? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Atti dell'Amandolesio

Guglielmo Iudex de Colla viene nominato nei seguenti atti.

Atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto n.162 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

14 marzo 1258, Ventimiglia.
Alasina, moglie di Iacopo e figlia del fu Guglielmo Giudice de Colla, vende a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, che acquista a nome del comune di Genova, una pezza di terra, sita sotto il castello della Rocca di Ventimiglia, verso il mare, per il prezzo di 10 lire di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ɑ Comunis Ianue.
Ego Alasina, uxor lacobi et filia quondam Guillelmi Iudicis de Colla, vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine et vice comunis Ianue, peciam unam terre site subtus castrum Roche Vintimilii, versus mare, cui coheret superius via, inferius litus maris, ab uno latere terre Guillelme, uxoris Iohannis Bellaveris, sive alie sint coherencie, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus rogatis Guillelmo Calcia et predictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione XV, die XIIII marcii, ante terciam.

Atto n°162
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.165 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

<14-28> marzo 1258, <Ventimiglia>.
Guglielma del fu Guglielmo Giudice de Colla, con il consenso del marito Giovanni Bellavere, vende a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, che acquista a nome del comune di Genova, una pezza di terra sita nel territorio di Ventimiglia, sotto il castello della Rocca, verso il mare, per il prezzo di 10 lire di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ego Guillelma, filia quondam Willelmi Iudicis de Colla, auctoritate, consensu et voluntate Iohannis Bellaveris, mariti mei, presentis, vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine et vice comunis Ianue, peciam unam terre site in territorio Vintimilii, subtus castrum Roche, deversus mare, cui coheret superius …[omissis]… abrenuntians iuri ypothecarum, se[natus consulto velleiano, legi iulie de fondo dotali et] omni iuri, faciens omnia et singula supradicta in presencia [et consensu dicti Iohannis, mariti mei, et con]silio Oberti Iudicis et Guillelmi baraterii, quos in hoe [casu meos propinguos et consiliatores eligo et appello], confitendo me fore maiorem annorum XXV.
Actum et predictis consiliatoribus. Anno dominice [Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione XV, die] …[omissis]… [mar]cii, circa vesperas.

Atto n°165
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto n.15 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

15 novembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che Pietra, vedova di Giovanni Berreta notaio, abbia per il suo patrimonio e per l'antefatto una casa e diverse terre, site nel territorio di Ventimiglia, stimate da Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

[Laus] Petre, [uxoris] quondam Iohannis [Berrete] notarii.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, auctoritate publica et offitio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Petra, uxor quondam Iohannis Berrete notarii, habeat, teneat et de cetero quiete possideat, ipsa et quelibet persona pro ea, iure proprietario et titulo pro soluto domum et terras infrascriptas pro suo patrimonio et antefacto, secundum morem et consuctudinem civitatis Ianue, …[omissis]… Unde dictus iudex, admissa eius supplicatione et visa dicta laude, lata contra dictum Aldebrandum, curatorem datum dictis heredibus et bonis dicti quondam Iohannis et contra ipsos heredes de quantitate predicta, in qua ipse Aldebrandus noluit contradicere, iurante eciam dicta Petra de manifestandis bonis mariti, secundum formam capituli civitatis Vintimilii, misit in scriptis Guillelmo Iudici de Colla, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoiribus comunis Vintimilii, ut predictam solutionem in bonis predictis ad simplum et ex pensas extimatorum et laudis ad rationem de duobus tria extimare deberent et de ipsis possessionem ipsi Petre traderent. …[omissis]…
Actum anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quinta decima, die XV novembris, ante terciam, presentibus testìbus Philipono Stricto, Bartholoto de Sancto Donato notario et Richelmo Laurencio.

Atto n°XV
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.20 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

29 novembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Saona, moglie di Salamone, siano assegnate, in pagamento della sua dote, diverse terre situate nel territorio di Ventimiglia, stimate da Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Laus Sagone, uxoris Salamonis.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Saona, uxor Salamonis, habeat, teneat et de cetero quiete possideat iure proprietario et titulo pro soluto terras infrascriptas pro soluzione librarum octo ianuinorum suarum dotium et pro expensis extimatorum et laudis, computatis ad rationem de duobus tria, que sunt super totum soldi XII, ut infra, sine contradictione dicti Salamonis, viri sui, heredum suorum omniumque personarum pro ipsis. Quod ideo factum est quoniam, cum dicta Saona accederet coram dicto iudice hostendens ei quoddam publicum instrumentum suarum dotium, factum manu Raimundi Bonisegnorii notarii in MCCLVI, indictione XIIII, die XX augusti, supplicavit eidem ut ipsum deberet executioni mandare. Unde dictus iudex, admissa eius supplicatione et iuramento de manifestandis bonis mariti, secundum formam capituli civitatis Vintimilii, misit in scriptis Guillelmo Iudici de Colla, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus comunis predicti, ut dictam quantitatem diete Saone in dictis bonis extima redeberent. …[omissis]…
Actum anno [dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, in]dictione XV, die XXVIIII novembris, …[omissis]… et Bartoloto de Sancto Donato.

Atto n°XX
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.21 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

<29 novembre - 12 dicembre> 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Rembalda, vedova di Guglielmo Mauri, sia assegnata, in pagamento della sua dote, una terra sita in Prato, tenuta a fichi, viti ed altre colture arboree, stimata da Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Laus Rembalde, uxoris quondam Willelmi Mauri.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et offitio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Rembalda, uxor quondam Guillelmi Mauri, pro soluzione suarum dotium habeat, teneat et de cetero quiete possideat iure proprietatis et titulo pro soluto terram infrascriptam in solutum pro librìs sexaginta ianuinorum et expensarum …[omissis]… curatorem et tutorem dictorum heredum, et Cunradum Maurum, heredem dicti quondam Guillelmi Mauri, pro parte, si volebant contradicere dicte Rembalde quin se dictas dotes in dictis bonis <faceret extimare>, qui responderunt quod nolebant contradicere, misit itaque predictus iudex in scriptis Guillelmo Iudici de Colla, Raimundo Aventurerio et Raimundo Gençane, publicis extimatoribus dicti comunis, ut dictam quantitatem et expensas extimatorum ad rationem de duobus tria in predictis bonis predicte Rembalde extimare deberent. …[omissis]… [Actum anno dominice Nativitatis millesimo CCLVII], indictione quinta decima, d[ie] …[omissis]… Raimundo Barreria …[omissis]…

Atto n°XXI
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.22 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

12 dicembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Risenda, moglie dì Corrado Audeberto, in qualità di erede del fu Oberto Mergorense, sia assegnata una pezza di terra, sita in Ventimiglia, ad Collam, ubi dicitur Prederia, stimata da Guglielmo Giudice de Colla, Raěmondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Rissende, uxoris Conradi Audeberti.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrafius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Risenda, uxor Conradi Audeberti et heres quondam Mergorensis, habeat, teneat et de cetero quiete possideat iure proprietatis peciam terre infrascripte in solutum pro libiis tribus, soldo uno et denariis decem ianuinorum, computatis ad rationem de duobus tria cum expensis, sine contradictione heredum quondain Iacobi Calcie omniumque personarum pro ipsis. …[omissis]… Unde dictus iudex, admissa rogatione dicti Conradi, nomine predicto, misit in scriptis Guillelmo Iudici de Colla, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus comunis Vintimilii, ut dietam quantitatem, cum expensis extimatorum et laudis, in bonis predictis, ad rationem de duobus tira, extimare deberent predicto Conrado, nomine Risende, uxoris sue predicte, cuius legitimus est procuratori et de ipsa extimatione eidem Conrado, nomine predicto, possessionem traderent. …[omissis]…
Actum millesimo CCLVII, indictione quinta decima, die XII decembris, [Bartho]loto de Sancto Donato, Iohanne Fomario et Raimundo Bonose[gnorio, notariis].

Atto n°XXII
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.23 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

12 dicembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Guglielmo Calcia sia assegnata, in pagamento di un suo credito nei confronti di Oberto Clerico, una terra sita in Vallecrosia, tenuta a fichi e a viti, stimata da Guglielmo Giudice e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Guillelmi Calcie.
[In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur], dominus Bartholomeus Ferrarius, ìudex comunis Vintimilii, [sedens pro tribunali, auctoritate publica et offici]o magistratus, laudavit, statuit et [decrevit quod Guillelmus Calcia habeat, teneat et de cetero] quiete possideat iure proprieta[tis et titulo pro soluto terram infrascriptam in solutum pro libri]s duabus et denariis novem ianuinorum, [computatis ad rationem de duobus tria cum expensis, secundum] formam capituli civitatis [Vintimilii, sine contradictione Oberti Clerici, heredum suorum omniumque persona]rum pro eo. …[omissis]… Unde dictus iudex, admissa eius supplicatione et visa dicta podisia, recepto etiam iuramento a dicto Willelmo quod de dictis denariis nullam habuit solutionem, misit in scriptis Guillelmo Iudici et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus dicti comunis, ut dictos soldos XXIII ianuinorum in bonis Oberti Clerici supradicti ad rationem de duobus tria, cum expensis extimatorum et laudis, secundum formam dicti capituli, extimare deberent et de extimatione eidem Willelmo possessio nem traderent. …[omissis]…
Actum anno dominice Nativitatis millesimo CCLVII, indictione XV, die XII decembris, ante terciam, presentibus testibus convocatis Iohanne Fornario, Raimundo Bonosegnorio et Bartoloto, notariis.

Atto n°XXIII
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.25 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

15 gennaio 1258, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Ghinanno Tenda sia assegnata, in pagamento di un suo credito nei confronti di Guglielmo Calcia, figlio di Alasia Calcia, la quarta parte di una casa, sita in Ventimiglia, in carreria Sancti Michaelis, stimata da Raimondo Genzana, Guglielmo Giudice de Colla e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Ghinanni Tende.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedendo pro tribunali, auctoritate publica et offitio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Ghinannus Tenda et quelibet persona pro eo habeat, teneat et de cetero quiete possideat iure proprietario et titulo pro soluto quartam partem domus sub scripte, hoc est medietatem de eo quod in ipsa habebat et visus erat habere Guillelmus Calcia, filius Alasie Calcie, usque in hanc diem, pro in diviso, in solutum pro libris tribus, soldis sex et denariis octo ianuinorum nomine sortis, et pro pena, sive ad rationem de duobus tria, pro libra una, soldis tresdecim et denariis quatuor, et pro expensis extimatorum et laudis et aliis expensis factis circa citationes sive in citationibus dicti Guillelmi, computatis omnibus ad rationem de duobus tria, pro soldis viginti octo et denariis novem ianuinorum, sine contradictione disti Guillelmi et suorum heredum omniumque personarum pro ipsis. …[omissis]… Unde prefactus iudex, admissa eius postulatione, misit in scriptis Raimundo Gençane, Guillelmo Iudici de Colla et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus comunis Vintimilii, ut dictam quantitatem, ad rationem de duobus tria, cum expensis ipsorum extimatorum et aliis, dicto Ghinanno in bonis predicti Guillelmi extimare deberent et de his eidem possessionem traderent. …[omissis]…
Actum anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die quinta decima ianuarii, ante terciam, presentibus testibus convocatis Raimundo Bonosegnorio, Guillelmo Rafa et Iohanne Fornario, notariis.

Atto n°XV
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.26 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

21 gennaio 1258, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che Beatrice, vedova di Guglielmo Presbiteri, riceva in pagamento della parte residua della sua dote, per un ammontare di 11 lire, 6 soldi e 6 denari di genovini, una terra, sita in valle Nervia, ad Sanctum Gervasium, stimata da Raimondo Aventurerio, Raimondo Genzana e Guido Priore, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

[Ɑ] Biatrixie, uxoris quondam Willelmi Presbiteri.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, laudavit, statuit et decrevit quod Biatrixia, uxor quondam Guillelmi Presbiteri, habeat, teneat et de cetero quiete possideat terram infrascriptam, ei extimatam pro residuo suarum dotium et in solutum datam pro libris undecim, soldis sex et denariis sex ianuinorum pro sorte dicte dotis et pro expensis extimatorum et laudis, computatis ad rationem de duobus tria, secundum formam capituli, que sunt super totum soldi undecim ianuinorum, sine contradictione Guillelmi Curli maioris, tutoris heredis dicti quondam Guillelmi, et ipsius heredis, omnium personarum pro eo. …[omissis]… Recepto igitur iuramento ab ipsa de manifestandis bonis mariti, ut tenetur ex forma capituli civitatis Vintimilii, misit in scriptis Raimundo Aventurerio, Raimundo Gençane et Guidoni Priori, adiuncto sive addito loco Guillelmi Iudicis de Colla, qui erat eger, publicis extimatoribus dicti comunis, quod in bonis predictis dictam quantitatem extimare deberent ad simplum, cum expensis ad rationem de duobus tria, et inde eidem Biatrixie possessionem traderent. …[omissis]…
Actum [anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII], indictione XV, die XXI ianuarii, ante terciam, presentibus testibus convocatis …[omissis]… Oberto Barbaxora et Bartholoto scriba.

Atto n°XXVI
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.27 della serie β

Notaio Giovanni de Amandolesio

22 gennaio 1258, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Bonaventura Maroso sia assegnata, in pagamento della dote di sua moglie, ammontante a 15 lire di genovini, una terra, sita a Nervia, tenuta a fichi, viti ed altre colture arboree, stimata da Raimondo Genzana, Raimondo Aventurerio e Guido Priore, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Bonaventure Marosi.
I[n] capitulo Vintimilii, ubi curia tenetur, dominus Bartholom[eus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, laudavit, statuit] et [decr]evit quod Bonaventura Marosus et quelibet [persona pro eo habeat, teneat et de cetero quiete possideat iure] proprietario et titulo pro soluto terram [in frascriptam ipsi extimatam per extimatores dicti comunis Vintimilii] et [in] solutum datam pro libris quindecim …[omissis]… Misit igitur dictus iudex in scriptis Raimundo Aventurerio et Raimundo Gençane et Guidoni Priori, loco Guillelmi Iudicis de Colla, qui erat tunc eger, publicis extimatoribus disti comunis, ut dictam quantitatem in bonis predictis, videlicet in terra quam habent ad Nerviam, extimare deberent, cum expensis eorum extimatorum, computatis ad rationem de duobus tria, et deinde eidem Bonaventure posses sionem traderent. …[omissis]…
Actum anno dominice Nativitatis millesimo CCLVIII, indictione XV, die XXII ianuarii, ante terciam, presentibus testibus Guillelmo Rafa notario, Conrado de Podio Rainaldo et Oberto Barbaxora.

Atto n°XXVII
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto n.13 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 3 novembre 1257>.
Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di alcuni beni del defunto Ugo Vitale.

Atto n°xiii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XIII.

Atto n.19 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 29 novembre 1257>.
Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia procedono all'estimo di terre di proprietà di Salamone.

Atto n°xix
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XX.

Atto n.20 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 29 novembre - 12 dicembre 1257>.
Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una terra in Prato di proprietà di Guglielmo Mauri.

Atto n°xx
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XXI.

Atto n.21 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 12 dicembre 1257>.
Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia procedono all'estimo di una pezza di terra in Ventimiglia, ad Collam, ubi dicitur Prederia, di proprietà di Oberto Mergorense.

Atto n°xxi
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XXII.

Atto n.24 della serie κ

Notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 15 gennaio 1258>.
Guglielmo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo della quarta parte di una casa, sita in Ventimiglia, in carreria Sancti Michaelis, del valore di 6 lire, 8 soldi e 9 denari di genovini, di proprietà di Guglielmo Calcia.

Atto n°xxiv
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XXV.