? 1° dicembre 1256 - 7 dicembre 1264 ?

Cosa si sa

Presente negli atti rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio, raccolti e custoditi a Genova, secondo quanto stabilito nelle clausole di pace dopo l'assedio del 1220.

Clicca qui a sinistrasopra sulle singole voci per vederne il contenuto.
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum I: serie α
Atti dal 1256 al 1258, Cartolarius Instrumentorum II: serie β
Atti dal 1259 al 1262: serie γ
Atti dal 1263 al 1264: non ancora disponibile
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nei Cartolari I & II: serie κ

Nell'Archivio di Stato di Genova si conservano due cartolai notarili nei quali si contengono quasi un migliaio di atti per la massima parte rogati in Ventimiglia dal notaio Giovanni di Amandolesio fra il 1256 ed il 1264. Si tratta del cartolare 56, che comprende rogiti fra il I° dicembre 1256 e il 23 dicembre 1258, e del cartolare 57, che contiene rogiti fra il 28 dicembre 1258 e il 7 dicembre 1264.

Laura Balletto,
“Atti rogati a Ventimiglia da Giovanni di Amandolesio”
Istituto Internazionale di Studi Liguri
Museo Bicknell / Bordighera 1993

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

31 maggio 1257, Ventimiglia.
Estimo sui beni di Guglielmo Maroso nel territorio di Ventimiglia a favore di Tommaso Burbalie.

[Ɑ Gui]llelrmi Marosi [et T]home Burbalie.
Im presencia infrascriptorum testium, Guill[elmus] …[omissis]… Volens igitur suis rogaminibus intendere quemadmodum quilibet notarius publicus hoc facere tenetur, ut supra scripsi et im publicam formam posui, presentibus testibus convocatis Ardiçono Iudice, Rainaldino Bulferio, Guillelmo Iudice et Ottone Navarro.
Actum in Vintimiilio, ante domum predictam dicti Marosi. Millesimo et indictione ut supra, die ultima madii. Et duo instrumenta unius tenoris ambe partes rogaverunt fieri, cuilibet partium unum.
Ɑ Ambo sunt facta.

Atto n°17
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

5 giugno 1257, Ventimiglia.
Sentenza a favore di Elena, che agisce a nome della figlia Aldixeta, della quale è tutrice, sul patrimonio del fu Pietro Malete, avo paterno di Aldixeta.

Ɑ Laus Aldixete, filie Helene.
[In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius], iudex eiusdem comunis, sedens pro tribunali, [auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit] et decrevit quod Helena, mater …[omissis]… Quare dietus iudex, dato Guillelmo Paemo curatore predictis minoribus ad faciendum solutionem predictam, misit in scriptis extimatoribus dicti comunis, videlicet Guillelmo Iudici, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, ut in ipsis bonis comunibus extimarent dicte Helene dicto nomine quantitatem predictam. …[omissis]…
Actum millesimo et indictione eodem, die quinta iunii, inter nonam et vesperas, presentibus testibus Milano esecutore, Oberto Mutina, Opigo Ardiçone et Petro de Musso notario.

Atto n°19
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<15-23 gennaio 1258, Ventimiglia.>
Oberto Giudice, Raimondo Giudice, Ardizzono Giudice, Guglielmo Giudice e Guglielmo Enrico nominano loro procuratori Iacopo de Volta e Ianella Avvocato.

Ɑ Oberti Iudicis de Vintimilio.
[Nos Ober]tus Iudex, Raimundus [Iu]d[ex], Ardiçonus Iudex, Guillelmus Iudex et Guillelmus Henricus, quilibet …[omissis]… vel plures se in solidum obligaverint quod quisque …[omissis]… te Iacobum de Volta, presentem, et Ianellam Advocatum …[omissis]…
Actum in …[omissis]… et [O]berto Lupo de Sancto …[omissis]…

Atto n°116
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

14 febbraio 1258, Ventimiglia.
Imberto Boamonte, dichiarando che Ardizzono Giudice si è obbligato nei confronti di Lanfranco Burbonino de Turca per ventisei quartini di frumento e trenta quartini di spelta dietro sua richiesta, lo libera da ogni eventuale conseguenza.

Ɑ Ardiçoni Iudicis.
[Die] eodem, hora et loco. [Ego Imbertus Boamons confiteor tibi Ardiçono] Iudici quod tu ad preces meas et mea [voluntate te et bona tua hodie obligasti] de quartinis viginti sex furmenti [boni et receptibilis et de quartinis triginta avene versus] Lanfrancum Burboninum de Turca, …[omissis]… Pro pena et predictis omnibus et singulis observandis universa bona mea, habita et habenda, tibi pigneri obligo. Testes rogati Guillelmus Henricus et Guillelmus Iudex.

Atto n°136
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

16 febbraio 1258, Ventimiglia.
Rainaldino Bulferio del fu Raimondo Bulferio riceve in mutuo da Lanfianchino Pignolo, podestà di Ventimiglia, la somma di 20 lire di genovini, che promette di restituire entro la successiva festa di San Michele.

Ɑ Lafrachini Pignoli.
Ego Rainaldinus Bulferius, filius quondam Raimundi Bulferii, confiteor me habuisse et recepisse mutuo gratis et amore a te Lanfranchino Pignolo, potestate Vintimilii, libras viginti denariorum ianuinorum, renuntians exceptioni non numerate vel non recepte pecunie; …[omissis]…
Actum in portario Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus rogatis Oberto Iudice, Guillelmo Iudice et Raimundo Iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione XV, die XVI februarii, ante terciam.

Atto n°139
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<14-28> marzo 1258, <Ventimiglia>.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, a nome del comune di Genova, acquista alcune terre ed un casale per il prezzo complessivo di 34 soldi di genovini, di cui la controparte gli rilascia quietanza.

[Ego] …[omissis]… [vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii], recipienti nomine [comunis Ianue], …[omissis]… cavus Colle, inferius terra que fuit heredum quondam Guillelmi Iudicis, ab uno latere terra que fuit Nicolai Barle et ab alio latere via antiqua; …[omissis]…
Actum et cetera ut supra. Testes Obertus Iudex et predicti.

Atto n°166
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

28 marzo 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Bonebella vende a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, che acquista a nome del comune di Genova, una pezza di terra, sita sotto il castello del Colle, per il prezzo di 10 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ego Guillelmus Bonebella vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine comunis Ianue, peciam unam terre, cui coheret superius castrum Colle, inferius terra que fuit Mauri de Mauris, ab uno latere terra Raimunde Bonebelle et ab alio terra que fuit Willelmi Iudicis, ad habendum, tenendum, possidendum et de cetero quicquid volueris iure proprietario et titulo emptionis, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Oberto Iudice, Marino Alvernia et Aldebrando executore. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XXVIII marcii, ante terciam.

Atto n°172
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<22-26> marzo 1258, Ventimiglia.
Guglielmo Enrico, sindaco del comune di Ventimiglia, a nome del quale agisce, rilascia quietanza ad Ottone Galina, sindaco del comune di Pigna, per la somma di 48 lire di genovini, dovuta dai fratelli Bonifacio e Giorgio, conti di Ventimiglia, e che il comune di Pigna, in base alla convenzione stipulata il 30 novembre 1254 con il comune di Ventimiglia, si era impegnato a pagare per la quarta parte.

Ɑ Comunis Pigne.
Ego Guillelmus Henricus, sindicus comunis Vintimilii, auctoritate et voluntate Consilii Vintimilii seu maioris partis, ob hoe heri celebrati more solito per campanam et vocem preconis, nomine ipsius comunis, confiteor habuisse et recepisse a te Ottone Galina, sindico comunis Pigne, …[omissis]…
Actum in capitulo Vintimilii, ubi cu[ria regitur, presentibus testibus] …[omissis]… [Vi]valdo Murro et Guillelmo Iudice. Anno [dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die] …[omissis]… marcii, circa nonam.

Atto n°183
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

1° maggio 1258, Ventimiglia.
Pietro Berreta vende a Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, che acquista a nome del comune di Genova, una pezza di terra incolta, sita sotto il castello del Colle di Ventimiglia, per il prezzo di 5 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ɑ Comunis Ianue.
Ego Petrus Berreta vendo, cedo et trado tibi Bartholomeo Ferrario, iudici comunis Vintimilii, recipienti nomine et vice comunis Ianue, peciam unam terre vacue, site subtus castrum Collis Vintimilii, cui coheret superius dictum castrum, inferius terra mei dicti Petri ripa mediante et ab uno latere terra heredum Bonefemine, …[omissis]…
Actum in civitate Vintimilii, in carrubio Merçarie, presentibus testibus Guillelmo Iudice, Raimundo Daciia et Oberto Barbaxora. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die prima madii, ante nonam.

Atto n°202
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

<12-31> luglio 1258, Ventimiglia.
I coniugi Giovanni Maior di Apricale e Guglielma vendono a Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo Bulferio una pezza di terra sita nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Feleguetum, per il prezzo di 21 soldi di genovini, di cui rilasciano quietanza.

Ɑ Rainaldi Bulferii, filii quondam Rainaldi.
Nos Iohannes Maior de Abrigali et Guillelma, iugales, quisque nostrum in solidum renuntians iuri solidi et omni iuri, vendimus, cedimus et tradimus tibi Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi Bulferii, peciam unam terre site in territorio Vintimilii, ubi dicitur Feleguetum, cui coheret superius terra Guillelmi Curli maioris, inferius litus maris, ab uno latere terra Willelmi Iudicis et ab alio latere terra heredum Oberti Prioris, ad habendum, tenendum, …[omissis]… Anno dominice [Nativitatis millesimo CC quinquagesimo oetavo, indictione quinta decima, die] …[omissis]… iulii, ante vesperas.

Atto n°218
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

5 agosto 1258, Ventimiglia.
Iacopo Valloria e Ugo Marnello compromettono all'arbitrato di Guglielmo Calcia del fu Guglielmo e di Raimondo Buonsignore notaio le controversie fra loro vertenti fino a quella data, con particolare riguardo alla dote della fu Francesca, figlia di Alasia Calcia.

Ɑ Compromissum Iacobi Vallorie et Ugonis Mamelli.
Nos Iacobus Valloria, ex una parte, et Ugo Marnellus, ex altera, compromittimus in Guillelmum Calciam, filium quondam Guillelmi, absentem, et in te Raimundum Bonumsegnorium notarium, presentem, tamquam in arbitros, arbitratores, amicabiles compositores, largas potestates et comunes amicos a nobis sponte electos super omnibus litibus, …[omissis]… presentibus testibus rogatis Conrado de Podio Rainaldo, Guillelmo Iudice et Rainaldino Bulferio, filio quondam Raimundi. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die quinta augusti, ante terciam.
Ɑ Factum est pro ambob[us]. …[omissis]…

Atto n°220
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

21 agosto 1258, Ventimiglia.
Nivelono di Diano giudice, terzo arbitro nella questione vertente fra Iacopo Valloria e Ugo Marnello per la dote della fu Francesca, figlia di Alasia Calcia, sentenzia che Ugo paghi a Iacopo la somma di 10 lire di genovini entro il successivo Natale ed altre 10 lire entro il Natale dell'anno seguente, e che Iacopo restituisca ad Ugo entro quattro giorni gli atti e le ragioni di cui è in possesso.

Ɑ Sentencia Iacobi Vallorie et Ugonis Marnell[i].
Super questione seu questionibus que vertuntur seu verti sperabantur inter Iacobum Valloriam, actorem, ex una parte, et Ugonem Mamellum, ex altera, renuntiantes generaliter super omnibus questionibus et specialiter super questione post compromissum porrecta, que quidem questio talis est: …[omissis]…
Actum in civitate Vintiniilii, ante domum qua habitat Manfredus de Cruceferrea, presentibus testibus Raimundo Rebufato, Guillelmo Iudice, Oberto Iudice et Guillelmo Sardena. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die XXI augusti, ante terciam. Facta est pro ambob[us].

Atto n°224
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

10 settembre 1258, Ventimiglia.
Ottone Giudice del fu Oberto Giudice ratifica la vendita di tutti i suoi beni, mobili ed immobili, e di tutti i diritti, che gli competevano sui beni paterni e materni in Ventimiglia, a Genova e nei rispettivi distretti, che Raimondo Giudice del fu Pietro Giudice ha effettuato, a suo nome, ad Oberto Giudice per la somma di 200 lire di genovini, di cui rilascia quietanza a Raimondo medesimo.

Ɑ Oberti Iudici[s].
Ego Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ratifico et approbo venditionem quam tu Raimundus Iudex, filius quondam Petri Iudicis, nomine meo, fecisti Oberto Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis, de omnibus bonis meis mobilibus et immobilibus et de omnibus iuribus, rationibus et actionibus, utilibus et directis, realibus et personalibus, mixtis et rei persecutoriis, …[omissis]… per instrumentum inde factum manu Oberti, confitendo de dictis libris ducentis integram rationem et solutionem habuisse et recepisse a te dicto Raimundo, renuntians exceptioni non numerate pecunie scu recepte rationis, doli mali et condizioni sine causa, promittens tibi dicto Raimundo de dieta venditione et mandatione et de dietis libris ducentis seu occasione ipsarum …[omissis]…
Actum in civitate Vintimilii, in domo disti Raimundi, presentibus testibus convocatis Iacobo de Volta, presbitero Ugone Melagino, Rainaldo Bulferio, filio quondam Rainaldi, Guillelmo Iudice et Nivelono de Diano iudice. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione quinta decima, die decima septembris, post nonam.

Atto n°229
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

24 ottobre 1258, Ventimiglia.
I fratelli Guglielmo Giudice ed Ardizzono Giudice nominano loro procuratore Guglielmo del fu Oberto de Poçeto per la riscossione di quanto loro dovuto dagli eredi del conte Manuele e del conte Guglielmo.

Ɑ Guillelmi [de] Pogeto.
Nos Guillelmus Iudex et Ardiçonus Iudex, fratres, quisque nostrum in solidum, facimus, constituimus et ordinamus, presentem, nostrum certum nuncium et procuratorem Guillelmum, filium quondam Oberti de Poçeto, ad petendum et recipiendum, …[omissis]…
Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Mauro Bonifacio, Iohanne de Rocabruna clerico et Simone Podisio. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo, indictione prima, die XXIIII octubris, ante nonam.

Atto n°237
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

17 novembre 1258, <Ventimiglia>.
I consiglieri del comune di Ventimiglia ed alcuni altri nominano loro procuratori Rainaldo Bulferio del fu Rainaldo Bulferio e Oberto Genzana per richiedere al capitano del popolo di Genova di provvedere alla nomina degli ufficiali e consiglieri del comune di Ventiiniglia ed a tutto ciò che attiene ad honorem dicti comunis.

Ɑ Hominum Vintimilii.
In nomine Domini, amen. Ad honorem domini capitani populi Ianue et eiusdem comunis, nos infrascripti consiliarii comunis Vintimilii et nos alii subscripti, qui non sumus de Consilio, …[omissis]… Ɑ Nomina dictorum consiliariorum sunt hec: …[omissis]… Maurus de Mauris, Obertus Bonifacius, Isnardus Travacha, Willelmus Henricus, Raimun[dus] …[omissis]… Willelmus Iudex, Willelmus Dulbecus, Otto Maurus, Fulco Gançerra, Fulco Caste Rainaldinus Bulferius filius quondam Raimundi et …[omissis]… Raimundus Bonussegnorius notarius. Nomina illo[rum] …[omissis]…. Valloria, Ardiçonus Iudex, Guillelmus baraterius, Richermus Laurencius, Balduinus Bursa, filius quondam Iacob¡, Petrus Calcia, Nicolaus Barla, Nicola de Tabia, …[omissis]… Gandulfus de Gandulfis et Rainaldus Bulferius filius quondam Bonifacii. Actum …[omissis]… Guillelmino scriba, filio quondam Rainaldi scribe, et Rainaldo …[omissis]… [Anno dorninice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo octavo], indictione prima, die XVII novembris, inter nonam [et vesperas].

Atto n°245
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum I

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

27 agosto 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che Simona, moglie di Guglielmo Turtella, riceva in pagamento della sua dote, anunontante alla somma di 45 lire di genovini, una serie di beni mobili ed immobili, stimati dai publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Simone, uxoris Willelmi Turtelle. In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Simona, uxor Guillelmi Turtelle, habeat, teneat et quiete possideat iure proprietatis et titulo pro soluto, pro parte suarum dotium, que dotes sunt libre XLV ianuinorum, ut patet per publicum instrumentum inde factum manu Raimundi Bonisegnorii notarii in MCCLII, indictione X, die XVII intrante februario, sine contradictione disti Cunradi, viri sui, omniumque personarum pro eo, terras et res infrascriptas. …[omissis]… Forma cuius extimi talis est: Guillelmus Iudex, Raimundus Gengana [et Raimun]dus Aventurerius, publici extimatores comunis Vintimilii, de mandato vel di …[omissis]… Item, in eodem loco, terciam partem cuiusdam casalis, pro indiviso cum predictis, cui coheret superius et inferius Rocha, a lateribus Raimundus Iudex et Obertus Bonifacius, pro libra I. Item culcitram unam cum cossino, pro soldis XXV. …[omissis]… Computatis in predictis rebus expensis extimatorum et laudis ad rationem de duobus tria, secundum formam capituli, que sunt super totum soldi XVII et denarii VI. Quare prefatus iudex, recepta relazione predictorum extimatorum et volens cuilibet de suo iure providere, laudavit, statuit et decrevit ut supra. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus Rainaldo Bulferio, Iohanne Fomario notario, Guillelmo de Vultabio et Bartholoto scriba. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XIIII, die XXVII augusti, ante terciam.

Atto n°V
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

31 ottobre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che siano assegnate a Ghinanno Tenda, in pagamento di un suo credito verso Richermo Tenda, diverse terre, site nel territorio di Ventimiglia, stimate da Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

[Ɑ] Laus Ghinanni Tende.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et offitio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Ghinannus Tenda habeat, teneat et de cetero quiete possideat iure proprietatis et titulo pro soluto terras infrascriptas in solutum pro libris decem et octo et soldis sexdecim ianuinorum, …[omissis]… contradicere quin se quantitatem predictam in eius bo nis extim eidem Ghinanno, misit igitur in scriptis Guillelmo [Iudici, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, publicis extimato]ribus comunis Vintimilii, ut predictam quanti[tatem cum expensis extimatorum et laudis in bonis predictis, ad rationem de duobus tria, exti]mare deberent et inde ei possessionem traderent …[omissis]…
Actum presentibus testibus Iohanne Fornario notario, Willelmo Turtella et Iohanne Bellaver. Anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quinta decima, die ultima octubris, ante terciam.

Atto n°XII
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

3 novembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che Verdaina, vedova di Ugo Vitale, riceva in pagamento della sua dote diverse terre, site nel territorio di Ventimiglia, stimate da Raimondo Giudice de Colla, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Laus Verdain[e], uxoris quondam Ugo[nis] Vitalis.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, laudavit, statuit et decrevit quod Verdaina, uxor quondam Ugonis Vitalis, pro dotibus suis de cetero habeat, teneat et quiete possideat iure proprietatis et titulo pro soluto terras et res infrascriptas in solutum suarum dotium ad simplum pro libris decem ianuinorum et pro expensis extimatorum et laudis ad rationem de duobus tria, secundum formam capituli, que fuerunt super totum soldi duodecim, sine contraditione Oberti Porri, tutore heredum quondam dicti Ugonis Vitalis, heredum ipsorum omniumque personarum pro ipsis. Quod ideo factum est quoniam, cum dicta Verdaina accederet coram dicto iudice, supplicavit ei ut de dictis suis dotibus in bonis dicti quondam Ugonis Vitalis solutionem sibi faceret extimari. Qui iudex, recepta eius supplicatione et iuramento de manifestandis bonis mariti, secundum formam capituli civitatis Vintimilii, citato eciam Oberto Porro, tutore heredum dicti quondam Ugonis Vitalis, si dicte Verdaine volebat contradicere quin se dietas dotes suas in predictis bonis faceret extimari, qui respondit quod nolebat ei contradicere, misit in scriptis Guillelmo Iudici de Colla, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus comunis Vintimilii, ut predictas dotes dicte Verdaine in bonis predictis dicti quondam Ugonis extimare deberent ad simplum et expensas ex timatorum et laudis ad rationem de duobus tria. …[omissis]… [Anno dominice Nativitatis] millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quinta decima, die tercia novembris, [presentibus testibus] [Bo]nosegnorio, notariis.

Atto n°XIII
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

xiv

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

12 novembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Beleem Cauderubee sia assegnata, in pagamento di un suo credito nei confronti del defunto Giovanni Converso, una casa, sita nella città di Ventimiglia, ubi dicitur Burgus, stimata da Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Laus Belee[m] Cauderube[e]
[In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis] Vintimilii, sedendo pro tribunali, auctoritate publica et offitio [magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Beleem Caudarubea habeat, tenea]t et de cetero quiete possideat iure proprie tat[is et titulo pro soluto] [li]bris novem expensarum, ad rationem de duobus tria, …[omissis]… Unde dictus iudex, admissa cius supplicatione, citato etiam dieto Oberto Iudice, tutore dicte Aideline, heredis et filie dicti quondam Iohannis, si volebat contradicere dicto Beleem quin se extimaret in bonis predictis, videlicct in domo subscripta, qui respondit quod nolebat ci contradicere, misit igitur in scriptis Guillelmo Iudici, Raimundo Gençane et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus comunis Vintimilii supradicti, ut dictam quantitatem predicto Beleem extimare deberent ad simplum et expensas extimatorum et laudis ad rationem de duobus tria. …[omissis]…
Actum anno dominice Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione quinta decima, die XII novembris, inter nonam et vesperas, presentibus testibus Iohanne Fomario notario, Guillelmo Turtella et Bartholoto de Sancto Donato notario.

Atto n°XIV
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

15 novembre 1257, Ventimiglia.
Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, sentenzia che a Guglielmo Turtella sia assegnata, per la dote della defunta moglie, una casa sita in Ventimiglia, ubi dicitur in Castello, stimata da Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia.

Ɑ Guillelmi Turtelle.
In capitulo Vintimilii, ubi curia regitur, dominus Bartholomeus Ferrarius, iudex comunis Vintimilii, sedens pro tribunali, auctoritate publica et officio magistratus, laudavit, statuit et decrevit quod Guillelmus Turtella habeat, …[omissis]… quantum pro libris quinque et dicta Ruspalda pro libris sex ianuinorum [n]olle contradicere dicto Guillelmo, misit in scriptis Guillelmo [Iudici, Raimundo Gença]ne et Raimundo Aventurerio, publicis extimatoribus [comunis Vintimilii] …[omissis]…
Actum anno dominíce Nativitatis millesimo CC quinquagesimo septimo, indictione XV, die XV novembris, inter terciam et nonam, presentibus testibus Bartholoto notario, Guillelmo Iudice et Guillelmo Paerno.

Atto n°XVI
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Cartolarius Instrumentorum II

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 10 giugno 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di alcune terre di proprietà di Gerarda, moglie di Rubaldo Balbo.

Atto n°iii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. I.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 4 agosto 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di alcune terre di proprietà del fu Richermo Tenda.

Atto n°vi
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XII.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 21 agosto 1257>.
Guglielmo Giudice e Raimondo Genzana, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una terra di Beatrice, vedova di Giovanni Converso.

Atto n°vii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. II.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 27 agosto 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo dei beni mobili ed immobili di Guglielmo Turtelle per il pagamento della dote di Simona, moglie del medesimo.

Atto n°ix
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Inserto nel documento n. V.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 6 settembre 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una terra dei coniugi Guglielmo Scolabote e Raimonda, sita in Camporosso, ubi dicitur Ruvora.

Atto n°x
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. VI.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 31 ottobre 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di alcune terre di Richermo Tenda.

Atto n°xii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XII.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 12 novembre 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una casa di proprietà del fu Giovanni Converso.

Atto n°xv
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XIV.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 15 novembre 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una casa e di diverse terre, site nel territorio di Ventimiglia, di proprietà del fu Giovanni Berreta notaio.

Atto n°xvi
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XV.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 15 novembre 1257>.
Guglielmo Giudice, Raimondo Genzana e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una casa, sita nella città di Ventimiglia, ubi dicitur in Castello.

Atto n°xvii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XVI.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

s. d. <ante 12 dicembre 1257>.
Guglielmo Giudice e Raimondo Aventurerio, publici extimatores del comune di Ventimiglia, su mandato di Bartolomeo Ferrario, giudice del comune di Ventimiglia, procedono all'estimo di una terra, sita in Vallecrosia, di proprietà di Oberto Clerico.

Atto n°xxiii
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1256 al 1258
Repertorio delle notizie e degli atti inseriti nel Cartolarius Instrumentorum II:
Notizia nel documento n. XXIII.

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

22 febbraio 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice cede a Raimondo Giudice una pezza di terra, in parte incolta e in parte tenuta a viti, fichi e altre colture arboree, sita ubi dicitur Rivoira, in cambio di una pezza di terra incolta, sita in Felegueto.

[Ɑ Gui]llelmi Calcie et [Guillel]mi, Iudicis. Die xxii februarii, ante terciam. Cambium et permutationem fecerunt ad invicem inter se Guillielmus Iudex, ex una parte, et Raimundus Iudex, ex altera, videlicet quod dictus Guillelmus dedit et cessit dicto Raimundo peciam unam terre, partim vacue et partim arborate ficuum, vitium et aliarum arborum, …[omissis]… Actum in portario ecclesie Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus convocatis Guillelmo Calda, presbitero Ugope Melagino et Obertino filio Ottonis ludicis. Anno et indictione ut supra.
Ɑ Factum est pro cticto Guillelmo.

Atto n°25
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

22 febbraio 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Calcia vende a Gaglielmo Giudice terra pezza di terra incolta, sita ubi dicitur in Felegueto, per il prezzo di 30 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Ɑ Guillelmi Iudicis.
Die codem, hora et loco. Ego Guillelmus Calcia vendo, cedo et trado tibi Guillelmo Iudici pedam unam terre vacue, posite ubi dicitur in Felegueto, cui coheret superius via, inferius et ab uno latere terra tui emptoris et ab alio latere terra Guillelmi Curli maoris, sive alie sint coherende, ad habendum, tenendum, possidendum et de cetero quicquid volueris iure proprietario et tituto emptionis fadendum, cam omni suo iure, …[omissis]… venditione. Pro pena et predictis omnibus et singulis observandis universa bona mea habita et habenda tibi pigneri obligo. Actum presentibus testibus Guillelmo Curlo maiore, Richermo Tenda et Guillelmo de Vultabio. Anno et indictione ut supra.

Atto n°26
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

24 febbraio 1259, Ventimiglia.
Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, vendono a Guglielmo Enrico, per una metà, e ad Ardizzono Giudice e Guglielmo Giudice, per l'altra metà, un mulino, pro indiviso, con due ruote, situato in Pascherio, cum omnibus suis aquaticiis sive aqueductibus, per il prezzo di 40 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza. Dichiarano di procedere alla vendita per pagare i debiti di Ottone Giudice.

[Ɑ Guillelmi Henrici], Ardi[çoni et Guillelmi Iu]dicum.
Die eodem, post nonam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, fratres et filii quondam Raimundi Iudicis, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Guillelmo Henrico, ementi pro medietate, et Ardiçono Iudici et Guillelmo Iudici, pro alia medietate, …[omissis]… vestrum Ardiçoni et Guillelmi Iudicis et ab alio molendinum Guillelmi Dulbeci, sive alic sint coherencie, ad habendum, …[omissis]… ultra. Possessionem quoque et dominium dicti molendini cum suis pertinenciis vobis tradidisse confitemur, constituentes nos ...[omissis]

Atto n°31
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

13 giugno 1259, Ventimiglia.
I coniugi Iacopo de Volta e Aldina promettono di restituire ai coniugi Oberto Giudice e Alasina, a Giovanni, e ai coniugi Marineto e Franceschina, la terra da essi venduta loro, di cui a un documento precedente del 13 giugno 1259, se essi venderanno loro, entro la metà del prossimo ottobre, il mulino de Pascherio, tenuto da Guglielmo Enrico, Ardizzono Giudice e Guglielmo Giudice, o se, entro lo stesso periodo, verseranno loro 45 lire di genovini, a titolo di pagamento della terra medesima. In caso di vendita del mulino, Iacopo de Volta e Aldina promettono di restituirlo ai venditori qualora i venditori medesimi versino loro la somma di 45 lire.

[Ɑ Oberti Iudi]cis.
Die xiii iunii, inter nonam et vesperas. Nos Iacobus de Volta et Aldina, iugales, quisque nostrum in solidum, renuntiantes iuri solidi de principali primo conveniendo et omni alii iuri, promittimus et convenimus vobis Oberto Iudici et Alasine, iugalibus, Iohanni et Marineto atque Francischine, uxori dicti Marineti, stipulantibus, …[omissis]… quem habent et tenent atque possident Guillemus Enricus, Ardiçonus Iudex et Guillelmus Iudex, vel si precio ipsius terre, usque ad dictum terminum nobis solveritis libras quadraginta quinque ianuinorum, …[omissis]… predictis omnibus et singulis observandis universa bona nostra habita et habenda vobis pigneri obligamus, faciens ego Aldina hec omnia consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Ingeti Buroni et Guillelmi Enrici, …[omissis]… Actum in eivitate Vintimilii, in domo qua habitat clictus Obertus, presentibus testibus rogatis Iohanne clerico de Rochabruna et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°66
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

14 giugno 1259, Ventimiglia.
I fratelli Oberto Giudice, Giovanni e Marineto, figli del fu Raimondo Giudice, da una parte, e Ottone Giudice del fu Oberto Giudice, dall'altra, compromettono all'arbitrato di Raimondo Giudice e Guglielmo Giudice le questioni fra loro vertenti in occasione della successione del fu Oberto Giudice, padre di Ottone e nonno di Oberto, Giovanni e Marineto, in occasione della successione del fu Obertino Giudice, fratello di Ottone e zio dei predetti Oberto, Giovanni e Marineto e in occasione della dote della defunta madre di Ottone, nonna di Oberto, Giovanni e Marineto.

Ɑ Oberti Iudicis et fratrum, ex una parte, et Ottonis Iudicis, ex altera.
Die XIIII iunii, ante terciam. Nos Obertus Iudex, Iohannes et Marinetus, frates et filii quondam Raimundi Iudicis, ex una parte, et Otto Iudex, filius quondam Oberti Iudicis, ex altera, compromittimus in vobis, Raimundum Iudicem et Guillelmum Iudicem, presentes, de omni lite et controversia que inter nos vertitur vel verti posset occasione successionis Oberti Iudicis quondam, patris mei dicti Ottonis et avi nostrorum dicti Oberti et fratrum et occasione successionis Obertini quondam Iudicis, fratris mei dicti Ottonis et nostrorum predictorum Oberti et fratrum, et occasione dotium quondam mei Ottonis et avie nostrorum predictorum Oberti et fratrum …[omissis]… iurantes insuper [n]os dicti Iohannes et Marinetus, tactis corporaliter Sacris Scripturis, ut supra dictum est attendere, complete observare et in aliquo predictorum non contrafacere vel venire facientes hec omnia consilio Mau[ri] de Mauris et Conradi Mauri …[omissis]… Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus convocatis Guillielmo fornario, Guillelmo Rafa, Iohanne Fornario, Oberto Sagonensi, Raimundo Audeberto et Guillelmo Curio maiore. Anno et indictione ut supra.

Atto n°68
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

5 agosto 1259, Ventimiglia.
Iacopo de Volta presenta a Giovanni Giudice del fu Raimondo Giudice una lettera dell'arcivescovo di Genova che gli intima di presentarsi al proprio cospetto per la questione relativa all'annullamento del suo matrimonio con Lorenzina del fu Oberto de Volta. Iacopo dichiara di non essere tenuto a presentarsi in Genova avendo contratto matrimonio in Ventimiglia ed essendo la moglie costretta a seguire il foro del marito.

Ɑ Laurencine, filie quondam Bertholoti de Volta.
Die V augusti, post nonam. Iacobus de Volta obtulit sive representavit Iohanni Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis, litteras, infrascriptas, sigillatas sigillo cere viridis, cuius sigilli superscriptio talis erat: «Sigillum curie archiepiscopi Ianuensis»; in medio dicti sigilli erat ymago episcopalis tenens in manibus pastoralem. Tenor dictarum litterarum talis erat: «Magister Henricus, vicarius domini archiepiscopi Ianuensis, discreto viro Iohanni Iudici, filio quondam Raimundi Iudicis de Vintimilio, salutem et omnem bonum. Ex parte Laurencine, filie quondam Oberti de Volta, …[omissis]… inter comune Ianue et comun[e] Vintimilii. Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Guillelmo Enrico, Raimundo Iudice et Guillelmo Iudice. Anno et indictione ut supra.

Atto n°88
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

2 novembre 1259, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice vende a Lanfranco Bulbonino de Turca una pezza di terra, coltivata a viti e a fichi, situata ad Sanctum Vincencium, per il prezzo di 16 lire e 16 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza.

Die II novembris, post vesperas. Ego Guillelmus Iudex vendo, cedo et trado tibi Lanfranco Bulbonino de Turca peciam unam terre, agregate ficuum et vitium, posite ad Sanctum Vincencium, cui coheret superius et inferius via, ab uno latere terra domini episcopi et ab [alio] latere terra Ardiçonis Iudicis, ad habendum, tenendum, …[omissis]… obligo. Actum in domo qua habitat Manfredus de Crusferrea, in civitate Vintimilii, presentibus testibus Rainaldino Bulferio filio quondam Raimundi, Guiranno Tenda et Ardiçono Iudice. Anno et indictione ut supra. MCCLX, indictione tercia, die XXI decembris, cassum voluntate parcium, presentibus Oberto Iudice et Willelmo Barbaxora.

Atto n°112
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

2 novembre 1259, Ventimiglia.
Lanfranco Bulbonino de Turca, secondo quanto già stabilito, promette di restituire a Guglielmo Giudice la terra da lui vendutagli di cui ad altro documento dello stesso giorno, in qualsiasi momento egli, entro il termine di un anno, gli verserà la somma di 16 lire e 16 soldi di genovini, prezzo della terra stessa.

Ɑ Guillelmi Iudicis.
Die eodem, hora, loco et presentibus. Ego Lanfrancus Bulboninus de Turca, ex pacto habito inter me et te Guillelmum Iudicem, promitto et convenio tibi reddere et restituere peciam unam terre, agregate vitium et ficuum, que iacet ad Sanctum Vincentium, quam mihi hodie vendidisti, et cartam illius venditionis, scriptam manu Iohannis de Mandolexio notarii, …[omissis]… pacto. Pro pena et predictis omnibus attendendis universa bona mea habita et habenda tibi pigneri obligo.

Atto n°113
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

11 novembre 1259, Ventimiglia.
I coniugi Iacopo Anfosso e Bronda vendono ad Ardizzono Giudice e al di lui fratello Guglielmo tutti i diritti che loro competono in occasione dell'eredit� della defunta Giovanneta, figlia della fu Alasia Berra, per il prezzo di 15 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

Ɑ Ardiçonis et Willelmi Iudicis.
Die XI novembris, post nonam. Nos Iacobus Anfussus et Bronda iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus vobis Ardiçono Iudici et Guillelmo, fratribus, omnia iura et actiones reales vel personales, utiles vel directas seu mixtas vel quasi, …[omissis]… supradictis. Et pro his observandis universa bona nostra habita et habenda vobis pigneri obligamus. Actum in domo predicti Ardiçoni, presentibus testibus Guillelmo Casanova et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra.

Atto n°137
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

26 novembre 1259, Ventimiglia.
I fratelli Guglielmo Giudice e Ardizzono promettono ai coniugi Iacopo Anfosso e Bronda di non convenirli in giudizio per i beni della fu Giovanneta, figlia della fu Alasia Berra, venduti dai detti coniugi ai suddetti fratelli.

Ɑ Iacobi Anfussi et eius uxoris.
Die XXVI novembris, post nonam. Nos Guillelmus Iudex et Ardiçonus, fratres, ex pacto habito inter nos, ex una parte, et vos, Iacobum Anfussum et Brondam iugales, ex altera, promittimus et convenimus vobis quod, si rationes seu iura hereditatis et bonorum que fuetunt quondam Iohannete, filie quondam Alasie Berre, que nobis vendidistis, …[omissis]… obligamus. Actum in capitulo Vintimilii, presentibus testibus Iacobo Laurencio, Matheo scriba, Iacobo Marchexano et Willelmo Calcia. Anno et indictione ut supra.

Atto n°140
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

5 dicembre 1260, Ventimilia.
Lanfranco Bulbonino de Turca cede a Guglielmo Giudice tutti i diritti che gli competono su una pezza di terra, coltivata a fichi e a viti, situata ad Sanctum Vincencium, per la somma di 16 lire e 16 soldi di genovini, di cui rilascia quietanza. Ordina inoltre che sia cassato l'atto di vendita della terra medesima in data 2 novembre 1259.

Ɑ Willelmi Iudicis.
Die eodem, post vesperas. Ego Lanfrancus Bulboninus de Turca do, cedo et trado tibi Guillelmo Iudici et in te transfero omnia iura, rationes et actiones reales et personales, utiles et directas, que et quas habeo et mini competunt seu competere possent in quadam pecia terre, …[omissis]… exceptioni. Insuper volo et iubeo cassari instrumentum venditionis dicte terre, quam mihi fecisti, scriptum manu Iohannis de Mandolexio, notarii subscripti, MCCLVIIII, indictione secunda, die secunda novembris, post vesperas, et ipsum instrumentum post dictam cessione nullis valoris esse iubeo. Actum in platea Vintimilii, presentibus testibus Oberto Iudice, Ingeto Burono et Guillelmo Barbaxora. Anno et indicdone ut supra.

Atto n°325
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

14 dicembre 1260, Ventimiglia.
Ottone Giudice di Ventimiglia cede, per la somma di 25 lire di genovini, a Guglielmo Giudice tutti i diritti che gli competono contro Astraldo di Seborga sulle terre, poste nel territorio di Ventimiglia, oggetto della vertenza per cui, il precedents 27 agosto, i medesimi Ottone e Astraldo si erano rimessi all'arbitrato di Ottone Alamano.

Ɑ Willelmi Iudicis. [Di]e XIIII decembris, ante [tercia]m. Ego Otto Iudex de Vintimilio do, cedo et trado tibi Guillelmo Iudici et in te transfers omnia iura, rationes et actiones reales et personages, que et quas habeo vel habere possem et mihi competunt seu competere possent contra Astraldum de Seburcaro in terris et occasione terrarum quarundam positarum in territorio Vintimilii, pro quarum discordia …[omissis]… exceptioni. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Oberto Iudice, Simone Podisio, Iacobo clerico de Unelia et Ardiçono Iudice. Anno et indictione ut supta. S. dr. VI.

Atto n°332
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

21 marzo 1261, Ventimiglia.
Guglielmo Giudice, Guglielmo Enrico, Raimondo Giudice, Rainaldino Bulferio del fu Raimondo e Guglielmo Arzeleto maior dichiarano di aver ricevuto da Iacopo di Recco 8 cantari di carni salate e 7 rotoli di carni nostratarum, per cui promettono di pagare, entro la prossima festa di San Martino, la somma di 16 lire e 3 soldi di genovini.

Ɑ Iacobi [de] Recho.
Die XXI marcii, ante terciam. Nos Guillelmus Iudex, Guillelmus Enricus, Raimundus Iudex, Rainaldinus Bulferius filius quondam Raimundi et Guillelmus Arçeletus maior, quisque nostrum in solidum, confitemur habuisse et recepisse a te Iacobo de Recho cantaria octo carnium salitarum et rotolos septem nostratarum, renuntiantes exceptioni non traditarum carnium et non habitarum et omni alii exceptioni nobis competenti et competiture; …[omissis]… possemus. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Iohanne Fornario notario, Fulcone Gançerra, Guillelmo Paerno et Gaialdo de Monteleone iudice, qui ditavit presens instrumentum. Anno et indictione ut supra. D MCCLXII, die XXII octu[bris], cassum voluntate partium, quia satisfac[tum] dicto Iacobo, presentibus Oberto Iudice [et ...]

Atto n°354
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

21 marzo 1261, Ventimiglia.
Guglielmo Calcia e il figlio Oberitino dichiarano che Guglielmo Giudice, Guglielmo Enrico, Raimondo Giudice, Rainaldino Bulferio e Guglielmo Arzeleto maior hanno stipulato, su loro mandato, il contratto di cui al documento precedente e si impegnano a mantenerli indenni da eventuali danni loro derivanti dagli obbligbi assunti nel contratto stesso.

Die eodem, hora, loco et testibus. Nos Guillelmus Calcia et Obertinus, filius dicti Guillelmi, voluntate, iussu, auctoritate et consensu dicti patris mei, uterque nostrum in solidum, confitemur vobis Guillelmo Iudici, Guillelmo Enrico, Raimundo Iudici, Rainaldino Bulferio et Guillelmo Arçeleto maiori quod vos, nostris precibus et mandato, et pro nobis et utilitate nostra, obligastis versus Iacobum de Recho, quisque vestrum in solidum, de libris sexdecim et soldis tribus eidem dandis et solvendis usque ad proximum festum sancti Martini pro cantariis o …[omissis]… observare, faciens hec omnia consilio Iohannis Fornarii notarii et Willelmi Paerni, vicinorum meorum. Actum anno et indictione ut supra.

Atto n°355
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

21 marzo 1261, Ventimiglia.
Lanfranco Bulbonino de Turca dichiara a Guglielmo Giudice e a Guglielmo Enrico di aver ricevuto da Guglielmo Calcia la somma di 10 lire e 14 soldi di genovini in luogo delle 14 mine di frumento, che il medesimo Guglielmo Calcia era tenuto a versargli in pagamento del canone di locazione di una pezza di terra, sita nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Celia, per i due anni precedenti.

Willelemi Iudicis et Willelmi Enrici.
Die XXI marcii, post terciam. Ego Lanfrancus Bulboninus de Turca confiteor vobis Guillelmo Iudici et Guillelmo Enrico me habuisse et recepisse a Guillelmo Calcia libras decem et soldos quatuordecim ianuinorum pro minis quatuordecim frumenti quas mihi due tenebatur …[omissis]… meorum. Actum in ecclesia Sancte Marie de Vintimilio, presentibus testibus Mauro Bonifacio et Eliono Conrado. Anno et indictione ut supra. S. d. II.

Atto n°356
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

4 aprile 1261, Ventimiglia.
I coniugi Guglielmo Giudice e Giovanna vendono a Ingeto Burono una casa, situata nella città di Ventimiglia, ubi dicitur in Castro, per il prezzo di 13 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

[Ingeti Buroni].
Die IIII aprilis, ante terciam. Nos Guillelmus Iudex et Iohanna iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Ingeto Burono domum unam quam visi sumus habere in civitate Vintimilii, ubi dicitur in Castro, cui coheret a tribus partibus via et ab alio latere domus Ardiçoni Iudicis, cum onim suo iure, ratione, actione reali et personali, utili et directo, introitibus et exitibus suis omnibusque …[omissis]… faciens hec omnia et singula supradicta consensu et voluntate dicti viri mei et consilio Guillelmi Calcie et Ardiçoni Iudicis, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello. Actum in civitate Vintimilii, in dicta domo, presentibus testibus rogatis Rainaldino Bulferio, filio quondam Raimundi, et dictis consiliatoribus. Anno dominice Nativitatis et indictione ut supra. D MCCLXIII, die XXX decembris, presentibus Guillelmo Bellaver et Ardiçono Iudice, cassata voluntate et iussu dicti Ingonis, quia restituit eam, ut tenebatur.

Atto n°362
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

4 aprile 1261, Ventimiglia.
Ingone Burono promette di restituire ai coniugi Guglielmo Giudice e Giovanna la casa da essi vendutagli e il relative atto, di cui al documento precedente, in qualsiasi memento essi, entro il prossimo 1° aprile, gli verseranno la somma di 13 lire di genovini, prezzo della casa medesima.

Willelmi Iudicts.
Die eodem, hora, loco et testibus. Ego Ingo Buronus promitto et convenio vobis Guillelmo Iudici et Iohanne iugalibus stipulantibus reddere et restituere domum quam mihi, uterque vestrum in solidum, hodie vendidistis, et cartam illius …[omissis]… usufructare. Et pro predictis omnibus attendendis universa bona mea habita et habenda vobis pigneri obligo. Actum anno et indictione ut supra. [S.] d. VI.

Atto n°363
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262

Atto del notaio Giovanni de Amandolesio

4 aprile 1261, Ventimiglia.
I coniugi Ardizzono Giudice e Raimonda vendono a Ingone Barono una pezza di terra, coltivata a viti e a fichi, situata nel territorio di Ventimiglia, ubi dicitur Pineta, per il prezzo di 26 lire di genovini, di cui rilasciano quietanza.

[Ingonis Bur]oni.
Die eodem et hora. Nos Ardiçonus Iudex et Raimunda iugales, quisque nostrum in solidum, vendimus, cedimus et tradimus tibi Ingoni Burono peciam unam terre, arborate vitium et ficuum, quam visi sumus habere in territorio Vintimilii, ubi dicitur Pineta, cui coheret superius et ab uno latere terra heredum Ugonis Sagonensis, inferius via et ab alio latere fossatus Vallis Bone, cum omni suo iure, ratione, actione reali et personali, utili et director introitibus et exitibus suis omnibusque demum suis pertinenciis, nichil ex his in nobis retento, …[omissis]… et consilio Guillelmi Calcie et Guillelmi Iudicis, vicinorum meorum, quos in hoc casu meos propinquos et consiliatores eligo et appello. Actum in domo dictorum iugalium, presentibus testibus rogatis Rainaldino Bulferio, filio quondam Raimundi, et dictis consiliatoribus. Anno et indictione ut supra. Millesimo CCLXIII, indictione quinta, die XVII ianuarii, cassata fuit voluntate parcium, presentibus testibus Simone Podisio, Ianuino Candalupi et Petrobono de Sancta Agnete, quia dictus Ingo reddidit, ut tenebatur.

Atto n°364
Atti rogati in Ventimiglia dal notaio
Giovanni di Amandolesio dal 1259 al 1262