? 1404 ?

Cosa si sa

Pietro de Judicibus, sindaco di Ventimiglia assieme a Stefano Galleani, guida una deputazione mandata dalla città a re Carlo, ottenendo finalmente la tanto desiderata riconferma degli antichi privilegi comunali.

"Liber Jurium Januenses", Doc. CCCLXVII


Appena la bandiera francese sventolò sulle torri della nostra città, furono spediti ambasciatori al re Carlo di Francia, per ottenere la conferma delle convenzioni e dei privilegi, con cui Ventimiglia si era legata a Genova. Tale conferma ottennero nel 1404 i deputati Ventimigliesi Stefano Galleani e Pietro De-Giudici.

pag.173
Nicolò Peitavino, Intemelio
"Conversazioni storiche, geologiche e geografiche
sulla città e sul distretto Intemeliese"
Savona, Stab. Tipografico Ricci, 1923


Si legge il seguente documento nella grande Raccolta del Liber Jurium Reipublicae Genuensis, Tomus secundus, Augustae Taurinorum e regio typographeo, MDCCCLVII, pag. 1346.

Carlo VI Re di Francia, Signore della Città di Genova conferma le franchigie ed immunità ai cittadini di Ventimiglia, da cui parte erangli stati inviati oratori i signori Stefano Galiano e Pietro Giudice. (1404)

Carolus VI Francorum Rex, dominisque civitatis
Januae et districtus, Stephani Galiani et Petri Judicis
Sindicorum et Ambaxatorum civium Vintimiliensium
exauditis precibus, eorumdem franchisias
immunitates et jura confirmat (die VIIII maij).

pag. 7 della sezione dei "Documenti"
successiva alle pagg.60 delle "Notizie storiche"
"Liber Iurium Reipublicæ Genuensis"
in "Historiae Patrie Monumenta Augusta Taurinensis"
Tomo II, Officina regia, Torino, 1854-1857