? 7 dicembre 1435 ?

Cosa si sa

Giovanni de Judicibus è sindaco di Ventimiglia assieme a Marco Galleani, Antonio Porro, Giovanni Aprosio, Stefano Sperono e Antonio Giraudo. I sindaci, convenuti in assemblea nella loggia comunale, acquistano per 150 fiorini d'oro da Manuele Lascaris dei conti di Ventimiglia, padre priore della locale certosa, il territorio di Airole e Oglietta, e lo assegnano a 14 capifamiglia ventimigliesi che vi si installano. Nasce così il comune di Airole.

G. Rossi, "Sulla fondazione di Airole, colonia Ventimigliese, documenti del XV secolo"
Galleani, "Raccolta di notizie varie", Tomo I, da pag 229 a 261


…[omissis]…
il 7 dicembre del 1435 Don Manuele Lascaris dei Conti di Ventimiglia, priore della Certosa di Pesio, per il prezzo di cento cinquanta fiorini d'oro vendeva ai sindaci della nostra città Antonio Porro, Marco Galleani, Giovanni De-Giudici, Giovanni Aprosio, Stefano Sperone e Antonio Girando il territorio di Airole con tutte le pertinenze e ragioni.

pagg.179-180
Nicolò Peitavino, Intemelio
"Conversazioni storiche, geologiche e geografiche
sulla città e sul distretto Intemeliese"
Savona, Stab. Tipografico Ricci, 1923