? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Cosa si sa

Presente negli atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<8-15> luglio 1257, Ventimiglia.
Oberto Giudice, podestà di Pigna, nomina Guglielmo Buxo di Pigna tutore della propria nipote, figlia della defunta Floria.

[Ɑ Willel]mi Buxi [de] Pigna.
Obertus Iudex, potestas Pigne, dedit et constituit Willelmum Buxum de Pigna tu[torem] …[omissis]… filie quondain Floiie et nepti sue, ad agendum, petendum et recipiendum et defenden[dum] …[omissis]… diete minoris contra quamlibet personam et in quolibet iudicio et qualibet …[omissis]… Qui genere et inutilia pretermitere, sub y[potheca et obligatione omnium bonorum suorum, habitorum et habendorum.
Actum in ca]
pitulo Vintimilii, presentibus testibus …[omissis]… inter terciam et nonam.

Atto n°25
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

21 agosto 1257, Ventimiglia.
Marino Alvernia presenta a Desiderato Visconte una lettera di Guglielmo Boccanegra, capitano del popolo di Genova, del 18 agosto 1257.

Ɑ Marini Alvernie.
In presencia testium subscriptorum, Marinus Alvernia optulit Desiderato Vicecomiti litteras domini capitani, sigillatas sigillo cere, in quo scurptus erat agnus ferens vexillum cum cruce super asta vexilli; circumscriptio disti sigilli talis erat: «Plebs Iani magnos reprimens est agnus in agnos». …[omissis]…
Actum in portario ecclesie Sancte Marie de Vintimilio, presentibus domino Lafranchino Pignolo, potestate Vintimilii, Oberto Iudice, Iliono Curlo et Fulcone de Castello. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XIIII, die XXI augusti, inter terciam et nonam.

Atto n°39
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

25 agosto 1257, Ventimiglia.
Lanfranchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, ed alcuni consiglieri, esplicitamente elencati, a nome del Comune, nominano Guglielmo Enrico ed Ottone Bonebella loro procuratori per la cura degli interessi del Comune stesso.

Ɑ Carta comunis Vintimili, sindacatus.
Nos Lafranchinus Pignolus, potestas civitatis Vintimilii, auctoritate et voluntate et beneplacito consiliariorum infrascriptorum, vel maioris partis, ad consilium comunis Vintimilii in capitulo ciusdem comunis per campanam et vocem preconis more solito congregatorum, nomine nostro, dictorum consiliariorum et comunis Vintimilii ac universitatis ipsius, et nos dicti et infrascripti consiliarii, nomine et vice nostro et dicti comunis atque universitatis ipsius, facimus, constituimus, ordinamus et creamus vos Guillelmum Henricum et Ottonem Bonebellam, ambos simul presentes et recipientes, nomine disti comunis et universitatis, generales sindicos, …[omissis]… Nomina predictorum consiliariorum, qui interfuerunt predicto consilio, sunt hec: Obertus Iudex, Guillelmus Calcia, Ardiçonus Iudex, Rainaldus Bulfelius, Imbertus Capa, Guillelmus Bonebella, Obertus Gengana, Obertus Sagonensis, Ilionus Conradus, Maurus de Mauris, Otto Robertus, Fulco Curlus, Guillelminus Curlus, Manuel Stallanellus, Obertus Magullus, Otto Bulferius, Fulco de Castel, Raimundus Gengana, Guillelmus Dulbecus, Iacobinus Valloria, Iacobus Prior, Obertinus Peregrin[us, Rai]mundus Gangerra, Guillelmus Franciscus, Raimundus Audebertus, Raimundus Rebufatus, Raimundus Iud[ex], …[omissis]… Sardena, Guillelmus Tortella, Nicola de Tabia, Ugo Bonanatus, Guillelmus Rustigus, Cunradus …[omissis]… [N]icola Dulbecus, Guillelmus …[omissis]… fius et predicti sindici.
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus t[estibus A]braino et Raviolo, [executoribu]s, et Bartoloto de Sancto Donato, notario. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione [XI]III, [die] XXV, augusti, ante terciam.

Atto n°43
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

27 agosto 1257, Ventimiglia.
Alcune persone di Roccabruna nominano Oberto Giudice di Ventimiglia loro procuratore per la difesa dei loro diritti ed interessi in Genova ed altrove.

Ɑ Carta procurationis hominum de Rochabruna.
Nos Iacobus Isoardus, Ugonus Isoardus et Petrinus Isoardus, fratres, et Beatrix, uxor Fulconis de Grassa, et Biatrix, uxor dicti lacobi Isoardi, omnes de Rochabruna, constituimus, facimus et creamus te Obertum Iudicem de Vintimilio, presentem et mandatum recipientem, nostrum certum nuicium et procuratorem ad defendendum in lanua vel alibi, si oportuerit, coram consule foritanorum vel alio quocumque magistratu, iura nostra et rationes, et ca exigenda a qualibet persona contra quamlibet personam, que et quas habemus, vel alter nostrum habet in bonis vel rebus extimatis vel in solutum datis Fulconi Sarre de Monaco, vel eius filio Taliaferro, contra Guillelmum Isoardum de Rochabrruna et contra Fulconem de Grassa, habitatorem dicti loci, et contra Iohannem presbiterum de eodem loco, …[omissis]… Et facimus predicta omnia consensu et voluntate dictorum virorum nostrorum, presencium, et consilio Giraudi Travache et Guillelmi Calcie de Vintimilio, quos in hoc casu nostros consiliatores eligimus et appellamus.
Actum in civitate Vintimilii, in quodam vacuo iuxta turrim quondam Raimundi …[omissis]… presentibus testibus Lamberto fomario, Iohanne Iudice et dictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CC [quin]quagesimo [septim]o, indictione quarta decima, die XXVII augusti, inter terciam et nonam.

Atto n°46
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

12 settembre 1257, Ventimiglia.
Ottone Bonebella e Guglielmo Bonebella, cittadini di Ventimiglia, su mandato del capitano del popolo di Genova e di Lanfranco Pignolo, podestà di Ventimiglia, ingiungono a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, di detenere Iacopo clerico, figlio di Gandolfo de Gandulfis, secondo le prescrizioni di legge e di osservare quanto stabilito dagli statuti di Ventimiglia a proposito degli omicidi.

ⱭOttonis et Guillelmi Bonebellorum, cuiusdam denuntiationis.
In presencia infrascriptorum testium, Otto Bonebella et Guillelmus Bonebella, cives Vintimilii, denunciaverunt domino Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, in publico consilio, per campanam et vocem preconis more solito coadunato, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Bartholoto, scriba comunis eiusdem, Guillelmo Francisco, Oberto Iudice et aliis qui interfuerunt predicto consilio. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XIIII, die XII septembris, ante terciam.

Atto n°50
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

24 settembre 1257, Ventimiglia.
Petizione nella causa relativa a Iacopo clerico, affinché sia revocata la scomunica contro Bartolomeo giudice e coloro che con lui hanno provveduto alla detenzione del suddetto Iacopo, essendo Bartolomeo disposto a restituire tutte le cauzioni prestate da Iacopo.

…[omissis]… cum omnibus qui interfuerunt predicte captioni, dignetur extrahere de excomunicatione sive interdicto occasione predieta, et ipse dictus Bartholomeus iudex paratus est relaxare et absorvere omnes cauptiones i et securitates quas dictus Iacobus predicto Bartholomeo occasione predicta seu alio occasione dedit.
Actum in palacio predicti episcopi, presentibus testibus Isnardo Travacha, Rainaldino Bulferio et Oberto Iudice. Anno dominice Nativitatis MCC quinquagesimo septimo, indictione XV, die XXIIII septembris, ante terciam.

Atto n°55
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

9 ottobre 1257, Ventimiglia.
Marino Alvernia, vicegerente di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, su mandato del capitano del popolo e del podestà di Genova, manda a Iacopo Contardo, castellano del castello della Rocca, che Guglielmo di Voltri, suo servente, ferito, sia tenuto lontano dalle taverne e sia esonerato dalle fatiche del servizio. Ordina a Guglielmo di riguardarsi come si conviene ad un ferito al capo.

Ɑ Comunis.
In presencia testium subscriptorum, dominus Marinus Alvernia, gerens vicem domini Bartholomei Ferrarii, iudicis comunis Vintimilii, denunciat domino Iacobo Contardo, castellano castri Roche, et Guillelmo de Vulture, vulnerato, …[omissis]…
Actum in capitolo Vintimilii, presentibus testibus Oberto Iudice, Rainaldo Bulferio et Iohanne Fomario notario. Anno ut supra, die VIIII octubris, ante terciam.

Atto n°68
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

29 ottobre 1257, Ventimiglia.
Azzone, vescovo di Ventimiglia, secondo il mandato di frate Rufino, penitenziario e cappellano del papa, assolve Bartolomeo Ferrario, cittadino genovese e giudice del comune di Ventimiglia, dalla scomunica in cui è incorso per la cattura e la detenzione di Iacopo, clerico e canonico di Ventimiglia, che era accusato di avere ferito gravemente Raimonda Bonebella, sorella di Guglielmo Bonebella.

Ɑ Bartholomei Ferrarii.
Nos Ago, Dei gratia episcopus Vintimilii, auctoritate nobis concessa a fratre Rufino, domini pape penitenciario et capellano, absolvimus et absolutum pronunciamus te Bartholomeum Ferrarium, civem Ianue et comunis Vintimilii iudicem, ab excomunicatione, si quam incurristi, occasione captionis et detentionis quam fecisti vel fieri fecisti …[omissis]…
Actum in palacio domini episcopi, presentibus testibus Oberto Iudice, Willelmo Enrico et Raimundo Iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XV, die XXVIIII octubris, inter nonam et vesperas.

Atto n°82
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

15 gennaio 1258, Ventimiglia.
Desiderato Visconte, gabelliere di Ventimiglia, su mandato del capitano del popolo e del podestà di Genova, ingiunge a Guglielmo Enrico e ad Ottone Bonebella, sindaci del comune di Ventimiglia, di non trattenere o fare trattenere il sale che egli ha nella gabella di Ventimiglia e, in particolare, il sale già da lui venduto, sotto pena ad arbitrio dello stesso capitano.

Ɑ Desiderati Vicecomitis.
In presente testium subscriptorum, Desideratus Vicecomes, cabellotus Vintimilii, denuntiavit Guillelmo Henrico et Ottoni Bonebelle, sindicis comunis Vintimilii, ex parte domini capitani et potestatis Ianue, quod ispi non debeant detinere …[omissis]…
Actum in capitolo Vintimilii, presentibus Oberto Iudice, Guillelmo …[omissis]… Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XV ianuarii, …[omissis]…

Atto n°111
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<15-23 gennaio 1258, Ventimiglia.>
Oberto Giudice, Raimondo Giudice, Ardizzono Giudice, Guglielmo Giudice e Guglielmo Enrico nominano loro procuratori Iacopo de Volta e Ianella Avvocato.

Ɑ Oberti Iudicis de Vintimilio.
[Nos Ober]tus Iudex, Raimundus [Iu]d[ex], Ardiçonus Iudex, Guillelmus Iudex et Guillelmus Henricus, quilibet …[omissis]… vel plures se in solidum obligaverint quod quisque …[omissis]… te Iacobum de Volta, presentem, et Ianellam Advocatum …[omissis]…
Actum in …[omissis]… et [O]berto Lupo de Sancto …[omissis]…

Atto n°116
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

30 gennaio 1258, Ventimiglia.
Giraudo Travaca, Oberto Giudice e Aldisia, sorella di Giraudo, dichiarano di avere ricevuto da Guglielmo Giudice del fu Giraudo Giudice di Ventimiglia la somma di 10 lire di genovini, che s'impegnano a restituire a data stabilita. Giraudo e Audisia inoltre, dichiarando che Oberto Giudice si è obbligato nei confronti di Guglielmo Giudice per loro volontà, lo liberano da ogni eventuale conseguenza.

Ɑ Guillelmi Iudicis de Vintimilio.
[Nos Giraudus Travacha et Obertus Iudex et] Aldisia, soror dicti Giraudi, quilibet nostrum [in solidum renuntians iuri solidi et iuri de] principali primo fore conveniendum, confite[mur habuisse et recepisse a te Guillelmo Iudice, fi]lio quondam Giraudi Iudicis, de Vintimilio [libras decem ianuinorum] …[omissis]… Insuper nos predicti Giraudus et Audisia confitemur tibi Oberto Iudici predieto tu, ad preces nostras et nostro mandato et voluntate, istam obligationem et promissionem versus dictum Guillelmum fecisse et te et bona tua illesum et indempnem servare promitimus, faciens ego Aldisia omnia et singula predicta consilio Guillelmi Henrici et Raimundi Bonisegnorii notarii, quos meos propinquos et consiliatores in hoe casu eligo et appello, renuntians iuri ypothecarum, senatus consulto velleiano, legi iulie de fundo dotali et omni iuri legis et capituli quo me in hoc casu tueri possem.
Actum in ecclesia Sancti lohannis de Vintimilio, presentibus supradictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XXX ianuarii, inter terciam et nonam.

Atto n°124
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

30 gennaio 1258, Ventimiglia.
Giraudo Travaca, Oberto Giudice e Audisia, sorella di Giraudo, dichiarano di avere ricevuto da Guglielmo Giudice del fu Girardo Giudice di Ventimiglia un quantitativo di beni, per cui promettono di consegnargli in Genova, entro la successiva festa di San Martino, venti quartini di avena o di spelta. Giraudo e Audisia inoltre, dichiarando che Oberto Giudice si è obbligato nei confronti di Guglielmo Giudice su loro richiesta, lo liberano da ogni eventuale conseguenza.

Ɑ Guillelmi Iudicis de Vintimilio.
Die codem, hora, loco et testibus. Nos Giraudus Travacha et Obertus Iudex et Audisia, soror dicti Giraudi, quilibet nostrum in solidum renuntians iuri solidi et iuri de principali primo fore conveniendum, confitemur habuisse et recepisse a te Guillelmo Iudice, filio quondam Girardi Iudicis de Vintimilio, tantum de tuis rebus, renuntiantes exceptioni non habitarum vel non receptarum rerum, unde et pro quibus tibi vel tuo certo misso per nos vel nostrum certum missum quilibet nostrum in solidum, …[omissis]… [Insuper nos pre]dieti Giraudus et Audis[ia confitemur tibi Oberto Iudici predicto te, ad preces nostras et] nostro mandato atque vol[untate, istam obligationem et promissionem versus dictum Guillelmum fecisse] …[omissis]… legi iulie de fundo dotali et omni iuri legis et capituli quo me in hoc casu tueri possem.
Actum et cetera ut supra.

Atto n°125
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

1 febbraio 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Calcia, curatore di Aiana, moglie di Iacopo Valloria, da una parte, e Guiranno Tenda, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Oberto Genzana, Oberto Giudice e Giovanni Iofredo di Tenda le questioni fra loro vertenti fino a quella data.

Ɑ Comproniissum Willelmi Calcie, curatoris Aiane, et Guiranni Tende.
[Ego Willelmus Calcia, curator Aian]e, [uxoris] Iacobi Vallorie, nomine ipsius Aiane, ex una parte, et Guirannus [Tenda] …[omissis]… [compromiti]mus in vos Obertum Gen�anam, Obertum Iudi[cem et Iohannem Iofredum de Tenda] …[omissis]…
Actum in platea, ante portaiium Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Oberto Sagonensi, Richermo Tenda et Gavioso Corso. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die prima februarii, inter terciam et nonam. S. quilibet dr. VI. Factum est pro dicto Willelmo. Item pro dicto Guiranno.

Atto n°128
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

8 febbraio 1258, Ventimiglia.
Lanfranco Burbonino de Turca ordina a Pietro Steca di Roccabruna, suo gastaldo, di fargli avere entro tre giorni in Ventimiglia i proventi di Roccabruna per l'anno in corso. Ordina inoltre al medesimo Pietro ed a Bertramo fabro di presentarsi davanti a lui, in Genova, entro otto giorni dal suo arrivo colà, e di trasmettere il medesimo ordine agli uomini di Roccabruna che gli hanno giurato fedeltà.

In presente testium subscriptorum, dominus La<n>francus Burboninus de Turca denuntiavit et precepit Petro Steche de Rocabruna, castaldiono suo, …[omissis]…
Actum in domo Oberti Sagonensis et consortum, in Vintimilio, presentibus testibus Oberto Iudice, Lanfranco Pignolo et Guillelmo Henrico. Anno domini<ce> Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die VIII februarii, post nonam.

Atto n°133
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Pagina non disponibile

Pagina non disponibile

URL: families/dejudicibus/ventimiglia/amandolesio/b129.php

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

16 febbraio 1258, Ventimiglia.
Oberto Giudice, tutore di Raimondeta del fu Ottone Canossi, a nome della medesima, e Catelina, vedova dello stesso Ottone, vendono a Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo Bulferio una pezza di terra situata ad Pinetam per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza. La vendita viene effettuata per fare fronte ai debiti che Raimondeta deve pagare sull'eredità paterna.

Ɑ Rainaldi Bulferii.
Nos Obertus Iudex, tutor, ut dico, Raimundete, filie quondam Ottonis Canossi, nomine ipsius minoris, et Catelina, uxor quondam dicti Ottonis, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi Bulferii, peciam unam terre site ad Pinetam, cui coheret superius terra heredum quondam Nicolai Miloti, inferius litus maris, ab uno latere terra Rainaldini Bulferii et Nicole de Tabia et ab alio terra heredum quondam Raimundi Iudicis, sive alie sint coherencie, …[omissis]… Et specialiter ego dicta Catelina abrenuntio legi iulie de fondo dotali, iuri ypothecarum et senatus consulto velleiano, quarum beneficio me confiteor non ignorare, faciens predieta consilio Raimundi Iudicis et Guillelmi baraterii, quos meos propinquos et consiliatores in hoc casu eligo et appello. …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Conrado de Podio Rainaldo, Oberto Barbaxora et predictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione quinta decima, die XVI februarii, inter nonam et vesperas.

Atto n°140
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

17 febbraio 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Arzeleto maior e Ardizzono Giudice di Ventimiglia ricevono in mutuo da Lanfranco Burbonino de Turca la somma di 12 lire di genovini, che promettono di restituire entro il termine di un anno.

Nos Guillelmus Argeletus maior et Ardiçonus Iudex de Vintimilio, quisque nostrum in solidum renuntians iuri solidi et iuri de principali primo fore conveniendum, confitemur habuisse et recepisse a te Lanfranco Burbonino de Turca mutuo gratis et amore libras duodecim denariorum ianuinorum, …[omissis]…
Actum in domo heredum [quondain Gui]llelmi Sagonensis, presentibus testibus rogatis Oberto Iudice, Guillelmo Calcia et Guillelmo Paemo. [Anno domini]ce Nativitatis millesimo CCLVIH, indictione XV, die XVII februalii, post campanas.

Atto n°141
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Pagina non disponibile

Pagina non disponibile

URL: families/dejudicibus/ventimiglia/amandolesio/b143.php

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

19 febbraio 1258, Ventimiglia.
Guglielmo di Moneglia, abitante di Ventimiglia, vende a Guglielmo Calcia alcune terre ed una casa, site nel territorio di Ventimiglia, per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ɑ Guillelmi Calcie.
Ego Guillelmus de Monelia, habitator Vintimilii, vendo, cedo et trado tibi Guillelmo Calcie terras infrascriptas, positas in territorio Vintimilii. …[omissis]…
Actum in canonica ecclesie Sancte Marie Vintimilii, in camera presbiteri Ugonis Melagini, presentibus testibus rogatis Oberto Iudice et Iacobo Valloria. Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione quinta decima, die XVIIII februarii, circa terciam.

Atto n°146
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

14 marzo 1258, Ventimiglia.
Paoletto e Faciono, figli ed eredi del fu Facio Garini, per autorità di Aldebrando executoris, curatore generale della curia di Ventimiglia, a loro assegnato come curatore da Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, avendo promesso a Guilia, vedova di Giovanni Burdigua, che agisce per il figlio Anselmino, a titolo di dote della loro sorella Bertraneta, moglie di Anselmino, la somma di 12 lire di genovini, le cedono la metà di una casa pro indiviso, sita nella città di Ventimiglia, in carreria Sancti Michaelis.

Ɑ Guilie, uxoris quondam Iohannis Burdigue, nomine Anselmini, eius filii.
Nos Pauletus et Facionus, filii et heredes quondam Facii Garini, auctoritate Aldebrandi executoris, curatoris generalis curie Vintimilii, nobis dati curatoris per dominum Bartholomeum Ferrarium, iudicem comunis Vintimilii, confitemur tibi Guilie, uxori quondam Iohannis Burdigue, recipienti nomine fiiii tui Anselmini, …[omissis]… compiere et osservare et in aliqulo predictorum non contrafacere vel venire, confitentes nos esse maiores annorum XII et [facientes omnia et s]ingula [su]pradicta consilio Oberti Iudicis et Guillelmi Calcie, quos in hoc casu nostros [consiliatores eligimus et appellamus]. Ad hee nos Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, nostram interponimus auc[toritatem atque decretum.
Actum]
in capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, presentibus testibus rogatis Raimun[do] …[omissis]… [et predictis consilia]toribus. Anno dominice Nativitatis, millesimo CC quinquagesimo octavo, [indictione XV, die XIIII marcii]

Atto n°163
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

14 marzo 1258, Ventimiglia.
Disposizioni per il pagamento di terre, situate nell'area di Ventimiglia, con i denari versati da Marino Alvernia e per il rilascio della relativa quietanza da inserire nel registro del comune di Ventimiglia.

Ɑ Marini Alvernie
Die et loco eodem, post vesperas. Noverint universi presentem cedulam inspecturi …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Bartholomeo Ferrario, iudice comunis diete civitatis Vintimilii, Oberto Iudice et Guillelmo de Vultabio. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione XV, die XIIII marcii, post vesperas.

Atto n°164
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<14-28> marzo 1258, <Ventimiglia>.
Guglielma del fu Guglielmo Giudice de Colla, con il consenso del marito Giovanni Bellavere, vende a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, che acquista a nome del comune di Genova, una pezza di terra sita nel territorio di Ventimiglia, sotto il castello della Rocca, verso il mare, per il prezzo di 10 lire di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ego Guillelma, filia quondam Willelmi Iudicis de Colla, auctoritate, consensu et voluntate Iohannis Bellaveris, mariti mei, presentis, vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine et vice comunis Ianue, peciam unam terre site in territorio Vintimilii, subtus castrum Roche, deversus mare, cui coheret superius …[omissis]… abrenuntians iuri ypothecarum, se[natus consulto velleiano, legi iulie de fondo dotali et] omni iuri, faciens omnia et singula supradicta in presencia [et consensu dicti Iohannis, mariti mei, et con]silio Oberti Iudicis et Guillelmi baraterii, quos in hoe [casu meos propinguos et consiliatores eligo et appello], confitendo me fore maiorem annorum XXV.
Actum et predictis consiliatoribus. Anno dominice [Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione XV, die] …[omissis]… [mar]cii, circa vesperas.

Atto n°165
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<14-28> marzo 1258, <Ventimiglia>.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, a nome del comune di Genova, acquista alcune terre ed un casale per il prezzo complessivo di 34 soldi di genovini, di cui la controparte gli rilascia quietanza.

[Ego] …[omissis]… [vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii], recipienti nomine [comunis Ianue], …[omissis]… cavus Colle, inferius terra que fuit heredum quondam Guillelmi Iudicis, ab uno latere terra que fuit Nicolai Barle et ab alio latere via antiqua; …[omissis]…
Actum et cetera ut supra. Testes Obertus Iudex et predicti.

Atto n°166
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<14-28> marzo 1258, <Ventimiglia>.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, a nome del comune di Genova, acquista una pezza di terra per il prezzo di 10 soldi di genovini, di cui la controparte gli rilascia quietanza.

[Ego] …[omissis]… ad hoc specialiter michi dati, [vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine comunis Ianue, p]eciam unam terre site …[omissis]…
Actum et cetera ut supra, presentibus testibus Mauro de Mauris, Oberto Iudice et Raimundo Bonosegnorio notario.

Atto n°170
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

28 marzo 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Bonebella vende a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, che acquista a nome del comune di Genova, una pezza di terra, sita sotto il castello del Colle, per il prezzo di 10 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ego Guillelmus Bonebella vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine comunis Ianue, peciam unam terre, cui coheret superius castrum Colle, inferius terra que fuit Mauri de Mauris, ab uno latere terra Raimunde Bonebelle et ab alio terra que fuit Willelmi Iudicis, ad habendum, tenendum, possidendum et de cetero quicquid volueris iure proprietario et titulo emptionis, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Oberto Iudice, Marino Alvernia et Aldebrando executore. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XXVIII marcii, ante terciam.

Atto n°172
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<post 13 marzo> 12581 Ventimiglia.
Su mandato di Guglielmo Boccanegra, capitano del popolo di Genova, e su espressa richiesta di Azzone, vescovo di Ventimiglia, Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, assolve Iacopo Gandolfo, canonico di Ventimiglia, dalla pena del bando.

Ɑ Iacobi clerici de Gandulfis.
In presencia testium subscriptorum, Guillelmus Malleus, canonicus Vintimilii, rapresentavit, in presencia domini Agonis, Dei gratia episcopi Vintimilii, domino Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, …[omissis]… Quarum litterarum tenor talis est: «Guillelmus Bucanigra, capitaneus populi Ianue, discreto viro potestati Vintimilii vel eius provido iudici, gaudium et salutem. …[omissis]… Datum die XIII marcii». Unde dictus dominus episcopus dixit et precepit dicto domino Bartholomeo iudici, cum processerit de facto, dictam forestacionem debeat relaxare et dictum clericum restituere, …[omissis]… timens contra mandata predicti domini episcopi et eclesie libertatem …[omissis]…
[Actum] in palacio supradicti domini episcopi, presentibus testibus Oberto Iudice, Guillelmo Henrico, …[omissis]… [Ardi]�ono Iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, in[dictione]post vesperas.

Atto n°174
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

22 marzo 1258, Ventimiglia.
Diversi uomini di Ventimiglia, citati dinanzi al capitano del popolo di Genova a causa di alterchi intercorsi nella trascorsa domenica delle Palme tra Oberto Giudice e Giovanni Bellaver, dichiarano di essere fra sé concordi, rimettendosi a vicenda le eventuali ingiurie.

Ɑ Hominum Vintimilii.
Cum per dominos Ansaldum Embronum, ex Ancianis populi Ianue, et Bartholomeum Ferrarium, iudicem comunis Vintimilii, ex parte domini capitani, nobis infrascriptis preceptum fuerit et iniunctum, iuxta tenorem litterarum dicti domini capitani, quod infra certam diem nos presentare debeamus coram dicto domino capitaneo sub certa pena et plus arbitrio ipsius domini capitani, et nos infrascripti credamus quod dictum preceptum nobis factum fuerit et iniunctum occasione altercationum que fuerunt die dominico, festo Ramis Parmarum, inter me Obertum Iudicem et Iohannem Bellaver, cum verba solummodo fuerint inter eos, idcirco nos infrascripti, …[omissis]… Bulferius, Guillelmus Calcia, Obertus Iudex, Maurus de Mauris, Guillelmus Henricus, Otto Speronus Robertus, Fulco Curlus, …[omissis]… [Anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione] quinta decima, die XXII marcii, post …[omissis]…

Atto n°181
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<27-29 marzo 1258>, Ventimiglia.
Ghinanno Tenda concede in mutuo la somma di 5 lire di genovini, ricevendo in pegno una casa situata in Ventimiglia, in carreria Curritoris.

Ɑ Ghinanni Tende.
[Ego] …[omissis]… [confiteor] me habuisse et recepisse a te Ghinanno Tenda mutuo gratis et amore libras quinque denariorum ianuinorum, …[omissis]…
[Actum in capi]tulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Oberto Iudice, Iacobo …[omissis]…

Atto n°186
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

21 agosto 1258, Ventimiglia.
Nivelono di Diano giudice, terzo arbitro nella questione vertente fra Iacopo Valloria e Ugo Marnello per la dote della fu Francesca, figlia di Alasia Calcia, sentenzia che Ugo paghi a Iacopo la somma di 10 lire di genovini entro il successivo Natale ed altre 10 lire entro il Natale dell'anno seguente, e che Iacopo restituisca ad Ugo entro quattro giorni gli atti e le ragioni di cui è in possesso.

Ɑ Sentencia Iacobi Vallorie et Ugonis Marnell[i].
Super questione seu questionibus que vertuntur seu verti sperabantur inter Iacobum Valloriam, actorem, ex una parte, et Ugonem Mamellum, ex altera, renuntiantes generaliter super omnibus questionibus et specialiter super questione post compromissum porrecta, que quidem questio talis est: …[omissis]…
Actum in civitate Vintiniilii, ante domum qua habitat Manfredus de Cruceferrea, presentibus testibus Raimundo Rebufato, Guillelmo Iudice, Oberto Iudice et Guillelmo Sardena. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XXI augusti, ante terciam. Facta est pro ambob[us].

Atto n°224
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

28 agosto 1258, Ventimiglia.
Lanfranco Bulbonino de Turca, volendo affermare i propri diritti in Dolceacqua contro il conte Giorgio, dichiara che con la sua azione non intende pregiudicare i diritti di Fulcone Curlo nello stesso luogo.

Ɑ Fulconis Curli.
De voluntate est domini Lanfranci Bulbonini de Turca, volentis se extimare in Dulci Aqua contra comitem Georgium, quod illud extimum non preiudicet Fulconi Curlo …[omissis]…
Actum in platea civitatis Vintimilii, presentibus testibus Guillelmo Bonavia notario, Aicardo Cepolla de Arbingana et Oberto Iudice. Anno dominice Nativitatis millesinmo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XXVIII augusti, ante primam.

Atto n°225
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I