universitatis ipsius, facimus, constituimus, ordinamus et creamus vos Guillelmum Henricum et Ottonem Bonebellam, ambos simul presentes et recipientes, nomine disti comunis et universitatis, generales sindicos, …[omissis]… Nomina predictorum consiliariorum, qui interfuerunt predicto consilio, sunt hec: Obertus Iudex, Guillelmus Calcia, Ardiçonus Iudex, Rainaldus Bulfelius, Imbertus Capa, Guillelmus Bonebella, Obertus Gengana, Obertus Sagonensis, Ilionus Conradus, Maurus de Mauris, Otto Robertus, Fulco Curlus, Guillelminus Curlus, Manuel Stallanellus, Obertus Magullus, Otto Bulferius, Fulco de Castel, Raimundus Gengana, Guillelmus Dulbecus, Iacobinus Valloria, Iacobus Prior, Obertinus Peregrin[us, Rai]mundus Gangerra, Guillelmus Franciscus, Raimundus Audebertus, Raimundus Rebufatus, Raimundus Iud[ex], …[omissis]… Sardena, Guillelmus Tortella, Nicola de Tabia, Ugo Bonanatus, Guillelmus Rustigus, Cunradus …[omissis]… [N]icola Dulbecus, Guillelmus …[omissis]… fius et predicti sindici.
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus t[estibus A]braino et Raviolo, [executoribu]s, et Bartoloto de Sancto Donato, notario. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione [XI]III, [die] XXV, augusti, ante terciam.

Atto n°43
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.67 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

6 ottobre 1257, Ventimiglia.
Folco Curlo nomina Guglielmo Guercio suo procuratore per la riscossione da Giovanni Vairorio e dai fratelli Nicola e Ottobuono, tutti di Arenzano, della somma di 14 lire di genovini.

[Ego Fulco Curlus facio, constituo et ordino Gui]llelmum Calciam, presentem, [meum certum nuncium et procuratorem ad petendum et recipien]dum …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Imberto Curlo, Ardiçono Iudice et Aldebrando executore. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quinta decima, die sexta octubris, inter vesperas et completorium.

Atto n°67
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.69 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

9 ottobre 1257, Ventimiglia.
Marino Alvernia, vicegerente di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, presenta ad Azzone, vescovo di Ventimiglia, il templare Raimondo Galiana e Guglielmo di Voltri, ferito, a quanto si dice, dallo stesso Raimondo, affinché faccia detenere Raimondo, che dovrà essere punito ad arbitrio del podestà di Genova o dalla giustizia di Ventimiglia in caso di morte di Guglielmo e di prove circa la colpevolezza di Raimondo. Il vescovo non accetta Raimondo in custodia, ma si dichiara pronto a rendere giustizia.

Ɑ Comunis.
In presente subscriptorum testium, dominus Marinus Alvemia, gerens vicem domini Bartholomei Ferrarii, iudicis comunis Ventimilii, representat coram domino Agone, episcopo Vintimilii, Raimundum Galianam templerium et Guillelmum de Vulture, vulneratum, quem Raimundus dicitur vulnerasse, …[omissis]…
Actum in palacio predicti episcopi, presentibus Rainaldo Bul[ferio], Ardiçono Iudice et Vivaldo Murro. Anno, die et ho[ra ut]supra.

Atto n°69
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.79 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 ottobre 1257, Ventimiglia.
Nuvelono giudice di Diano dichiara di avere ricevuto da Guglielmo Grana di Apricale il pagamento di tutti i suoi crediti fino a quella data, ed in particolare il pagamento di 50 soldi di genovini.

Ɑ Guillelmi Grane de Abrigali.
Ego Nuvelonus iudex de Diano confiteor michi fore satisfactum de omni debito quod usque in hodierdum deberem recipere, cum scriptis vel sine scriptis, a te Guillelmo Gra[na] de Abrigali, et specialiter …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus Ardiçono Iudice et presbitero Ugone Melagino. Anno ut supra, die XXVIIII octubris, inter terciam et nonam.

Atto n°79
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.88 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

13 novembre 1257, Ventimiglia.
Ardizzono Giudice, procuratore di Guglielmo Spinola, dichiara di avere ricevuto da Folco Bellensegna, che agisce a nome del padre, Guglielmo Bellensegna, il pagamento della somma di 3 lire di genovini, parte delle 5 lire che Guglielmo Bellensegna doveva a Guglielmo Spinola.

Ego Ardiçonus Iudex, procurator Guillelmi Spinule, confiteor tibi Fulconi Bellensegne habuisse et recepisse a te, solvente nomine et vice Willelmi Bellensegne, patris tui, solutionem integram et satisdactionem librarum trium ianuinorum, que sunt de libris quinque ianuinorum quas dietus pater tuus dicto Willelmo Spinule dare tenebatur, ut patet per quamdam podisiam inde factam manu Petri de Musso notarii in millesimo CCLVI, die XI septembris; …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Bartoloto scriba, Iohanne Bellaver et Guillelmo Turtella. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quinta decima, die XIII novembris, ante terciam.

Atto n°88
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.116 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<15-23 gennaio 1258, Ventimiglia.>
Oberto Giudice, Raimondo Giudice, Ardizzono Giudice, Guglielmo Giudice e Guglielmo Enrico nominano loro procuratori Iacopo de Volta e Ianella Avvocato.

Ɑ Oberti Iudicis de Vintimilio.
[Nos Ober]tus Iudex, Raimundus [Iu]d[ex], Ardiçonus Iudex, Guillelmus Iudex et Guillelmus Henricus, quilibet …[omissis]… vel plures se in solidum obligaverint quod quisque …[omissis]… te Iacobum de Volta, presentem, et Ianellam Advocatum …[omissis]…
Actum in …[omissis]… et [O]berto Lupo de Sancto …[omissis]…

Atto n°116
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.132 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

1 febbraio 1258, Ventimiglia.
Impegni assunti da Lanfranco Burbonino verso Oberto Saonese per una terra braida.

Ɑ Oberti Sagonensis.
[Ego Lan]francus Bur[bo]ninus [promit]to et convenio tibi Oberto Sagonensi, ex paeto habito inter te et me, reddere …[omissis]…
Actum ante portam Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus convocatis Guiranno Tenda, Ardiçono Iudice et Nivevono de Diano iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die prima februarii, ante terciam.

Atto n°132
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.135 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 febbraio 1258, Ventimiglia.
Imberto Boamonte e Ardizzono Giudice di Ventimiglia dichiarano di avere ricevuto da Lanfranco Bulbonino de Turca un quantitativo di beni, per cui promettono di consegnargli in Ventimiglia, rispettivamente entro il 1° agosto ed il 1° settembre, ventisei quartini di frumento e trenta quartini di avena.

Ɑ Lanfranci Burbonini.
Nos Imbertus Boamons et Ardiçonus Iudex de Vintimilio, quisque nostrum in solidum renuntians iuri solidi de principali primo fore conveniendum, confitemur habuisse et recepisse a te Lanfranco Bulbonino de Turca tantum de tuis rebus, renuntiantes exceptioni non habitarum vel non receptarum rerum, …[omissis]…
Actum in portario [Sanete Marie de Vintimilio, presenti]bus testibus rogatis Isnardo Travacha, Guillelmo Henrico …[omissis]… [Anno dorninice] Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XIIII [februarii], …[omissis]…

Atto n°135
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.136 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 febbraio 1258, Ventimiglia.
Imberto Boamonte, dichiarando che Ardizzono Giudice si è obbligato nei confronti di Lanfranco Burbonino de Turca per ventisei quartini di frumento e trenta quartini di spelta dietro sua richiesta, lo libera da ogni eventuale conseguenza.

Ɑ Ardiçoni Iudicis.
[Die] eodem, hora et loco. [Ego Imbertus Boamons confiteor tibi Ardiçono] Iudici quod tu ad preces meas et mea [voluntate te et bona tua hodie obligasti] de quartinis viginti sex furmenti [boni et receptibilis et de quartinis triginta avene versus] Lanfrancum Burboninum de Turca, …[omissis]… Pro pena et predictis omnibus et singulis observandis universa bona mea, habita et habenda, tibi pigneri obligo. Testes rogati Guillelmus Henricus et Guillelmus Iudex.

Atto n°136
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.137 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

15 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice ed i suoi fratelli, Giovanili e Marineto, i quali agiscono alla presenza e con il consenso del loro curatore Guglielmo Calcia, addivengono ad una divisione dei beni di loro pertinenza, compresi quelli a loro pervenuti per eredità materna e paterna.

Ɑ Oberti Iudicis et suoruin fratrum.
Nos Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, et Iohannes et Marinetus, fratres dicti Oberti, auctoritate Guillelmi Calcie, curatoris nostri, presentis et consentientis, confitemur ad invicem inter nos celebrasse divisionem omnium bonorum nostrorum paternorum et maternorum, tam mobilium quam immobilium, et omnium aliorum bonorum nobis aliqua occasione pertinentium. In qua divisione michi Oberto obvenit in parte libre decem ianuinorum, quas recipere debemus et recipimus annuatim pro feudo a comuni Ianue sive in ipso comuni. Item obvenit michi in parte tercia ars unius vinee posite ad Pinetam, cui coheret superius via, inferius litus maris, ab uno latere terra Guillelmi Marosi et ab alio latere terra tui Marineti, fratris mei, sicut terminata est. …[omissis]… Item tercia pars molendini siti in Pascherio, cum 'eius pertinenciis et cum tercia parte unius orti positi in Pascherio, cui orto coheret superius terra Guillelmi barberii, inferius terra Guillelmi Marosi et ab uno latere terra tui Iohannis, fratris mei, sicut terminata est. …[omissis]… Confitemur insuper nos predicti Oberrus, Iohannes et Marinetus habere comune simul extimationem cuiusdam domus site subtus castrum Roche Vintimilii, dirupte per comune Ianue et extimate per ipsum comune in libris trescentis denariorum ianuinorum, et casale unum situm ad Sanctum Nicolaum, cum alio casali sito subtus castrum Roche Vintimilii. …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis Ardiçone Iudice, Capa Bonifacio et Iacobo Valloria. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XV februarii, inter vesperas et completorium. Factum est pro dicto Oberto.

Atto n°137
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.141 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

17 febbraio 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Arzeleto maior e Ardizzono Giudice di Ventimiglia ricevono in mutuo da Lanfranco Burbonino de Turca la somma di 12 lire di genovini, che promettono di restituire entro il termine di un anno.

Nos Guillelmus Argeletus maior et Ardiçonus Iudex de Vintimilio, quisque nostrum in solidum renuntians iuri solidi et iuri de principali primo fore conveniendum, confitemur habuisse et recepisse a te Lanfranco Burbonino de Turca mutuo gratis et amore libras duodecim denariorum ianuinorum, …[omissis]…
Actum in domo heredum [quondain Gui]llelmi Sagonensis, presentibus testibus rogatis Oberto Iudice, Guillelmo Calcia et Guillelmo Paemo. [Anno domini]ce Nativitatis millesimo CCLVIH, indictione XV, die XVII februalii, post campanas.

Atto n°141
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.144 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

18 febbraio 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Arzeleto maior, riconoscendo che Ardizzono Giudice si è obbligato per la somma di 12 lire di genovini e per ventotto quartini di avena nei confronti di Lanfranco Burbonino de Turca dietro sua richiesta, lo libera da ogni eventuale conseguenza. Obertino Arzeleto si rende garante per Guglielmo Arzeleto.

Ɑ Ardiçoni Iudicis.
Ego Guillelmus Arçeletus maior confiteor tibi Ardiçono Iudici quod tu ad preces meas et meo mandato atque voluntate heri versus Lanfrancum Burboninum de Turca te et bona tua una mecum de libris duodecim denariorum ianuinorum et quartinis viginti octo avene obligasti, secundum quod continetur in instrumentis inde factis manu tui Iohannis de Mandolexio, notarii infrascripti; …[omissis]… [Et insupe]r ego Obertinus Arçeletus promitto tibi predicto Ardiçono me facturum et curatu[rum quod dietus] Guillelmus observabit omnia et singula supradicta, et inde [proprium et principalem o]bservat[orem et curat]orem de pena, si contrafaceret, me constituo, renuntians …[omissis]… et Guillelmo Rebufato. Anno [dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XVIII] februarii, ante terciam.

Atto n°144
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.174 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<post 13 marzo> 12581 Ventimiglia.
Su mandato di Guglielmo Boccanegra, capitano del popolo di Genova, e su espressa richiesta di Azzone, vescovo di Ventimiglia, Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, assolve Iacopo Gandolfo, canonico di Ventimiglia, dalla pena del bando.

Ɑ Iacobi clerici de Gandulfis.
In presencia testium subscriptorum, Guillelmus Malleus, canonicus Vintimilii, rapresentavit, in presencia domini Agonis, Dei gratia episcopi Vintimilii, domino Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, …[omissis]… Quarum litterarum tenor talis est: «Guillelmus Bucanigra, capitaneus populi Ianue, discreto viro potestati Vintimilii vel eius provido iudici, gaudium et salutem. …[omissis]… Datum die XIII marcii». Unde dictus dominus episcopus dixit et precepit dicto domino Bartholomeo iudici, cum processerit de facto, dictam forestacionem debeat relaxare et dictum clericum restituere, …[omissis]… timens contra mandata predicti domini episcopi et eclesie libertatem …[omissis]…
[Actum] in palacio supradicti domini episcopi, presentibus testibus Oberto Iudice, Guillelmo Henrico, …[omissis]… [Ardi]çono Iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, in[dictione]post vesperas.

Atto n°174
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.197 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 aprile 1258, <Ventimiglia>.
Lanfranco Pignolo, podestà di Ventimiglia, dichiara ad Ottone Bonebella di essere pronto a consegnargli tutti gli atti relativi alle condanne dello stesso Ottone e di coloro che si sono appellati al capitano del popolo di Genova in occasione della rissa scoppiata sulla piazza di Ventimiglia la trascorsa domenica delle Palme.

Domini Lanfranci Pignoli.
In presente testium subscriptorum, dominus Lanfrancus Pignolus, potestas Vintimilii, dixit et denunciavit Ottoni Bonebelle se esse paratum facere ei dari omnes scripturas et aetitata …[omissis]…
Actum in domo heredum quondam Guillelmi Sagonensis, presentibus Ardiçono Iudice et Nicolao Amadeo. Anno ut supra, die XXIIII aprilis, post sonum campanarum. Cassum per errorem subscripti instrumenti.

Atto n°197
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.207 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

19 maggio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, nominato curatore dei fratelli Giovannino e Marineto da Guglielmo di Voltaggio, vicegerente di Lanfranchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, cede ad laborandum per un periodo di sei anni a Guglielmo Lorenzo tutte le terre che i minori posseggono in Vallecrosia, fatta eccezione per quelle già cedute ad plantandum, dietro la corresponsione annuale della quarta parte delle biade e della metà dei fichi, che Guglielmo dovrà consegnare, a sue spese, nella casa di Ventimiglia dei minori.

Ɑ Oberti Iudicis et Willelmi Laurencii.
+ Ego Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, curator datus Iohannino et Marineto, fratribus meis, per dominum Guillelmum de Vultabio, gerentem vicem domini Lanfranchini Pignoli, potestatis tunc Vintimilii, ut patet per quandam publicam scripturam scriptam in cartulario comunis Vintimilii per manum tui lohannis, notarii subscripti, die XXVI februarii proxime preferiti, nomine ipsorum minorum, do, cedo et trado tibi Guillelmo Laurencio …[omissis]…
Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus convocatis Ardiçono Iudice, Richermo Laurencio et Oddone Macario. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XVIIII madii, inter terciam et nonam. Factum est pro dicto Oberto.

Atto n°207
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.234 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<18 settembre - 21 ottobre 1258>, Ventimiglia.
Ottone Giudice del fu Oberto Giudice di Ventimiglia nomina suo procuratore Ardizzone Giudice di Ventimiglia in causa vertente con Raimondo Curlo e per i suoi negozi nella curia di Ventimiglia.

[Ɑ] Ardiçonis Iudicis.
Ego Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis de Vintimilio, facio, constit[uo et ordino te Ardiçonem Iudicem, abse]ntem, meum certum nuncium, procuratorem et loco mei in causa vel causis …[omissis]…
[Actum] in civitate Vintimilii, in domo …[omissis]… Anno dominice Nativitatis mil[lesimo] …[omissis]…

Atto n°234
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.237 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 ottobre 1258, Ventimiglia.
I fratelli Guglielmo Giudice ed Ardizzono Giudice nominano loro procuratore Guglielmo del fu Oberto de Poçeto per la riscossione di quanto loro dovuto dagli eredi del conte Manuele e del conte Guglielmo.

Ɑ Guillelmi [de] Pogeto.
Nos Guillelmus Iudex et Ardiçonus Iudex, fratres, quisque nostrum in solidum, facimus, constituimus et ordinamus, presentem, nostrum certum nuncium et procuratorem Guillelmum, filium quondam Oberti de Poçeto, ad petendum et recipiendum, …[omissis]…
Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Mauro Bonifacio, Iohanne de Rocabruna clerico et Simone Podisio. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione prima, die XXIIII octubris, ante nonam.

Atto n°237
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.243 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

11 novembre 1258, Ventimiglia.
Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo Bulferio acquista da Buonmigliore Boga e Nicola Blanco di Arenzano un quantitativo di orzo, per il quale promette di pagare la somma di 25 lire di genovini entro quindici giorni dal loro arrivo a Genova.

Ɑ Bonimelioris Boge et Nicol[ai] Blanci de Arengano.
Ego Rainaldus Bulfedus, filius quondam Rainaldi Bulfeiii, confiteor me habuisse et recepisse a vobis Bonomeliori Boga et Nicolao Blanco de Aren�ano ex empto tantum ordeum, renuntians exceptioni non habiti seu non recepti ordei; …[omissis]…
Actum in civitate Vintimilii, in carrubio Mergarie, presentibus testibus Ardiçono Iudice, Egidio Capelleto et Iacobo macellario. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione prima, die undecima novembris, post vesperas.

Atto n°243
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.244 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

8 novembre 1258, Ventimiglia.
Buonadonnina del fu Buonaggiunta de Valleçuncata nomina suo procuratore il cognato Oberto di Centocroci per la cura dei suoi interessi e, in particolare, per la riscossione di quanto lasciatole in eredità dal fratello Simoneto.

Ɑ Oberti de Centumerucibus procu[rationis]
Ego Bonadomnina, filia quondam Bonagunte de Valleçuncata, facio, constituo et ordino, presentem, meum certum nuntium et procuratorem Obertum de Centumcrucibus, cognatum meum, ad omnia mea negotia …[omissis]… faciens hec omnia in presente et consilio Iacobi taliatoris, viri mei, et consilio Ardiçoni Iudicis et Iohannis de Sancto Thoma, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello.
Actum in civitate Vintimilii, in domo qua habitant dicti iugales, presentibus testibus rogatis Iohanne de Rapallo et dietis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione prima, die VIII novembris, ante terciam.

Atto n°244
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.245 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

17 novembre 1258, <Ventimiglia>.
I consiglieri del comune di Ventimiglia ed alcuni altri nominano loro procuratori Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo Bulferio e Oberto Genzana per richiedere al capitano del popolo di Genova di provvedere alla nomina degli ufficiali e consiglieri del comune di Ventiiniglia ed a tutto ciò che attiene ad honorem dicti comunis.

Ɑ Hominum Vintimilii.
In nomine Domini, amen. Ad honorem domini capitani populi Ianue et eiusdem comunis, nos infrascripti consiliarii comunis Vintimilii et nos alii subscripti, qui non sumus de Consilio, …[omissis]… Ɑ Nomina dictorum consiliariorum sunt hec: …[omissis]… Maurus de Mauris, Obertus Bonifacius, Isnardus Travacha, Willelmus Henricus, Raimun[dus] …[omissis]… Willelmus Iudex, Willelmus Dulbecus, Otto Maurus, Fulco Gançerra, Fulco Caste Rainaldinus Bulferius filius quondam Raimundi et …[omissis]… Raimundus Bonussegnorius notarius. Nomina illo[rum] …[omissis]…. Valloria, Ardiçonus Iudex, Guillelmus baraterius, Richermus Laurencius, Balduinus Bursa, filius quondam Iacob¡, Petrus Calcia, Nicolaus Barla, Nicola de Tabia, …[omissis]… Gandulfus de Gandulfis et Rainaldus Bulferius filius quondam Bonifacii. Actum …[omissis]… Guillelmino scriba, filio quondam Rainaldi scribe, et Rainaldo …[omissis]… [Anno dorninice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo], indictione prima, die XVII novembris, inter nonam [et vesperas].

Atto n°245
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.247 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

28 novembre 1258, Ventimiglia.
Ardizzono Giudice di Ventimiglia nomina suoi procuratori Riculfino Brigasco e Giovanni Gandolfo per la riscossione di quanto dovutogli da Giraudo Caminerio.

[Ɑ] Riculfini Brigaschi procurationis.
Ego Ardiçonus Iudex de Vintimilio facio, constituo et ordino te Riculfinum Brigascum, presentem, et Iohannem Gandulfum, absentem, quemlibet in solidum, …[omissis]…
Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus rogatis Matheo Stricto, Abraino executore et Willelmo Iordano. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione prima, die XXVIII novembris, ante terciam.

Atto n°247
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.3 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 agosto - 3 novembre 1257, Ventimiglia.
Oberto Saonese, tutore assegnato da Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, al nipote Guglielmino, figlio del suo defunto fratello Raimondo Saonese, fa redigere l'inventario dei beni del defunto.

Ego Obertus Sagonensis, tutor hodie per dominum Barth[olomeum Ferrarium, iudicem comunis Vintimilii Guillelmino] Sagonensi, filio quondam Raimundi Sagonensis, fratris mei, [volens apprehendere tutelam ipsius cum beneficio inventari, ante]quam aliquid de ipsis bonis attingam vel me [intromittam], …[omissis]… Item, in eodem loco, terciam partem unius gerbi, pro indiviso mecum et fratre meo, cui coheret superius et inferius via, ab uno latere, versus montaneam, terra Oberti Iudicis et fratrum suorum. Item, loco ubi dicitur in Banchis, terciam partem unius figareti, pro indiviso mecum et fratre meo, cui <coheret> superius via, ab uno latere gerbum unum dicti minoris, cui çerbo coheret superius via. …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quarta decima, die XIIII augusti, ante terciam. Inceptum est presentibus testibus Ugone Bonanato, Cunrado Mauro, Oberto Iudice et Ardiçono Iudice. Expletum est eodem millesimo, indictione XV, die III novembris, ante terciam, presentibus Iohanne Fomario notario, Guillelmo Rafa et Raimundo Bonosegegnorio notario.

Atto n°III
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.18 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

<17-29> novembre 1257, Ventimiglia.
Oberto Saonese, a nome proprio e del nipote Guglielmino, di cui è tutore, e Iacopo Saonese fanno redigere l'inventario dei beni della loro defunta madre, Raimonda.

Ɑ Oberti Sagonensis et Iacobi, eius fratris.
Nos Obertus Sagonensis, nomine meo et Guillelmini, nepotis mei, cuius tutor sum, et Iacobus Sagonensis, ut nobis prevideamus et sacre constitutionis Iustiniani tenorem observemus, …[omissis]… [Spacium superius relictum est ut, si quid memorie occurreri]t in hoc inventario pariter [conscribatur. Inceptum est in capitulo Vintimilii, presentibus testib]us convocatis Ardiçono Iu[dice] …[omissis]… Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo [septimo, indictione quinta decima, die] …[omissis]… [novembris], post vesperas.

Atto n°XVIII
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.31 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, vendono a Guglielmo Enrico, per una metà, e ad Ardizzono Giudice e Guglielmo Giudice, per l'altra metà, un mulino, pro indiviso, con due ruote, situato in Pascherio, cum omnibus suis aquaticiis sive aqueductibus, per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza. Dichiarano di procedere alla vendita per pagare i debiti di Ottone Giudice.

[Ɑ Guillelmi Henrici], Ardi[çoni et Guillelmi Iu]dicum.
Die eodem, post nonam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Guillelmo Henrico, ementi pro medietate, et Ardiçono Iudici et Guillelmo Iudici, pro alia medietate, …[omissis]… vestrum Ardiçoni et Guillelmi Iudicis et ab alio molendinum Guillelmi Dulbeci, sive alic sint coherencie, ad habendum, …[omissis]… ultra. Possessionem quoque et dominium dicti molendini cum suis pertinenciis vobis tradidisse confitemur, constituentes nos ...[omissis]

Atto n°31
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.66 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

13 giugno 1259, Ventimiglia.
I coniugi Iacopo de Volta e Aldina promettono di restituire ai coniugi Oberto Giudice e Alasina, a Giovanni, e ai coniugi Marineto e Franceschina, la terra da essi venduta loro, di cui a un documento precedente del 13 giugno 1259, se essi venderanno loro, entro la metà del prossimo ottobre, il mulino de Pascherio, tenuto da Guglielmo Enrico, Ardizzono Giudice e Guglielmo Giudice, o se, entro lo stesso periodo, verseranno loro 45 lire di genovini, a titolo di pagamento della terra medesima. In caso di vendita del mulino, Iacopo de Volta e Aldina promettono di restituirlo ai venditori qualora i venditori medesimi versino loro la somma di 45 lire.

[Ɑ Oberti Iudi]cis.
Die xiii iunii, inter nonam et vesperas. Nos Iacobus de Volta et Aldina, iugales, quisque nostrum in solidum, renuntiantes iuri solidi de principali primo conveniendo et omni alii iuri, promittimus et convenimus vobis Oberto Iudici et Alasine, iugalibus, Iohanni et Marineto atque Francischine, uxori dicti Marineti, stipulantibus, …[omissis]… quem habent et tenent atque possident Guillemus Enricus, Ardiçonus Iudex et Guillelmus Iudex, vel si precio ipsius terre, usque ad dictum terminum nobis solveritis libras quadraginta quinque ianuinorum, …[omissis]… predictis omnibus et singulis observandis universa bona nostra habita et habenda vobis pigneri obligamus, faciens ego Aldina hec omnia consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Ingeti Buroni et Guillelmi Enrici, …[omissis]… Actum in eivitate Vintimilii, in domo qua habitat clictus Obertus, presentibus testibus rogatis Iohanne clerico de Rochabruna et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°66
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.89 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

20 agosto 1259, Ventimiglia.
Ardizzono Giudice nomina Oddone Laurencio suo procuratore per la riscossione da Giraudorio Caminerio di Cuneo della somma di 40 soldi di genovini, che deve ancora ricevere in pagamento di asino.

Ɑ Oddonis Laurencii. Dei XX augusti, ante nonam. Ego Ardiçonus Iudex facio, constituo et ordino, absentem, meum certum nuncium et procuratorem Oddonem Laurencium ad petendum et recipiendum, in iudicio et extra, a Giraudorio Caminerio de Cunio soldos quadraginta ianuinorum, …[omissis]… Rainaldino Bulferio et Oberto Prevosto. Anno et indictione ut supra.

Atto n°89
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.112 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

2 novembre 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice vende a Lanfranco Bulbonino de Turca una pezza di terra, coltivata a viti e a fichi, situata ad Sanctum Vincencium, per il prezzo di 16 lire e 16 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Die II novembris, post vesperas. Ego Guillelmus Iudex vendo, cedo et trado tibi Lanfranco Bulbonino de Turca peciam unam terre, agregate ficuum et vitium, posite ad Sanctum Vincencium, cui coheret superius et inferius via, ab uno latere terra domini episcopi et ab [alio] latere terra Ardiçonis Iudicis, ad habendum, tenendum, …[omissis]… obligo. Actum in domo qua habitat Manfredus de Crusferrea, in civitate Vintimilii, presentibus testibus Rainaldino Bulferio filio quondam Raimundi, Guiranno Tenda et Ardiçono Iudice. Anno et indictione ut supra. MCCLX, indictione tercia, die XXI decembris, cassum voluntate parcium, presentibus Oberto Iudice et Willelmo Barbaxora.

Atto n°112
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.137 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

11 novembre 1259, Ventimiglia.
I coniugi Iacopo Anfosso e Bronda vendono ad Ardizzono Giudice e al di lui fratello Guglielmo tutti i diritti che loro competono in occasione dell'eredità della defunta Giovanneta, figlia della fu Alasia Berra, per il prezzo di 15 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

Ɑ Ardiçonis et Willelmi Iudicis.
Die XI novembris, post nonam. Nos Iacobus Anfussus et Bronda iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Ardiçono Iudici et Guillelmo, fratribus, omnia iura et actiones reales vel personales, utiles vel directas seu mixtas vel quasi, …[omissis]… supradictis. Et pro his observandis universa bona nostra habita et habenda vobis pigneri obligamus. Actum in domo predicti Ardiçoni, presentibus testibus Guillelmo Casanova et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°137
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.140 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

26 novembre 1259, Ventimiglia.
I fratelli Guglielmo Giudice e Ardizzono promettono ai coniugi Iacopo Anfosso e Bronda di non convenirli in giudizio per i beni della fu Giovanneta, figlia della fu Alasia Berra, venduti dai detti coniugi ai suddetti fratelli.

Ɑ Iacobi Anfussi et eius uxoris.
Die XXVI novembris, post nonam. Nos Guillelmus Iudex et Ardiçonus, fratres, ex pacto habito inter nos, ex una parte, et vos, Iacobum Anfussum et Brondam iugales, ex altera, promittimus et convenimus vobis quod, si rationes seu iura hereditatis et bonorum que fuetunt quondam Iohannete, filie quondam Alasie Berre, que nobis vendidistis, …[omissis]… obligamus. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Iacobo Laurencio, Matheo scriba, Iacobo Marchexano et Willelmo Calcia. Anno et indictione ut supra.

Atto n°140
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.332 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 dicembre 1260, Ventimiglia.
Ottone Giudice di Ventimiglia cede, per la somma di 25 lire di genovini, a Guglielmo Giudice tutti i diritti che gli competono contro Astraldo di Seborga sulle terre, poste nel territorio di Ventimiglia, oggetto della vertenza per cui, il precedents 27 agosto, i medesimi Ottone e Astraldo si erano rimessi all'arbitrato di Ottone Alamano.

Ɑ Willelmi Iudicis. [Di]e XIIII decembris, ante [tercia]m. Ego Otto Iudex de Vintimilio do, cedo et trado tibi Guillelmo Iudici et in te transfers omnia iura, rationes et actiones reales et personages, que et quas habeo vel habere possem et mihi competunt seu competere possent contra Astraldum de Seburcaro in terris et occasione terrarum quarundam positarum in territorio Vintimilii, pro quarum discordia …[omissis]… exceptioni. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Oberto Iudice, Simone Podisio, Iacobo clerico de Unelia et Ardiçono Iudice. Anno et indictione ut supta. S. dr. VI.

Atto n°332
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.362 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

4 aprile 1261, Ventimiglia.
I coniugi Guglielmo Giudice e Giovanna vendono a Ingeto Burono una casa, situata nella città di Ventimiglia, ubi dicitur in Castro, per il prezzo di 13 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

[Ingeti Buroni].
Die IIII aprilis, ante terciam. Nos Guillelmus Iudex et Iohanna iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Ingeto Burono domum unam quam visi sumus habere in civitate Vintimilii, ubi dicitur in Castro, cui coheret a tribus partibus via et ab alio latere domus Ardiçoni Iudicis, cum onim suo iure, ratione, actione reali et personali, utili et directo, introitibus et exitibus suis omnibusque …[omissis]… faciens hec omnia et singula supradicta consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Guillelmi Calcie et Ardiçoni Iudicis, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello. Actum in civitate Vintimilii, in dicta domo, presentibus testibus rogatis Rainaldino Bulferio, filio quondam Raimundi, et dictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis et indictione ut supra. D MCCLXIII, die XXX decembris, presentibus Guillelmo Bellaver et Ardiçono Iudice, cassata voluntate et iussu dicti Ingonis, quia restituit eam, ut tenebatur.

Atto n°362
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.364 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

4 aprile 1261, Ventimiglia.
I coniugi Ardizzono Giudice e Raimonda vendono a Ingone Barono una pezza di terra, coltivata a viti e a fichi, situata nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Pineta, per il prezzo di 26 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

[Ingonis Bur]oni.
Die eodem et hora. Nos Ardiçonus Iudex et Raimunda iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Ingoni Burono peciam unam terre, arborate vitium et ficuum, quam visi sumus habere in territorio Vintimilii, ubi dicitur Pineta, cui coheret superius et ab uno latere terra heredum Ugonis Sagonensis, inferius via et ab alio latere fossatus Vallis Bone, cum omni suo iure, ratione, actione reali et personali, utili et director introitibus et exitibus suis omnibusque demum suis pertinenciis, nichil ex his in nobis retento, …[omissis]… et consilio Guillelmi Calcie et Guillelmi Iudicis, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello. Actum in domo dictorum iugalium, presentibus testibus rogatis Rainaldino Bulferio, filio quondam Raimundi, et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra. Millesimo CCLXIII, indictione quinta, die XVII ianuarii, cassata fuit voluntate parcium, presentibus testibus Simone Podisio, Ianuino Candalupi et Petrobono de Sancta Agnete, quia dictus Ingo reddidit, ut tenebatur.

Atto n°364
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.365 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

4 aprile 1261, Ventimiglia.
Ingone Burono promette di restituire ai coniugi Ardizzono Giudice e Raimonda la terra da essi vendutagli e il relativo atto, di cui al documento precedente, in qualsiasi momento essi, entro il prossimo l° aprile, gli verseranno la somma di 26 lire di genovini, prezzo della terra medesima.

Ɑ Ardiçoni Iudicis.
Die eodem, hora, loco et testibus. Ego Ingo Buronus promitto et convenio vobis Ardiçono Iudici et Raimunde iugalibus stipulantibus reddere et restituere peciam unam terre arborate vitium et ficuum, que posita est in territorio Vintimilii, ad Pinetam, cum possessione ipsius, …[omissis]… pacto. Pro pena et predictis omnibus attendendis universa bona nostra habita et habenda vobis pigneri obligo. Actum anno et indictione ut supra. S. d. VI.

Atto n°365
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262