Introduzione

Parlando della diocesi di Marsico, si ipotizza un legame fra le case di Barletta e quella di Celenza e Carlantino. Nel priorato di Barletta, in particolare a Putignano, si trovano difatti vari Giliberti. Il cognome viene riportato in genere al singolare, ovvero Giliberto o Giliperto. A Barletta sembra invece esistere una casa Galiberta che viuene ipotizzata essere collegata ai Giliberti.

«L'antica casa Giliberti che altri dicono Galiberti, la quale non si sapere se habbia origine da Barletta o pure quella habbia principio da codesta, però che sia tutta una Casa con la Galiberta di detta città di Barletta è molto chiaro per diverse ragioni — have avuto sempre huomini eminenti in tutte le scienze e in ogni tempo e fra gli altri Padre D. Vincenzo Giliberto Teatino che diede alla luce quella opera chiamata "La città di Dio" tanto celebrata da' dotti, per il che meritò d'esser Generale della sua Religione, il che è stato di non poco onore alla Casa e alla Patria.»

Zingarelli, "Cenni sulla diocesi di Marsico", pag 51, 1849