? 1551-1552 ?



Cosa si sa (1551)

Bernardo de Judicibus risulta essere membro del parlamento della città di Ventimiglia nel 1551, come riportato qui di seguito.


19 luglio 1551

Nel "Liber Consiliorum et Parlamentorum", MDLI (1551-1560), dell'Archivio Comunale di Ventimiglia (Sezione Archivio di Stato di Ventimiglia, inedito), risulta che i Sindici delle Ville espongono che, in seguito a delibera e ordine dei Magnifici Protettori di spendere cinquanta scudi per la costruzione di Bordighera, essi comprarono cinquanta mine di calce ed ora occorre trovare il denaro per pagare questa e altre spese.

Die XVIIII iulii dominica in vesperis in logia Communis anno quo sopra.

Congregato pubblico consilio et parlamento hominum sexaginta Civitatis Vintimilii sono campane et voce preconia, in presentia D. Conradi Planeli locumtenentis hodie paulo ante ellecti et deputati per magnificum D. Capitaneum, ut constat in presente libro rogato per me notarium infrascriptum, ad quo etc., existente priore D. Vincentio Larzaygo.

Et primo dictus D. Vincentius prior

...[segue lista di vari nomi]...

Bernardus de Judicibus

...[segue lista di vari nomi]...

Pro fabrica Burdighete

Et primo audictis D. sindici …[omissis]… illos qui dessererent citari etiam pro die crastina, non derrogando pena incursa.

Anna Maria Ceriolo Verrando, «Bordighera nella storia»
Collana Storico-Archeologica della Liguria Occidentale
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell - Bordighera 1971, pp. 206-208


20 luglio 1551

Sempre dal "Liber Consiliorum et Parlamentorum", MDLI (1551-1560), dell'Archivio Comunale di Ventimiglia (Sezione Archivio di Stato di Ventimiglia, inedito), risulta che due dei Sindaci ricordano che si instituì in passato una tassa, dal cui gettito si dovevano trarre cinquanta scudi per la costruzione di Bordigheta, ma che quei denari furono impiegati in altre opere; il che provoca vivaci discussioni.

MDLI, die lune XX julii, in logia palacii magnifici D. Capitanei in vesperis.

Congregato pubblico consilio et parlamento hominum sexaginta Civitatis Vintimilii sono campane et voce preconia ut moris est, in presentia magnifici D. Capitanei Vintimilii existente priore D. Vincentio Larzaygo.

Et primo dictus D. Vincentius prior

...[segue lista di vari nomi]...

Bernardus de Judicibus

...[segue lista di vari nomi]...

de parlamento de civitate

...[segue lista di vari nomi]...

Pro fabrica Burdighete

Audictis D. Jeronimo Fenogio et Johanne Laurentio quondam Secundini duobus ex sindicis dicentibus et exponentibus …[omissis]… persistendo in dictis protestationibus et requisitis per eos a quibus desistere non intendunt.

Anna Maria Ceriolo Verrando, «Bordighera nella storia»
Collana Storico-Archeologica della Liguria Occidentale
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell - Bordighera 1971, pp. 209-211


4 ottobre 1551

Sempre dal "Liber Consiliorum et Parlamentorum", MDLI (1551-1560), dell'Archivio Comunale di Ventimiglia (Sezione Archivio di Stato di Ventimiglia, inedito), risulta che due dei Sindaci propongono di istituire un'altra imposta per pagare varie spese, fra cui quelle per la costruzione di Bordigheta, ma la proposta è respinta; allora il Capitano ordina di cominciare l'opera di Bordigheta entro il 15 ottobre, pena la multa di 25 scudi; quindi si delibera di dare facoltà ai Sindaci di riscuotere i debiti e di vendere un pezzo di terra.

MDLI die dominica quarta octobris in vesperìs in lobia cornmunis.

Congregato publico consilio et parlamento hominum sexaginta civitatis Vintimilii sono campane voce preconia ut moris est, in presentia magnifìci D. Nicolai Cibo de Valetari Capitanei, existente priore D. Vincentio Larzaygo .

et primo Iohannes Caglimarius quondani Petri subprior absente dicto priore infirmante

...[segue lista di vari nomi]...

Bernardus de Judicibus

...[segue lista di vari nomi]...

de parlamento civitatis

...[segue lista di vari nomi]...

Pro causa debiti Benedicti Gensani

Et primo auditis dominis sindicis dicentibus …[omissis]… Et sic admoniti fuerunt per me Bartholomeum de Montobio notarium et scribam Curie in omnibus ut supra predicti domini sindici, retorquentes dictam penam contra dictos consiliarios de parlamento et non consenuentibus, imo pretendentibus habere recursum a predictis Magnificis Dominis Prottectoribus, tamen cum carculis albis et nigris tenta fuit posta dandi potestatem dominis sindicis pro exactione debitorum et venditione terre dicti Benedicti ac permissione de evictione nomine Communitatis, et reperti fuerunt carculi omnes albi preter quatuor qui fuerunt nigri, affirmativam significantes.

Anna Maria Ceriolo Verrando, «Bordighera nella storia»
Collana Storico-Archeologica della Liguria Occidentale
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell - Bordighera 1971, pp. 214-216



Cosa si sa (1552)

Bernardo de Judicibus risulta essere sindaco della città di Ventimiglia nel 1551, come riportato qui di seguito.


14 febbraio 1552

Sempre dal "Liber Consiliorum et Parlamentorum", MDLI (1551-1560), dell'Archivio Comunale di Ventimiglia (Sezione Archivio di Stato di Ventimiglia, inedito), risulta che il consiglio e il parlamento di ventimiglia deliberano che per la costruzione di Bordighera si spendano 50 scudi, comprese alcune mine di calcegià acquistate; si dà quindi ampia e generale facoltà ai Sindaci di spendere detti 50 scudi.

MDLII die dominica XIIII februari in vesperis in lobis communis Vintimilii.
Congregato pubblico consilio et parlamento hominum sexaginta civitatis Vintimilii sono campane et voce preconia ut moris est, in presentia magnifici D. Nicolai Cibo de valetari Capitanei Vintimilii, existente priore Bernando Rubeo

Et primo dictus Bernandus prior

...[segue lista di vari nomi]...

D. Bernardus de Judicibus

...[segue lista di vari nomi]...

Sindici

...[segue lista di vari nomi]...

Et primo audictis dominis Bernardo de Iudicibus, Francisco Richobono, Petro Castiliono et Petro Giraldo sindicis presentis Comunitatis Vintimilii dicentibus quod fuit sibi impositum parte M.ci Officii per …[omissis]… et ita data fuit ampla et generalis potestas predictis dominis sindicis posse expendere dicta scuta quinquaginta computata dicta calce.

Anna Maria Ceriolo Verrando, «Bordighera nella storia»
Collana Storico-Archeologica della Liguria Occidentale
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell - Bordighera 1971, pp. 220-222


15 maggio 1552

Sempre dal "Liber Consiliorum et Parlamentorum", MDLI (1551-1560), dell'Archivio Comunale di Ventimiglia (Sezione Archivio di Stato di Ventimiglia, inedito), risulta che il consiglio e il parlamento di ventimiglia deliberano di aggiungere 10 scudi, oltre ai 50 precedentemente deliberati per la fabrica di Bordigheta, per fare il completamento delle mura fino a 28 palmi di altezza (7m circa) e per costruire due crottoni (volte) sulle due porte della città.

MDLII die dominica XV maii in vesperis in logia Communis.
Congregato pubblico consilio et parlamento hominum sexaginta Civitatis Vintimilii sono campane et voce preconia ut moris est, in presentia magnifici D. capitanei Vintimilii existente priore Bernando Rubeo. Bernando Rubeo

Et primo dictus Bernandus prior

...[segue lista di vari nomi]...

D. Bernardus de Judicibus

...[segue lista di vari nomi]...

Sindici

...[segue lista di vari nomi]...

Et primo audictis dominis sindicis exponentibus …[omissis]… et tenta posta cum carcolis more solito albis et nigris, et reperti carculi albi a numero quinquaginta sex et decem tantum nigri, affirmativam significantes.

Anna Maria Ceriolo Verrando, «Bordighera nella storia»
Collana Storico-Archeologica della Liguria Occidentale
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell - Bordighera 1971, pp. 220-222