? 1012-1039 1045

Cosa si sa

Quando Gilberto e Osmondo Drengot muoiono, Rainulfo Drengot, che si mormora abbia ucciso il fratello maggiore, rimane a capo dei Normanni campani. In seguito Rainulfo aiuta con successo il duca di Napoli nella sua guerra contro quello di Capua, finendo con lo sposarne la sorella e ricevendo in premio la signoria dell'antica Atella (1030), nel cui territorio fonda la città di Aversa, capitale della sua contea (1037). Qualche anno più tardi (1039) Rainulfo toglierà al duca di Napoli anche il ducato di Capua.

Successivamente arrivano dalla Normandia un certo Gualtiero e, in due mandate, i dodici figli della numerosissima famiglia di Tancredi d'Auteville, o d'Altavilla, in italiano. Inizialmente trovano tutti appoggio nella contea di Rainulfo, per porsi poi al servizio ora di questo ora di quel principe longobardo o catapano bizantino. Approfittando della lontananza delle truppe imperiali, in Sicilia a combattere i saraceni, e del malcontento delle popolazioni locali, Rainulfo Drengot e tre dei figli di Tancredi di Altavilla, Guglielmo, Drogone e Umfredo, iniziano le operazioni per la conquista dell'Italia meridionale.