Data di nascita

?

Periodo di riferimento

1401-1403

Data della morte

?

Cosa si sa

Massimo de Iudicibus è notaio a Genova nel periodo fra il 1401 e il 1403.

Di lui non sappiamo altro.

Riferimenti

Lista di atti nei quali è nominato il notaio Massimo de Iudicibus.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
#56Atto N°56, Genova27 giugno 1401
#1Atto N°1, Genova15 gennaio 1403

Atto N°56, Genova

27 giugno 1401

Massimo de Iudicibus è il notaio che roga a Genova un atto del 27 giugno 1401 in cui il Capitano di Genova e difensore del comune e del popolo ed il consiglio degli Anziani ordinano ai compratori del mastice destinato alla distribuzione a Genova, in Siria e in Egitto di rispondere per i loro pagamenti esclusivamente ai massari della maona.

M°CCCC°primo, die xxvn iunii.
De mandato magnifici domini regii capitanei Ianuensium etc. et consilii ancianorum vos Dexerine Bustarine, Manuel de Guisulfis, heredes quondam Pauli Gentilis, Oliveri de Savignonis et Morruelis Cipale ac Francisce Iustiniane quondam Gabrielis et Badasal Cibo et Vaiariane Lomeline, emptores masticorum vendicionum Syrie, Egipti et Ianue, in observatione cuiusdam decreti editi per prefatum magnificum dominum capitaneum et consilium ancianorum, anno presenti, die tercia ianuarii, non respondeatis nec aliquam solucionem faciatis in totum vel in parte aliquibus participibus mahone Syi nec aliquibus personis, nomine et occasione dictorum participum nisi solummodo Raffaeli Iustiniano de Garibardo et Raffaeli Iustiniano de Furneto, nunc massariis diete mahone, non obstantibus aliquibus saximentis per quemvis magistratum vobis factis, a dicta die tercia ianuarii proxime preteriti citra, et penes quos Raffaelem et Raffaelem, massarios supradictos, volunt et mandant prefati dominus . . capitaneus et consilium valere et tenere si qua facta sunt penes dictos Dexerinum et socios seu fient saximenta seu sequestra, et qui Raffael et Raffael primo et ante omnia retinere possint pecunie quantitates misse seu mittende ad solvendum de Syo Ianuam pro custodia et expensis et aliis necessariis insule Syi.
Extractum est ut supra de actis publicis cancellarie communis Ianue.
Populus. Masimus de Iudicibus, notarius et cancellarius.

Atto N°56, pagg. 236-237
«Atti della Società Ligure di Storia Patria Nuova Serie» - Vol. XIX (XCIII) - Fasc. II
«Documenti della Maona di Chio (Secc. XIV-XVI)»
a cura di Antonella Rovere
Genova - MCMLXXIX

Atto N°1, Genova

15 gennaio 1403

All'interno dell'accordo del 15 gennaio 1403 fra re Martín di Aragona e il Comune della Repubblica di Genova, che conferma il trattato di pace del 21 novembre 1386 e che stabilisce i risarcimenti sia a quegli aragonesi e a quei genovesi che avevano subito danni per il conflitto precedente, viene nominato Massimo de Judicibus in qualità di notaio.

Núm. I, 15 de enero. . . Convenio entre el rey don Martín de Aragon y el Comun de la república de Génova, confirmando las paces ajustadas á 21 de noviembre de 1386, y estableciendo ciertas reglas para indemnizar los perjuicios que aragoneses y genoveses se habían causado mutuamente desde la celebración de aquel tratado.
…[omissis]…
I.
Actum Janue in camera superiori magna angulari palatii comunis in quo habitat prefatus illustris regius januensium gubernator etc. anno dominice nativitatis millessimo CCCC° secundo inditione nona secundum cursum Janue die luna duodecima mensis junii presentibus testibus ad hec vocatis specialiter et rogatis Aldebrando de Corvaria Juliano Paniçario et Masimo de judicibus notariis et comunis Janue cancellariis.

D. Prospero de Bofarull y Mascaró,
«Coleccion de Documentos Inéditos del Archivo General de la Corana de Aragon»,
Tomo I
Barcelona, José Eusebio Monfort, 1847
pag. 21