Data di nascita

?

Periodo di riferimento

1391-1393

Data della morte

?

Cosa si sa

Gabriele Iudex è notaio a Ventimiglia nel periodo fra il 1391 e il 1393.

Di lui non sappiamo altro1.


1 Forse questo Gabriele è lo stesso notaio un cui cartolaio del 1371 è prensente nell'archivio «Antico Comune» di Genova.

Riferimenti

Lista di atti nei quali è nominato il notaio Gabriele Iudex.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
#26Atto N°26, Genova18 marzo 1391
#35Atto N°35, Genova20 novembre 1393
#36Atto N°36, Genova16 dicembre 1393
#37Atto N°37, Genova16 dicembre 1393

Atto N°26, Genova

18 marzo 1391

Gabriele Iudex è nominato in un atto rogato a Genova nel 1391.

1391, marzo 18, Genova
I maonesi si impegnano a fornire nei prossimi dieci anni in esclusiva a Moruele Cigala e a Guirardo Squarciafico centenaria 1290 di mastice destinati alla distribuzione in Occidente, in ragione di centenaria 90 nel primo anno e di 120 negli anni successivi, al prezzo di 41.10 lire genovesi al centenarium.

In nomine Domini amen. Dominus Anthonius Iustinianus quondam domini Iacobi, particeps in apaltu mahone Syi pro karatis quatuor ex karatis triginta osto, in quibus posita est tota insulla Syi, dominus Franciscus Iustinianus quondam domini Gabrielis, …[omissis]…
participis in disto apaltu et mahona pro karatis duobus, Oliverius de Savignonis et dominus Franciscus Iustinianus supradictus, nomine et vice domini Anthonii Iustiniani quondam domini Dominici, et pro quo de rato habendo promixerunt, sub ypotheca et obligacione bonorum suorum habitorum et habendorum, participis in disto apaltu et mahona pro karatis duobus cum dimidio ex dictis karatis XXXª osto, dominus Gabriel Iudex notarius, procurator et procuratorio nomine domini Nicolai Iustiniani quondam domini Pauli, …[omissis]…
procurator et procuratorio nomine dominorum Francisci patris sui et Lazarini Iustiniani olim de Rocha, participum in disto apaltu et mahona pro karatis sex ex dictis karatis XXVIII, ut de procura constant duo publica instrumenta, unum scriptum manu [***], supradicti domini Gabriel Iudex et Augustinus Adurnus, nomine et vice filiorum et heredum quondam domini Iohannis Iustiniani quondam domini Pauli …[omissis]…
(S.T.) Ego Badassal de Ferrariis condam Manuelis, imperiali auctoritate notarius, his omnibus interfui, rogatus publicavi et testavi, licet per alium extrahi fecerim quia variis et diversis negociis eram impeditus.

Atto N°26, pagg. 170-175
«Atti della Società Ligure di Storia Patria Nuova Serie» - Vol. XIX (XCIII) - Fasc. II
«Documenti della Maona di Chio (Secc. XIV-XVI)»
a cura di Antonella Rovere
Genova - MCMLXXIX

Atto N°35, Genova

20 novembre 1393

Gabriele Iudex è nominato in un atto rogato a Genova nel 1393.

1393, novembre 201
Brancaleona, vedova di Niccolò Giustiniani, figlio del fu Paolo, in qualità di tutrice dei suoi figli, e Araona, vedova di Giovanni Giustiniani, figlio del fu Paolo, in qualità di tutrice dei suoi figli, rilasciano procura al notaio Gabriele Giudice.

Atto N°35, pagg. 187
«Atti della Società Ligure di Storia Patria Nuova Serie» - Vol. XIX (XCIII) - Fasc. II
«Documenti della Maona di Chio (Secc. XIV-XVI)»
a cura di Antonella Rovere
Genova - MCMLXXIX


1 Notizia negli atti 36 e 37. Notaio: Ricobono de Bozolo.

Atto N°36, Genova

16 dicembre 1393

Gabriele Iudex è nominato in un atto rogato a Genova nel 1393.

1393, dicembre 16, Genova
I maonesi si impegnano a fornire nei prossimi dieci anni in esclusiva ad una società di acquirenti composta da Lachino de Bonavey, Deserino Bustarino, Francesco Giustiniani, figlio di Gabriele, Manuele de Ghisolfi, Paolo Gentile, Oliverio di Savignone, Vallariano Lomellino e Guirardo Squarciafico, 114 cantari annui di mastice destinati alla distribuzione ad oriente di Rodi, Egitto e Siria, stabilendo le condizioni di pagamento e di trasporto, al prezzo di lire genovesi 237.10 a cantaro.

sub ypotheca et obligatione bonorum ipsius domini Anthonii habitorum et habendorum, alius ex dictis participibus, suo et dicco nomine diete mahone pro karatis quatuor ex dictis karatis tricinta octo, dominus Gabriel Iudex, notarius, actor et actorio nomine domine Araone, matris, tutricis et curatricis filiorum suorum et filiorum et heredum quondam domini Iohannis Iustiniani quondam domini Pauli, …[omissis]…
egregius dominus Franciscus lustinianus quondam domini Dominici, pro una voce, spectabillis millex dominus Anthonius lustinianus, suo et dicto nomine, pro duabus vocibus, dominus Gabriel Iudex, notarius, dictis nominibus, pro una voce, dominus Franciscus Iustinianus quondam domini Gabrielis, pro una voce, domini Andreas et Thomas Iustiniani, suis et dictis nominibus, pro duabus vocibus, dominus Octobonus Iustinianus quondam domini lohannis, pro una voce, domina Margarita, …[omissis]…
(S.T.) Ego Martinus de Bandino quondam Manuelis, imperiali auctoritate notarius, predictis omnibus interfui et rogatus prescriptum instrumentum pubiicavi et alii<s> occupatus per alium exemplari et extrahi feci exemplatumque vidi, legi et diligenter cum autentico ascultavi et inveniens utrumque concordare me subscripsi cum signo et nomine meis solitis apponi in instrumentis, constatque michi de octo addicionibus factis in dicto instrumento, videlicet de quatuor in prima pagina dicti instrumenti, duabus in secunda, una in tercia et reliqua in quarta, que addiciones fuerant obmisse non vicio sed errore exemplantis.

Atto N°36, pagg. 187-199
«Atti della Società Ligure di Storia Patria Nuova Serie» - Vol. XIX (XCIII) - Fasc. II
«Documenti della Maona di Chio (Secc. XIV-XVI)»
a cura di Antonella Rovere
Genova - MCMLXXIX

Atto N°37, Genova

16 dicembre 1393

Gabriele Iudex è nominato in un atto rogato a Genova nel 1393.

1393, dicembre 16, Genova
I maonesi si impegnano a fornire per otto anni, a partire dal 1396, in esclusiva alla stessa società di cui al doc. n. 36, 1600 centanaria di mastice destinati alla distribuzione nella Romania, stabilendo le condizioni di pagamento e di trasporto, al prezzo di 25 ducati d'oro al centenarium.

In nomine Domini amen. Egregius et spectabilis vir dominus Franciscus Iustinianus quondam domini Dominici, unus ex sociis et participibus compere seu mahone Syi pro tribus tricesimis octavis partibus seu pro tribus karatis ex karatis triginta otto in quibus posita est tota dieta compera seu mahona, spectabilis milles dominus Anthonius Iustinianus, suo proprio nomine et nomine et vice domini Danielis Iustiniani, pro quo de rato habenda promixit, sub ypotheca et obligacione bonorum ipsius domini Anthonii habitorum et habendorum, alius ex dictis participibus, suo et dicto nomine diete mahone, pro karatis quatuor, dominus Gabriel Iudex, notarius, actor et actorio nomine domine Araone, matris, tutricis et curatricis filiorum suorum et filiorum et heredum quondam domini Iohannis Iustiniani quondam domini Pauli, …[omissis]…
(S.T.) Ego Martinus de Bandino quondam Manuelis, imperiali auctoritate notarius, prescriptum instrumentum composi et publicavi et omnibus in eo contentis interfui et rogatus scripsi, licet aliis occuparus per alium extrahi et exemplari fecerim exemplatumque vidi, legi et fideliter ascoltavi cum autentico et originali scritto manu mea et inveniens utrumque concordare me subscripsi cum signo et nomine meis in instrumentis solitis apponi in testimonium omnium premissorum.

Atto N°37, pagg. 199-210
«Atti della Società Ligure di Storia Patria Nuova Serie» - Vol. XIX (XCIII) - Fasc. II
«Documenti della Maona di Chio (Secc. XIV-XVI)»
a cura di Antonella Rovere
Genova - MCMLXXIX