? 12 marzo 1421 ?

Cosa si sa

Giuliano de Judicibus, canonico preposto della cattedrale di Ventimiglia, la cui diocesi è vacante a causa della rinuncia di frate Bartolomeo Callunaci, scrive al Papa il 12 marzo 1421 da Roma.

Supplicat S.V. devotus vester Iulianus de Iudicibus, prepositus maioris ecclesie Vigintimiliensis, clericus seculanis, quatenus E.S.V. dignetur sibi providere de commenda beneficii Sancti Ampelli, ordinis Sancti Benedicti, Vigintimiliensis diocesis, vacantis per renunciationem fratris Bartolomei Callunacii ... cuius fructus etc. quindecim florenorum auri secundum communem extimationem valorem annuum non excedunt, non obstante quod idem prepositus obtineat preposituram prefatam, cuius fructus etc. quinquaginta florenorum auri securidum similem extimationem valorem annuum non excedunt ... ut in forma. Fiat ut petitur. O. Fiat. Datum Rome, apud Sanctum Petrum, quarto idus marcii, anno quarto.

#138, pag. 494
Atti della Società Ligure di Storia Patria
Nuova Serie, XVII, (XCI) Fasc. II
Genova, 1977

Nota: questo Giuliano quasi certamente non è lo stesso nominato vicario generale del vescovo Benedetto Boccanegra nel 1401. Potrebbe tuttavia essere lo stesso che autentica una copia del testamento di Guidone nel 1426.