Data di nascita

?

Periodo di riferimento

1178

Data della morte

?

Cosa si sa

Ardizzone Iudex nasce a Ventimiglia nel XII secolo. Viene nominato in alcuni atti dell'epoca.

Non conosciamo il luogo e la data della morte.

Fonti

Atti, documenti e riferimenti relativi a Ardizzone Iudex.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
1178 ASui diritti e doveri degli uomini di Piena10 giugno 1178

Sui diritti e doveri degli uomini di Piena

10 giugno 1178

Ardizzone Iudex è testimone in un atto del 10 giugno 1178 con il quale si definiscono diritti e doveri degli uomini di Piena.

920.

1178, giugno 10, Ventimiglia

I consoli di Ventimiglia definiscono i terreni sui quali possono lavorare gli uomini di Piena e l’ammontare dei tributi che essi devono pagare al loro castellano.

(S.T.) Anno dominice incarnacionis millesimo centesimo LXXmo VIII°, indictione XI, quarto ydus iunii. Constat nos consules Fulcho Trentamoa, Raimundus Balbus, Fulcho Stalaner, Anselmus Oricus, Bonifacius Montapoe, autoritate et voluntate consiliatorum, damus et concedimus hominibus castri Penne quod possitis laborare in contile Matogne usque ad rium Coliore et dare drictum castellanno Penne de quatuor blavis, scilicet frumenti novenum et de spelta furmentosa novenum et si non est media furmentosa non dare aliquid et de ordeo dare novenum et de fabis dare novenum et de vino dare novenum et de omnibus aliis blavis non dare aliquid. Item damus et concedimus vobis quod possitis laborare in contile Canpi et dare castellano Penne de omnibus blavis que ibi recolliguntur novenum et de vino similiter. Item damus et concedimus vobis quod possitis laborare in contile Libri et dare drictum castellano Penne, scilicet de omnibus blavis que ibi recolliguntur, novenum, preter canpum de Gutifredo qui non debeat dare aliquid. Hec omnia aut(oritate) supradicta damus et concedimus et affirmamus quod sint firma in perpetuum. Signa autem manuum consulum: # # # # #. Signa manuum testium: # # # # # #, Ardizonus iudex, Raimundus Curlus, Raimundus Genzana, Fulcho Arfarda, Otto Robertus, Guillelmus Speronus. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, omnes viventes lege Romana.

(S.T.) Ego Celonius notarius hanc cartam iussu consulum conplevi et dedi.

(S.T.) Ego Iohannes de Mandolexio, notarius sacri Imperii, ut supra iussu domini Lanfranchini Pignoli, potestatis Vintimilii, ex quodam alio instrumento publico facto manu quondam supradicti Celonii notarii transscripsi et exemplificavi, nichil addito vel diminuto nisi forsam puncto, littera vel sillaba sine sensu mutacione et hanc cartam in meo cartulario precepto dicti potestatis, currente millesimo CC°LVIII°, indictione XVª taliter conpilavi.

(S.T.) Ego Iohannes Boniiohannis de Suxilia notarius, iussu domini Ruffini de Oglono, iudicis et assessoris domini Acursi Lanzavegie, Ianuensis civitatis potestatis, supradictum instrumentum transscripssi et ab autentico publico exemplavi nichil enim addito vel diminuto nisi forte littera vel silaba, sententia in aliquo non mutata.

Società Ligure di Storia Patria,
«I Libri Iurium della Repubblica di Genova»,
Vol I/5, a cura di Elisabetta Madia,
Genova 1999,
pagg. 237-238.

Ardizzone Iudex viene nominato nei seguenti atti.

Lista degli Atti dell'Amandolesio

Ardizzone Iudex viene nominato nei seguenti atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α (cart. 56)
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β (cart. 56)
Atti dal 1259 al 1264: serie γ (cart. 57)
Repertorio delle notizie inserite nei Cartolari I & II (cart. 56): serie κ
Repertorio delle notizie inserite nel cartolario 57: serie ν

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio dal 1255 al 1258”,
Istituto Internazionale di Studi Liguri,
Istituto Studi Liguri, 1985.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio dal 1258 al 1264”,
Istituto Internazionale di Studi Liguri,
Istituto Studi Liguri, 1993.

MILLESIMO CCLVIIII INDICTIONE PRIMA

In nomine Domini, amen. Cartularius instrumentorum factorum per me Iohannem de Mandolexio notarium in Vintimilio et Rappali, ut infra continetur. Et sunt in isto cartulario instrumenta sex annorum, videlicet de millesimo cclviiii, millesimo cclx, millesimo cclxi, millesimo cclxii, millesimo cclxiii et millesimo cclxiiii, ut inferius per ordinem annotantur, et est signum meum quod appono in instrumentis tale: (S.T.) Iohannes de Mandolexio, notarius Sacri Imperii, rogatus scripsi.

Una menzione particolare merita la professoressa e ricercatrice Laura Balletto, come riportato nei ringraziamenti.

Atto n.118 della serie α

Notaio Giovanni de Amandolesio

(15 - 23 gennaio) 1258, (Ventimiglia).
Il notaio Giovanni di Amandolesio, su mandato di Lanfranchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, trascrive nel proprio cartulario il rogito del 4 giugno 1178, redatto dal notaio Celonio, in base al quale i consoli di Ventimiglia, con il consenso del Consiglio, concedono agli uomini del castello di Penna di lavorare in contile Matogne, in contile Campi ed in contile Libri, corrispondendo al castellano di Penna una determinata percentuale sui raccolti.

(S.T.) Anno dominice Incarnations millesimo centesimo septuagesimo viii, indictione xi, x idus iunii. Constat nos consules Fulco Treantamoa, Raimundus Balbus, Fulco Stallaner, Anselmus Oricus, Bonifacius Montapoc, autoritate et voluntate consiliatorum, damus et concedimus …[omissis]… Signa manuum testium Ardiçonus Iudex, Raimundus Curlus, Raimundus Gengana, Fulco Arfarda, Otto Robertus, Guillelmus Speronus. Actum in ecclesia [Sancte Mar]ie de Vintimilio. Omnes viventes lege romana. (S.T.) Ego Celonius [hanc] cartam iussu consulum complevi et dedi. …[omissis]…

Atto n. 118
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258,
Cartolarius Instrumentorum I (56)
in Laura Balletto, op. cit.