? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Atti dell'Amandolesio

Ottone Iudex viene nominato nei seguenti atti.

Atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto n.115 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

Nell'atto seguente risulta come Ottone abbia partecipato alla battaglia per la presa di Damiata durante la crociata guidata da Luigi, Re di Francia, in qualità di Capitano del Re. Dagli atti successivi sembra che Ottone sia stato catturato e tenuto prigioniero per vari mesi finché Raimondo, da lui nominato procuratore dei suoi beni — dimostrando prudenza e lungimiranza — riuscì a riscattarlo e a farlo tornare a Genova dove lo troviamo già nel settembre dello stesso anno (atto α229).

Francesco Andrea Bono, "La Nobiltà Ventimigliese"
Forni Editore Bologna, pag.24


15 gennaio 1258, Ventimiglia.
Raimondo Giudice, a nome di Ottone del fu Oberto Giudice, del quale è procuratore, dà licenza a Rainaldo Bulferio maiori, dietro pagamento della somma di 40 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza, di costruire dove vorrà, tra la città di Ventimiglia, la terra di San Michele e la rocca in Pascherio, un edificio della grandezza da lui voluta per farvi mulini e paratoria.

Ɑ Rainaldi Bulferii maioris.
Ego Raimundus I[udex, nuncius et procurator Ottonis Iudicis, filii quondam] Oberti Iudicis, ut …[omissis]… tenor talis est: [ŤEgo Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, con]stituo te Raimundum Iudicem, consanguineum meum, presentem et recipientem, meum certum nuncium et procuratorem et loco mei generalem, specialem et singularem super omnibus tam mobilibus quam immobilibus, tam divisis quam Ąndivisis rebus, que michi perveniunt vel pervenire possent de hereditate quondam patris mei, Oberti Iudicis, et quod tu de predictis rebus possis agere et a quolibet postulare, vendere, dividere, alienare et omnia demum tacere que egomet tacere possem, promittens me ratum et firmum habere et tenere quicquid de dictis rebus et circa predicta feceris vel per me actum fuerit et ordinatum, sub ypotheca et obligatione omnium bonorum meorum. Actum in flumine Damiate, super tenda dicti Ottonis, in exercitu dominĄ regis Francie. Testes Petrus, filius Anselmi Melagini de Vintimilio, Otto Mainardus de Diano. Anno dominice Nativitatis millesimo CCXLVIIII, indictione VI, XXII septembrisť, pro soldis quadraginta ianuinorum, quos a te dicto Rainaldo, nomine dieti Ottonis, confiteor habuisse et recepisse, renuntians exceptioni non numerate pecunie, nomine ipsius Ottonis, do licenciam et auctoritatem …[omissis]… Pro predictis namque et singulis attendendis et observandis universa bona dieti Ottonis, habita et habenda, tibi pigneri obligo.
Actum in civitate [Vintimilii, in do]mo Raimundi Bonisegnorii notarii, presentibus testibus Petro de Podio Rainaldo iudice, Ful[cone Curlo], Guillelmo Dulbeco, Rainaldino Bulferio et dicto Raimundo Bonosegnorio notario. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XV ianuarii, inter nonam et vesperas.

Atto n°115
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.229 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

10 settembre 1258, Ventimiglia.
Ottone Giudice del fu Oberto Giudice ratifica la vendita di tutti i suoi beni, mobili ed immobili, e di tutti i diritti, che gli competevano sui beni paterni e materni in Ventimiglia, a Genova e nei rispettivi distretti, che Raimondo Giudice del fu Pietro Giudice ha effettuato, a suo nome, ad Oberto Giudice per la somma di 200 lire di genovini, di cui rilascia quietanza a Raimondo medesimo.

Ɑ Oberti Iudici[s].
Ego Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ratifico et approbo venditionem quam tu Raimundus Iudex, filius quondam Petri Iudicis, nomine meo, fecisti Oberto Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis, de omnibus bonis meis mobilibus et immobilibus et de omnibus iuribus, rationibus et actionibus, utilibus et directis, realibus et personalibus, mixtis et rei persecutoriis, …[omissis]… per instrumentum inde factum manu Oberti, confitendo de dictis libris ducentis integram rationem et solutionem habuisse et recepisse a te dicto Raimundo, renuntians exceptioni non numerate pecunie scu recepte rationis, doli mali et condizioni sine causa, promittens tibi dicto Raimundo de dieta venditione et mandatione et de dietis libris ducentis seu occasione ipsarum …[omissis]…
Actum in civitate Vintimilii, in domo disti Raimundi, presentibus testibus convocatis Iacobo de Volta, presbitero Ugone Melagino, Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi, Guillelmo Iudice et Nivelono de Diano iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die decima septembris, post nonam.

Atto n°229
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.230 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

10 settembre 1258, Ventimiglia.
Convenzione fra Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, da una parte, ed Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, dall'altra, per cui Oberto promette che tutti i diritti sui beni paterni e materni che competono ad Ottone in Ventimiglia, a Genova e nei rispettivi distretti siano salvi per il medesimo Ottone ed i suoi eredi.

Ɑ Ottonis Iudici[s].
Die eodem, hora, loco et testibus. In presente testium subscriptorum talis conventio et pactum celebratum fuit inter Ottonem Iudicem, filium quondam Oberti Iudicis, ex una parte, et Obertum Iudicem, filium quondam Raimundi Iudicis, ex altera, videlicet quod dictus Obertus vult et promittit per stipulationem …[omissis]… sint salva et illesa dieto Ottoni et suis heredibus, sine contradietione dicti Oberti et suorum heredum, nec ea iura seu actiones, quas dictus Otto habet in dietis bonis, diminuet neque ledet dietus Obertus aliqua occasione, sub obligatione et ipotheca omnium bonorum suorum, habitorum et habendorum.

Atto n°230
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.234 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<18 settembre - 21 ottobre 1258>, Ventimiglia.
Ottone Giudice del fu Oberto Giudice di Ventimiglia nomina suo procuratore Ardizzone Giudice di Ventimiglia in causa vertente con Raimondo Curlo e per i suoi negozi nella curia di Ventimiglia.

[Ɑ] Ardiçonis Iudicis.
Ego Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis de Vintimilio, facio, constit[uo et ordino te Ardiçonem Iudicem, abse]ntem, meum certum nuncium, procuratorem et loco mei in causa vel causis …[omissis]…
[Actum] in civitate Vintimilii, in domo …[omissis]… Anno dominice Nativitatis mil[lesimo] …[omissis]…

Atto n°234
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.40 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 10 settembre 1258>.
Raimondo Giudice del fu Pietro Giudice, a nome di Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, vende ad Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice tutti i beni mobili ed immobili ed i diritti sui beni paterni e materni, che competono ad Ottone in Ventimiglia, Genova e nei rispettivi distretti, per il prezzo di 200 lire di genovini.
Notaio Oberto.

Atto n°xl
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum I:
Notizia nel documento n. 229.

Atto n.53 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 settembre 1249, Damiata.
Ottone del fu Oberto Giudice nomina Raimondo Giudice suo procuratore per i beni mobili ed immobili che gli perverranno in eredità dal padre.

Atto n°liii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum I:
Inserto nel documento n. 115.

Atto n.25 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 febbraio 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice cede a Raimondo Giudice una pezza di terra, in parte incolta e in parte tenuta a viti, fichi e altre colture arboree, sita ubi dicitur Rivoira, in cambio di una pezza di terra incolta, sita in Felegueto.

[Ɑ Gui]llelmi Calcie et [Guillel]mi, Iudicis. Die xxii februarii, ante terciam. Cambium et permutationem fecerunt ad invicem inter se Guillielmus Iudex, ex una parte, et Raimundus Iudex, ex altera, videlicet quod dictus Guillelmus dedit et cessit dicto Raimundo peciam unam terre, partim vacue et partim arborate ficuum, vitium et aliarum arborum, …[omissis]… Actum in portario ecclesie Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus convocatis Guillelmo Calda, presbitero Ugope Melagino et Obertino filio Ottonis ludicis. Anno et indictione ut supra.
Ɑ Factum est pro cticto Guillelmo.

Atto n°25
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.31 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, vendono a Guglielmo Enrico, per una metà, e ad Ardizzono Giudice e Guglielmo Giudice, per l'altra metà, un mulino, pro indiviso, con due ruote, situato in Pascherio, cum omnibus suis aquaticiis sive aqueductibus, per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza. Dichiarano di procedere alla vendita per pagare i debiti di Ottone Giudice.

[Ɑ Guillelmi Henrici], Ardi[çoni et Guillelmi Iu]dicum.
Die eodem, post nonam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Guillelmo Henrico, ementi pro medietate, et Ardiçono Iudici et Guillelmo Iudici, pro alia medietate, …[omissis]… vestrum Ardiçoni et Guillelmi Iudicis et ab alio molendinum Guillelmi Dulbeci, sive alic sint coherencie, ad habendum, …[omissis]… ultra. Possessionem quoque et dominium dicti molendini cum suis pertinenciis vobis tradidisse confitemur, constituentes nos ...[omissis]

Atto n°31
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.68 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 giugno 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, da una parte, e Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Raimondo Giudice e Guglielmo Giudice le questioni fra loro vertenti in occasione della successione del fu Oberto Giudice, padre di Ottone e nonno di Oberto, Giovanni e Marineto, in occasione della successione del fu Obertino Giudice, fratello di Ottone e zio dei predetti Oberto, Giovanni e Marineto e in occasione della dote della defunta madre di Ottone, nonna di Oberto, Giovanni e Marineto.

Ɑ Oberti Iudicis et fratrum, ex una parte, et Ottonis Iudicis, ex altera.
Die XIIII iunii, ante terciam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, frates et filii quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ex altera, compromittimus in vobis, Raimundum Iudicem et Guillelmum Iudicem, presentes, de omni lite et controversia que inter nos vertitur vel verti posset occasione successionis Oberti Iudicis quondam, patris mei dicti Ottonis et avi nostrorum dicti Oberti et fratrum et occasione successionis Obertini quondam Iudicis, fratris mei dicti Ottonis et nostrorum predictorum Oberti et fratrum, et occasione dotium quondam mei Ottonis et avie nostrorum predictorum Oberti et fratrum …[omissis]… iurantes insuper [n]os dicti Iohannes et Marinetus, tactis corporaliter Sacris Scripturis, ut supra dictum est attendere, complete observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire facientes hec omnia consilio Mau[ri] de Mauris et Conradi Mauri …[omissis]… Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis Guillielmo fornario, Guillelmo Rafa, Iohanne Fornario, Oberto Sagonensi, Raimundo Audeberto et Guillelmo Curio maiore. Anno et indictione ut supra.

Atto n°68
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.73 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

27 giugno 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice di Ventimiglia, nominano Guglielmo Enrico loro procuratore perché li difenda nella causa che Margherita, moglie di Ottone Giudice di Ventimiglia, intende muovere contro di loro in Genova.

Die XXVII iunii, ante nonarn. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, facimus, constituimus et ordinamus Guillelmum Enricum, absentem, nostrum certum nuncium et procuratorem ad agendum, defendendum nobis et nostro nomine in causam vel causas quam vel quas contra nos movet seu movere intendit Margarita, uxor Ottonis Iudicis de Vintimilio, in Ianua, si de iure ibidem ei debemus respondere …[omissis]… condempnatus. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus domino Guillelmo Rubeo, iudice comunis eiusdem, Guillelmo Rafa et Guillelmo Maroso. Anno et indictione ut supra.

Atto n°73
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.156 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 dicembre 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice diffida Ottone Giudice dal procedere, a nome della moglie Margherita, alla stima delle terre del fu Oberto Giudice. Ottone risponde che dette terre erano di proprietà di detto Oberto Giudice, che gli eredi del medesimo ne furono in possesso e che egli ricevette l'ordine di procedere alla stima da parte del capitano del popolo in Genova.

Die XXVIIII decembris, circa vesperas. In presentia testium subscriptorum, Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, dixit et prot[estatus] fuit Ottoni Iudici quod ipse, nomine uxoris sue Margarite, non debeat se extimare in [...] terrarum venditanim, que fuerunt quondam Oberti Iudicis, sicut pronunciatum est per arbi[t]ros Guillelmum [...] Ottonem Bonebellam et dominum Iacobum de Burgaro cum eis. Qui Otto [I]udex …[omissis]… respondit quod dicte terre, in qui[bu]s erat extimatus nomine dicte Margarite, sunt et fuerunt quondam dicti Oberti Iudicis et ipsas heredes ipsius tenuerunt et possiderunt, et quod in ipsis se dicto nomine extimaret habuit in mandatis a domino capitaneo populi in Ianua. Actum ante vineam Pinete que fuit Raimundi quondam Iudicis, presentibus testibus Guillelmo Francisco, Fulcone Gançerra et Pascale Clerico. Anno et indictione ut supra.

Atto n°156
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.188 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 febbraio 1260, Ventimiglia.
Poiché Ottone Giudice di Ventimiglia intende agire contro Fulcone Raimondo di Seborga per una pezza di terra, sita nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Crispus, Fulcone, non volendo litigare con Ottone, gli rimette la terra predetta, rinunciando a tutti i diritti che ha su di essa.

[Ɑ Ottonis Iudicis]
Die XIIII februarii, ante nonam. Cum Otto Iudex de Vintimilio agere contra Fulconem Raimundum de Seburcaro de quadam pecia terre, posita in territorio Vintimilii, ubi dicitur Crispus, cui coheret superius terra dicti Ottonis, quam tenet Iacobus Serra, …[omissis]… obligavit. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Guillelmo Bonavia notario [de Por]tu, Ottone Sicardo, presbitero Ottone et Oddone Agacia. Anno et indictione ut supra. Millesimo CCLX, indictione secunda, cassum est voluntate parcium per aliud [instrumentum].

Atto n°188
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.189 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 febbraio 1260, Ventimiglia.
Poiché Ottone Giudice di Ventimiglia intende agire contro Raimondo Milia per una pezza di terra, sita nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Crispus, Raimondo, non volendo litigare con Ottone, gli rimette la terra predetta, rinunciando a tutti i diritti che ha su di essa.

Die codem, hora, loco et testibus. Cum Otto Iudex de Vintimilio vellet agere contra Raimundum Miliam de quadam pecia terre, posita in terr[itorio] Vintimilii, ubi dicitur Crispus, cui coheret superius terra dicti Ottonis, quam tenebat Fulco Raimundus, inferius [terra] Albini de Seburcaro, …[omissis]… obligavit. Actum u[t su]pra.

Atto n°189
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.272 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

23 luglio 1260, Ventimiglia.
I coniugi Ottone Giudice del fu Oberto Giudice e Margherita, confermando a Fulcone Raimondo di Seborga la vendita di una pezza di terra, sita nel territorio di Ventimiglia, in podio Oculi, ubi dicitur Crispus, fattagli da Oberto Giudice del fu Raimondo Giudice, rimettono al medesimo Fulcone ogni diritto a loro competente sulla terra suddetta per la somma di 10 lire di genovini, annullando lo strumento di cessione della terra, fatta da Fulcone a Ottone il precedente 24 febbraio.

Die XXIII iulii, post terciam. Nos Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, et Margarita iugales, confirmantes et approbantes v[endi]tionem quam tibi Fulconi Raimundo de Seburc[a]ro fecit Obertus Iudex, filius quondam Raimundi Iudicis, scriptam [ma]nu quondam Dogue notarii, cuiusdam pecie terre, çerbe et culte, posite, in territorio Vintmilii, in podio Oculi, ubi [dicitur] Crispus, cui coheret …[omissis]… ego dicta Margarita consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Oberti Iudicis et Guillelmi Enrici, vicinorum et propinquorum meorum, abrenuntians iuri ypothecarum, senatus consulto velleiano et omni iuri. Actum in civitate Vintimilii, in domo quondam Ugonis Marnelli, presentibus testibus rogatis Guilielmo Calcia, Albino de Seburc[a]ro et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supta.

Atto n°272
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.332 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 dicembre 1260, Ventimiglia.
Ottone Giudice di Ventimiglia cede, per la somma di 25 lire di genovini, a Guglielmo Giudice tutti i diritti che gli competono contro Astraldo di Seborga sulle terre, poste nel territorio di Ventimiglia, oggetto della vertenza per cui, il precedents 27 agosto, i medesimi Ottone e Astraldo si erano rimessi all'arbitrato di Ottone Alamano.

Ɑ Willelmi Iudicis. [Di]e XIIII decembris, ante [tercia]m. Ego Otto Iudex de Vintimilio do, cedo et trado tibi Guillelmo Iudici et in te transfers omnia iura, rationes et actiones reales et personages, que et quas habeo vel habere possem et mihi competunt seu competere possent contra Astraldum de Seburcaro in terris et occasione terrarum quarundam positarum in territorio Vintimilii, pro quarum discordia …[omissis]… exceptioni. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Oberto Iudice, Simone Podisio, Iacobo clerico de Unelia et Ardiçono Iudice. Anno et indictione ut supta. S. dr. VI.

Atto n°332
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto n.397 della serie γ

Notaio Giovanni de Amandolesio

16 luglio 1261, Ventimiglia.
Ottone Giudice del fu Oberto Giudice di Ventimiglia nomina Oberto Giudice suo procuratore per la riscossione della somma di 40 soldi di genovini, dovuta ad entrambi dal comune di Genova nomine feudi.

Ɑ Oberti Iudicis.
Die XVI iulii, in vesperis. Ego Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis de Vintimilio, facio, constituo et ordino te Obertum Iudicem, presentem, meum certum nuncium et procuratorem ad petendum et recipiendum soldos quadraginta ianuinorum …[omissis]… meorum. Actum in civitate Vintimilii, ante palacium episcopate, presentibus testibus Iohanne Columberio et magistro Iohanne calegario. Anno et indictione ut supra.

Atto n°397
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262